Venerdì 16 maggio 2014 4ª Settimana di Pasqua

  • VANGELO (Gv 14,1-6)
    Io sono la via, la verità e la vita.
  • Dal Vangelo secondo Giovanni
    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate
    fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi
    un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove
    sono Io siate anche voi. E del luogo dove Io vado, conoscete la via». Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno
    viene al Padre se non per mezzo di me». Parola del Signore
    Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
    L’insistenza di Gesù è dovuta alla scarsa assimilazione presente negli Apostoli, sono dibattuti tra le loro miserie che non si allontanano e il desiderio di accogliere pienamente la Parola di Dio. Non c’è dubbio sulla buonafede degli undici presenti nel Cenacolo, credono in tutto ciò che Gesù insegna ma devono anche eliminare la
    dottrina ebraica.
    Gesù spiega con passione e infinito Amore la nuova dottrina e se da un lato rimangono incantati, dall’altro è
    dura attuarla.
    Hanno come grande attenuante la novità dei nuovi insegnamenti di Gesù, essi hanno cambiato il loro modo
    di adorare Dio e di servirlo. Impensabile cambiare in poco tempo una concezione religiosa stagionata, da qui
    l’insistenza paziente di Gesù.
    Concentra gli insegnamenti più importanti nel Cenacolo e li sbriciola proprio come se si trattasse di
    fragrante pane.
    Manca pochissimo tempo alla sua morte, Gesù è molto preso dalla formazione che deve completare in loro,
    non vuole lasciare nulla sospeso. È vero che potrà sempre ispirarli, però è una situazione diversa l’ispirazione
    personale e interiore rispetto agli insegnamenti dati di presenza, davanti a tutti loro. Nessuno potrà dire qualcosa di diverso e non ci sarà alcun tipo di personalismo.
    Gli Apostoli sono chiamati ad una responsabilità enorme, dovranno ripetere ovunque le sue parole ma prima
    bisogna farle proprie, non tanto nella memorizzazione, viene richiesta la partecipazione consapevole, interiore,
    personale.
    Gesù chiede questo ad ogni cristiano, nessuno deve immaginare nella sua mente un Vangelo personale e non
    deve tralasciare nulla di quanto Lui ha insegnato. Questo permette il cammino spirituale completo e non si cadrà durante la strava, perché la Via è Gesù.
    Abbiamo letto che Gesù si è dichiarato Luce, Porta, Pastore, oggi dice che è la Vita. Dio dà la vita a tutto,
    senza il volere di Dio niente esisterebbe nel mondo, concetto accettato solamente dai credenti mentre tutti gli
    altri escogitano idoli, nuovi piaceri, tesi sconclusionate per giustificare la loro errabonda esistenza. Dio li
    aspetta sempre, fino all’ultimo istante, basterà accettare i Sacramenti.
    Non è automatico questo, ed è a volte inspiegabile capire la conversione in punto di morte di grandi peccatori. C’è una spiegazione che mi convince: in punto di morte hanno grandi possibilità di convertirsi solo quelli che
    in vita non si sono opposti a Dio, non Lo hanno offeso intenzionalmente.
    Ci sono peccatori che odiano Dio, Lo bestemmiano e compiono certe azioni in sfregio a Lui, determinandosi
    a non sottomettersi mai ai Comandamenti. Gesù li lascia liberi delle loro scelte, le quali affossano e devastano
    le loro anime.
    La ripetizione di innumerevoli peccati mirati contro Dio, oltraggiosi e sacrileghi, fanno scattare molte bestemmie contro lo Spirito Santo. È il peccato che non viene mai perdonato. Lo spiego in un mio commento:
    http://www.gesuemaria.it/files/La_bestemmia_contro_lo_Spirito_Santo.pdf
    La Vita è Dio, tutto riceviamo da Lui ed è un dovere ringraziarlo ogni giorno, vivere come ci chiede. La nostra vita si realizza nella volontà di Dio, è impensabile trovare la pace interiore, la gioia, il senso della vita se
    non si vive in Lui e di Lui. Troviamo ogni risposta nella Parola di Dio.
    La mentalità del mondo è ricolma di illusioni che crollano quanto prima. Gesù è la Verità, in Lui c’è la
    nostra realizzazione.
    1 Ave Maria per Padre Giulio
    SOSTIENI L’APOSTOLATO PER GESÙ E MARIA. Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di
    Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro,
    abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo
    diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di
    amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù.
    “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.