DOBBIAMO CONSACRARCI A MARIA


 di P. Giacomo Pesce 1. Lo vuole Gesù.2. Lo vuole Maria.3. Lo esige il nostro bene spirituale.4. Lo esige la salvezza dei peccatori.5. Lo esige la salvezza dell’umanità. Fratelli! Il 31 ottobre 1942 il Pontefice Pio XII consacrava al Cuore Immacolato di Maria la Chiesa ed il mondo intero, come il Papa Leone XIII, al principio di questo secolo, aveva consacrato la Chiesa eil mondo al Sacro Cuore di Gesù.Da allora tutti, individui, famiglie. Vescovi, Cardinali andarono a gara nell’imitare l’esempio del Santo Padre, consacrando se stessi e le anime a loro affidate al Cuore Immacolato di Maria.La consacrazione perfetta, totale è il più ampio e il più alto tributo di pietà e di ossequio che si può tributare a Maria, è il vertice del culto mariano, perché essa racchiude in mirabile sintesi tutti gli atti di culto verso la SS. Vergine, cioè la venerazione, l’amore, la invocazione, la servitù, l’imitazione.Di qui la necessità, il dovere per ognuno di compiere questa consacrazione, la rinnovi sovente, la viva intensamente.Abbiamo parlato di necessità, di dovere non a caso.E lo dimostreremo con i seguenti argomenti. 1. Lo vuole Gesù. Nell’anno 1917, a Fàtima, nel Portogallo, la Madonna apparve più volte a tre pastorelli giovanissimi(due bimbe e un ragazzo). Durante una di queste apparizioni disse loro:« II Signore vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato ».Il 15 dicembre 1926 Gesù riapparve a Lucia, una dei tre veggenti, e le chiese se già avesse propagato la devozione al Cuore Immacolato della Madre sua.Nei primi del 1943 il Signore apparve nuovamente a Lucia per esprimerle la gioia del suo Cuore per la consacrazione del genere umano al Cuore Immacolato di Maria, fatta dal Papa. Poi soggiunse: «L’atto del Santo Padre è incompleto. Esso non potrà essere completo, finché ogni individuo, ogni famiglia, ogni collettività ecclesiastica e civile non abbia fatto la sua consacrazione al Cuore Immacolato di Maria ».Dunque Gesù vuole la consacrazione.2. Lo vuole Maria. Il 13 giugno 1917 la Madonna, apparendo ai trepastorelli di Fàtima, disse loro: «A chi abbracceràla devozione al mio Cuore Immacolato prometto lasalvezza eterna. Queste anime saranno predilette daDio, come fiori posti dinanzi al suo trono».Il 13 luglio Maria apparve nuovamente ai tre fanciulli dicendo: «La guerra sta per finire, ma se gliuomini non cesseranno di offendere il Signore, nonpasserà molto tempo… e ne incomincerà un’altra peggiore.Per impedire ciò verrò a chiedere la consacrazionedel mondo al mio Cuore Immacolato ».Nel 1929 la Madonna apparve ancora a Lucia e ledisse : « Vengo a chiedere la consacrazione del mondoe della Russia al mio Cuore Immacolato ».Dunque la Madonna vuole la consacrazione. 3. Lo esige il nostro bene spirituale.Quando Maria ha gettato le sue radici in un’anima,vi produce meraviglie di grazia quali Ella sola può produrre, perché è l’unica Vergine feconda.Vana è sicuramente la pietà, inutile la devozione di chi non ha vera volontà di onorare sempre e dovunque la Madonna.Quando lo Spirito Santo trova Maria in un’anima,vola in essa, la riempie, le si comunica abbondantemente.Una delle ragioni principali per le quali lo SpiritoSanto non compie grandi cose nell’anima nostra, è che non la trova abbastanza saldamente e intimamente unita con la sua fedele e indissolubile Sposa Maria.«Felici le anime che comprendono bene lo spirito della consacrazione perfetta e la vivono fedelmente».Lo Spirito Santo vivrà in loro, si comunicherà loro con abbondanza di doni ed insieme con Maria formerà in loro Gesù, alla gloria di Dio Padre.Quando verrà il tempo avventurato, in cui la divina Maria regnerà Padrona e Sovrana nei cuori, per sottometterli pienamente all’impero del suo grande ed unico Gesù?Quando le anime respireranno Maria, come i corpi respirano l’aria?Quando verrà questo tempo felice, quest’era di Maria, nella quale le anime, immergendosi volontariamente nell’abisso interiore della Madonna, diverranno copie viventi di lei per amare e glorificare Gesù Cristo?Questo tempo fortunato verrà, quando tutti conosceranno e praticheranno la «consacrazione perfetta a Maria Santissima». 4. Lo esige la salvezza dei peccatori.Il 13 luglio 1917 la Madonna fece una delle sue apparizioni ai tre pastorelli di Fatima e, dopo averloro fatto vedere come è fatto l’inferno, disse : «Avete visto l’inferno, dove vanno a finire le anime dei peccatori? Per salvarli, il Signore vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato».Il Signore dunque vuole stabilire e diffondere in tutto il mondo la devozione al Cuore Immacolato di Maria quale garanzia di salvezza per i peccatori.Dunque oggi il mezzo più efficace per la conversione delle anime è la devozione e la consacrazione. 5. Lo esige la salvezza dell’umanità.Il mondo fu creato per Maria, il mondo divenne cristiano per Maria e lo sarà completamente, quando Ella sarà conosciuta, amata, invocata, imitata.Il mondo non è ancora arrivato interamente a Cristo,perché non si è additata abbastanza la via per giungere a lui: Maria.Questo mondo è il figliol prodigo; trova duro il ritorno al Padre. Bisogna mostrargli che sulla porta di casa c’è Maria a riceverlo.Gesù si trova sempre, come l’hanno trovato i Rè Magi: «et intrantes domum invenerunt Puerum cum Maria matre eius» (Mt. 2,11).Dove non si trova Maria, non si troverà neppure Gesù. Bisogna penetrare profondamente tutto il senso di questa verità essenziale: «Una donna fu la rovina di tutti: una Donna salva tutti».L’uomo si piega alla madre; il mondo si piegherà a Maria.Quanto è difficile che figli, orfani di mamma, crescano buoni! Cosi è degli uomini rispetto a Maria.Quello che la madre è in una famiglia. Maria è nella Chiesa.Dio Padre ci diede suo Figlio per mezzo di Maria.A noi dunque non rimane che riceverlo sempre dalle mani di Maria.Il corpo sta unito al capo per mezzo del collo, ed il capo trasmette la vita e la forza al corpo per mezzo del collo. Orbene, Cristo è il Capo, la Chiesa è il Corpo, Maria è il Collo.Il capo si piega verso terra per mezzo del collo.La Misericordia infinita di Dio si piega verso il mondo per mezzo di Maria.Per tutto questo il Papa Pio XII indicò il Cuore Immacolato di Maria come la speranza, la via di salvezza per tutti.Fratelli!Alla maternità risponde sempre la figliolanza; Maria,Madre vera di Dio, è anche Madre vera degli uomini.Accanto al suo Cuore materno tutti gli uomini si sentono figli d’una medesima madre e perciò fratelli.Ma per la Maternità divina Maria è la Madre di Gesù Cristo, di cui pertanto siamo fratelli, essendo Egli e noi, insieme, per quanto in diverso modo, figli di Maria.Cosi nel culto del Cuore Immacolato di Maria si condensa la sostanza del messaggio evangelico, che si compone di due parole: Paternità divina e fratellanza umana, fuse insieme alla luce dell’amore, nel cuore di una grande Donna, che è Madre di Dio e Madre nostra.Fratelli, mai come oggi si è sentito il bisogno di un ritorno a questa Paternità e a questa fratellanza.La guerra fratricida ha riacceso tutte le fiamme dell’odio, scavando abissi immensi tra popolo e popolo,addirittura tra famiglia e famiglia.Il culto e la devozione al Cuore Immacolato di Maria è come un’ondata di calore sul ghiaccio della caina umana, in cui è precipitato il mondo.La consacrazione dell’umanità al Cuore Immacolato di Maria, fatta da Pio XII, è un gesto storico, che delinea un orientamento di salvezza.Forse è nei disegni di Dio che l’umanità traviata ritrovi se stessa ed il suo Creatore, malamente abbandonato, attraverso il Cuore Immacolato di Maria. «Io soltanto posso venire in vostro aiuto», ha detto la Madonna.La consacrazione a Maria è dedizione totale, senza limiti di tempo ne di spazio; è un dono intero di sé,per tutta la vita e per tutta l’eternità; è un dono non di pura forma o di puro sentimento, ma effettivo, compiuto nella intensità della vita cristiana e mariana.Quindi la pietà mariana di un’anima consacrata non è una pietà tranquilla e inoperosa, pietà di anime timorose dei pericoli del mondo, pietà che si esaurisce in forme di febbrile attività esteriore, basata su mire stranamente egoistiche, ammantate dalla falsa aureola di spiritualità. Caratteristiche della pietà mariana.La pietà mariana di un’anima consacrata:a) È una pietà che è fiamma, che è spada che non arretra di fronte alle più sanguinose persecuzioni.Il vero devoto di Maria è il cristiano che combatte coraggiosamente agli ordini di Colei che ha stroncato tutte le eresie, che sa vivere una vita di lotta dura e tenace.Il falso devoto di Maria è il cristiano dalla pietà interessata, la quale non vede nella Madonna che la Distributrice di tutte le grazie, soprattutto di ordine materiale, e nella sua devozione una devozione di sicuro riposo, che non serve se non a rimuovere dalla sua vita la santa croce degli affanni, delle lotte, delle sofferenze; una devozione sensibile di dolci consolazioni e di manifestazioni entusiastiche.b) È una pietà di movimento. È difesa della società,che nel momento attuale esige cittadini decisi a salvarla con un’azione paziente e disinteressata. È difesa della Chiesa Cattolica, che chiede cattolici veri,ben temprati e forti; cattolici senza paura, integri,fermi, intrepidi. Le persone indecise, le «paste frolle», dal mondo stesso sono scartate, respinte, calpestate.La pietà mariana deve tenere deste le coscienze, perché non si lascino indurre dalle subdole manovre del nemico. Il nemico del bene non disarma. Se per ragioni di convenienza a volte sospende temporaneamente persecuzioni sanguinose e metodi violenti, intensifica la sua opera per raggiungere con mezzi capziosi e pacifici la stessa meta: il pervertimento e l’intossicazione degli spiriti.La pietà mariana vuole la difesa della Chiesa e la conquista del mondo a Cristo. Ora queste esigono che l’anima sia armata delle armi della verità, armi maneggiate con sicurezza, con padronanza. Il dono più grande che Dio ha dato ai popoli è la libertà fondata sulla verità. Questa verità è Cristo datoci da Maria. Maria quindi è alle origini della vera libertà dei figli di Dio, perché Ella, Regina di virtù ammirabili, ha goduto sempre dell’autentica libertà: la libertà del bene e la libertà dal male.Quindi nel nome di Maria, e fiduciosi del suo aiuto, combattete per salvare la dignità e la libertà contro chiunque osi intaccarla o distruggerla; confrontate la vostra vita con quella di Maria, vita imitabile nella semplicità, vita che illumina il cammino che le anime vostre devono percorrere per giungere alla salute eterna.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *