Mercoledì 28 maggio 2014 6ª Settimana di Pasqua

  • VANGELO (Gv 16,12-15)
    Lo Spirito della Verità vi guiderà a tutta la verità.
  • Dal Vangelo secondo Giovanni
    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà Lui, lo Spirito della Verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà
    da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà
    da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà
    da quel che è mio e ve lo annuncerà». Parola del Signore
    Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
    Dopo avere affermato la necessità di salire al Cielo per inviare lo Spirito Santo, “è bene per voi che Io me ne
    vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, Lo manderò a voi”, Gesù
    oggi continua indicando proprio lo Spirito come ispiratore della Verità.
    La Verità si trova dove è presente lo Spirito Santo, senza questa ineffabile presenza c’è solamente confusione.
    Lo Spirito Santo può trovarsi in una persona senza che essa sia in grado di discernere il vero dal falso, anche
    un Sacerdote può trovarsi nell’incapacità di discernere la Verità, per esempio sulla veridicità o meno di un’apparizione.
    Capita spesso questo, l’oggetto da discernere è elevato e non si riesce a raggiungere la conoscenza autentica.
    Non bisogna preoccuparsi, non sono determinanti i messaggi dati dai veggenti, è importante solo il Vangelo, il
    resto è secondario.
    I messaggi autentici aiutano per l’invito a vivere proprio il Vangelo, sono messaggi che ripetono gli insegnamenti di Gesù.
    Purtroppo, si verifica ancora di trovare nei messaggi inventati dall’uomo o ispirati da satana, la presenza di
    insegnamenti del Vangelo, ed è un astuto inganno inserirli, solo in questo modo i cattolici credono a quei messaggi. Spesso vi credono ciecamente, tralasciando il Vangelo.
    Per evitare di correre questi rischi, la persona intelligente non mette al centro della sua spiritualità i messaggi
    dei veggenti anche se li considera perfetti, non dispone di alcuna capacità di discernimento. Non si può stabilire
    l’autenticità di un’apparizione con i “secondo me”, “sono sicuro”, ho capito tutto”. Qui ci troviamo molto in
    basso nella vita spirituale, c’è molta istintività e poca saggezza.
    Oggi Gesù ci dice che è lo Spirito Santo a indicarci la Verità, chiediamoci quindi in che situazione spirituale
    ci troviamo, cominciando a riflettere sull’orgoglio. La persona umile vive in comunione con Gesù, non crede ottusamente ai pensieri che arrivano alla mente, prega e chiede lumi, comunque non vuole imporre a nessuno la
    sua verità. Non ha una sua verità, segue quella del Vangelo come regola e per le apparizioni si lascia guidare da
    chi comprende meglio.
    Lo Spirito Santo non elargisce i suoi doni a chi è convinto di essere una divinità, la superbia fa cadere
    in questa trappola.
    Non sono le parole di chicchessia a stabilire una verità, nessuno ha in tasca la verità superiore alle altre, deve
    dimostrare l’autenticità delle sue affermazioni. Per farlo deve avere le prove, non deve pretendere l’approvazione di ogni sua esternazione.
    Succede che anche i Sacerdoti cadono in errori di valutazione.
    Molti Vescovi, Sacerdoti e Religiosi/e non credono a Medjugorje, e non dobbiamo condannarli, non sono
    obbligati a credere alle apparizioni private. Perdono sicuramente tanti stimoli spirituali e molti inviti alla vita di
    perfezione. Oppure altri seguono apparizioni false e non ricevono sante ispirazioni per la presenza di satana nei
    messaggi apparentemente autentici e di conseguenza ingannano quanti li seguono.
    Circa venti anni fa vicino Roma si parlava molto di un’apparizione, la veggente diceva di vedere la Madonna
    e che era guarita da una malattia alle gambe. Un Sacerdote di Roma credette ciecamente e divenne un difensore
    agguerrito, e forse come premio… anche lui cominciò ad avere apparizioni della Madonna.
    Il culmine si ebbe quando disse a tutti ed l’ho letto anche nel loro sito, che era stato consacrato vescovo direttamente da Dio Padre. Una cosa mai avvenuta, Dio Padre gli aveva parlato e compiuto in lui un gesto mai fatto
    in duemila anni, rivoluzionario e opposto alla dottrina della Chiesa. Quel Sacerdote credeva a tutto questo, si
    vestì pure con i paramenti vescovili. La Curia di Roma prese provvedimenti molto severi.
    È facile sbandare e credere senza discernimento, anche per ostinazione, quasi una ripicca verso chi
    non crede a qualche veggente.
    Ritornando alle apparizioni, non bisogna credere per attrazione o simpatia, la dinamica spirituale è complicata e si può arrivare alla Verità solamente accompagnati dall’umiltà e non con la presunzione di capire tutto.
    Ultimamente vi ho parlato delle false apparizioni di Anguera, almeno da circa il 2001 in poi, nei giorni scorsi ho letto i messaggi di questo mese che sono una decina. L’abilità di questi messaggi falsi è la ripetizione di
    frasi che la Madonna aveva detto prima del 2001, quindi la presentazione è buona ma non hanno più lo stile
    precedente, sono assemblati ed è assente la consequenzialità presente nel messaggi autentici.
    La Madonna non dice: “Non sono venuta per gioco”. In ognuno dei messaggi di maggio ho trovato qualche
    frase incastrata forzatamente, fa perdere la sincerità del testo e dimostra che è scritto da un uomo, abile nel riportare tutte le frasi che la Madonna aveva dato prima del 2001. In effetti i messaggi di oggi sono pieni di parole buone, sono parole dette dalla Madonna prima del 2001.
    Le dichiarate profezie di Anguera sono generiche, qualsiasi persona può dire che in una determinata Nazione
    succederà un disastro. Non dice quando né di cosa si tratterà. Se parla di un terremoto o la caduta di un pezzo di
    montagna, c’è l’intervento di satana, profondo conoscitore di ciò che esiste.
    Le false profezie di Anguera determinano un evento generico, quando parla di disastro può riferirsi a tantissime cose. Prima o poi in quella Nazione qualche disastro succederà, anche in una determinata città, questo si
    deve, ripeto, alla conoscenza di satana.
    È la stessa strategia dei maghi, dicono al malcapitato che avrà un dolore senza specificare la tipologia, e i dolori sono di diversi tipi. La persona non appena sentirà un dolore nel corpo si ricorderà della profezia del mago.La persona sposata che va dal mago e sente dirsi che il suo matrimonio subirà qualche scossa, si spaventa
    ma non focalizza che tutti i matrimoni sono in balia di prove e di incomprensioni. Prima o poi la scossa arriva.
    Un fatto che si riscontra nelle false profezie di Anguera è l’evento generico che si manifesta dopo diversi anni, anche più di cinque anni. È evidente anche l’attività di satana, pronto a ispirare chi manipola la Verità di Dio
    e a sviare i cristiani dalla vera spiritualità.
    Anguera sarà pericolosa in futuro, adesso ripete i messaggi dati in passato dalla Madonna ma assemblati malissimo con l’inserimento di frasi inopportune anche se non opposte al Vangelo. Tutte le false profezie sono indeterminate e supportate dallo spirito satanico.
    Verrà tempo in cui i messaggi conterranno inviti strani per uniformarsi a quanto diffonderanno i mezzi di
    comunicazione, allora i cattolici dovranno prendere decisioni drastiche. Se si fideranno di questi messaggi, inevitabilmente si allontaneranno dalla Verità.
    Cosa faranno i cattolici? Per debolezza e confusione molti seguiranno i messaggi e si allontaneranno
    dalla Verità.
    Questo è il mio pensiero su Anguera, ognuno esprime liberamente la propria opinione e nessuno è obbligato
    a credere. Il tempo è galantuomo e puntuale. La bellezza della nostra Fede è la libertà di credere o meno a questi fenomeni, seguire le apparizioni private è una scelta personale. Anche le conseguenze, buone o cattive.
    1 Ave Maria per Padre Giulio
    SOSTIENI L’APOSTOLATO PER GESÙ E MARIA. Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di
    Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro,
    abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo
    diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di
    amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù.
    “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.