Chi è Maria per il popolo?

Tre sono le caratteristiche maggiormente avvertite dal popolo nella sua devozione alla Vergine:1) Maria madre potente e misericordiosaIl popolo coglie prima di tutto Maria nella sua qualifica di Madre. Dio volle che il Salvatore fosse un germoglio della nostra razza, uscisse dalla nostra umanità per mezzo di Maria, la Madre Vergine. È lei che ha reso grandi anche noi, trasformato il volto della nostra umanità nel volto di suo Figlio che, per lei, è diventato nostro fratello. Madre di Dio, Maria è anche la nostra madre, per cui è colta come colei che manifesta in un cuore umano la potenza dell’amore infinito di Dio. Maria è avvertita come mediatrice e dispensatrice di tutte le grazie perché, attraverso di lei, Dio è venuto e viene a noi e questo viene sperimentato dal popolo a partire dalle sue necessità, contraddizioni, angosce, sofferenze, dolore. Accanto alla potenza di mediatrice, il popolo avverte il volto della misericordia in Maria. Ella è colei che comprende, è attenta e concede favori. Per questo l’appellativo “Madre di misericordia” riferito a Maria è di fatto uno dei più diffusi e più cari alla pietà popolare.2) Maria, la diversa da noiDi fronte a Maria potente e misericordiosa, il popolo avverte il vuoto radicale del suo essere, cioè la realtà del peccato. Maria è vista come radicalmente diversa da noi peccatori perché “tutta santa”, “tutta pura”, l’ideale del cristiano, il segnale della vita vera. Di conseguenza il popolo percepisce in modo istintivo la santità di Maria e per questo la prega e la contempla.. Questa convinzione si riassume nelle parole: “Santa Maria, madre di Dio, prega per noi peccatori”. In Maria il popolo esalta Dio che ha trovato in lei una creatura piena di accoglienza, ha incontrato un sì incondizionato, rendendo la sua esistenza luminosa, anche se vissuta nell’umiltà e solcata dal dolore.3) Maria vicina alla storia umanaLa maternità misericordiosa di Maria insieme alla sua eccezionale santità, la fanno sentire una persona familiare e quindi attenta e vicina nella vita. Il popolo ricorre a lei non solo nei momenti di gioia o avvenimenti lieti di una famiglia, ma soprattutto nelle situazioni limite di bisogno o di disperazione. E questo, perché il popolo avverte che Maria nella sua esperienza terrena ha sofferto una delle tragedie più grandi per una madre: la morte crudele del Figlio. Maria ha, quindi, condiviso la sofferenza e l’abbandono, divenendo quasi un simbolo della tragedia umana, e per questo il popolo la sente vicino alla propria storia e, nella sua grandezza, motivo di conforto, consolazione e rifugio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *