Martedì 11 febbraio 2020 V Settimana del Tempo Ordinario Nostra Signora di Lourdes

  • VANGELO (Lc 1,41-55)
    Grandi cose ha fatto in Me l’Onnipotente: ha innalzato gli umili.
  • Dal Vangelo secondo Luca
    In quei giorni, Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra
    le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga
    a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di
    gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore».
    Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio
    Salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua Serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi
    chiameranno Beata. Grandi cose ha fatto in Me l’Onnipotente e Santo è il suo Nome: di
    generazione in generazione la sua misericordia si stende su quelli che Lo temono. Ha spiegato
    la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i
    potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato a mani
    vuote i ricchi. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva
    promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre». Parola del Signore
    Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
    Ogni anno si recano a Lourdes più di 5 milioni di pellegrini provenienti da tante parti del
    mondo. Sono incalcolabili i viaggi organizzati con i treni per portare lì anche ammalati
    gravissimi e sono molti i samaritani che con sincero amore si mettono a disposizione dei
    sofferenti.
    I barellieri e le sorelle sono un dono per gli ammalati che vanno a Lourdes come ultima
    speranza per la guarigione da un male incurabile.
    Tanti cattolici che si recano in pellegrinaggio a Lourdes scoprono l’amore della Madonna, le
    loro anime percepiscono il soprannaturale e sperimentano una grande pace. Ritornano nelle loro
    case con una disposizione interiore riformata e attratta dalle cose di Dio. Ma non tutti fanno la
    stessa esperienza!
    Ognuno vive questa esperienza secondo la Fede che possiede, in molti casi avvengono
    conversioni inaspettate per le preghiere di altri.
    I miracoli avvenuti a Lourdes sono incalcolabili ma pochi ne parlano pubblicamente, spesso
    ai più intimi o a quanti si trovano sul luogo.
    I miracoli e gli interventi più ordinari della Madonna si sono verificati fin dall’inizio, quando
    si recavano processioni di paesani per constatare o capire il fenomeno. Quanti credevano
    ricevevano Grazie e si diffuse rapidamente la notizia delle apparizioni della Madonna.
    Nel contempo cominciarono le persecuzioni contro le apparizioni, la piccola veggente e i
    suoi familiari. I persecutori erano atei aderenti all’illuminismo e si logoravano dentro, pieni di
    crudele avversione verso il sacro.
    La Madonna provvide a far proteggere Bernardetta dal parroco Peyramale, convinto dai tanti
    miracoli compiuti dalla bella «Signora», e divenne il più risoluto difensore dei fatti di Lourdes
    e della piccola Soubirous. Inizialmente avverso o prudente come bisogna mostrarsi quando
    qualcuno parla di visioni senza fornire dati sicuri, il parroco divenne la guida paterna di
    Bernardetta.
    Se le persecuzioni non riuscivano a fermare lei, decisero perfidamente di chiudere la fonte da
    dove sgorgava miracolosamente l’acqua, indicata dalla Vergine Maria. Attingendo anche poche
    gocce di quell’acqua, tutti gli ammalati guarivano e altri ottenevano Grazie particolari.
    La fonte fu circoscritta, nessuno poteva raggiungerla e per due mesi nessuno poté prendere
    l’acqua miracolosa. Ma se l’intervento era di Dio non poteva restare chiusa quella zona. Due
    mesi dopo la sua chiusura, per ordine dell’Imperatore Napoleone III, la grotta venne riaperta. Il
    motivo? L’acqua della fonte aveva guarito anche suo figlio, ammalato gravemente.
    Il messaggio principale che la Madonna ha lasciato a Lourdes è sintetico e corrispondente
    alle esigenze di un mondo senza spiritualità.
    Nell’apparizione del 24 febbraio 1858 per tre volte ha ripetuto «Penitenza»,
    aggiungendo anche: «Pregate per i peccatori».
    Il modo per ottenere la conversione dei peccatori e la guarigione dalle malattie, la Madonna
    l’ha indicato nel Santo Rosario. Ripeté numerose volte alla piccola Bernardetta l’importanza e
    l’urgenza della recita di questa potentissima preghiera che tortura i diavoli.
    La Madonna si mostrò a Bernardetta con la Corona del Santo Rosario nelle mani, non lo
    recitava perché Ella non prega se stessa, ma seguiva la recita della piccola e ripeteva insieme a
    lei il «Gloria Patri», abbassando la testa in segno di adorazione.
    La penitenza, la conversione dei peccatori e la recita del Santo Rosario giornaliero,
    sono il vero messaggio della Madonna a Lourdes.
    Le parole della Vergine Maria erano avvalorate da migliaia di miracoli, come quando un
    cieco si bagnò gli occhi con quell’acqua e riacquistò la vista all’istante. Sembravano scene
    bibliche, il passaggio di Gesù in mezzo a malati di ogni tipo: zoppi, sordi, muti, ciechi, lebbrosi,
    indemoniati, ecc.
    Anche a Lourdes agiva e agisce quel Gesù biblico, la Vergine Maria non opera mai
    senza l’approvazione del Figlio, ed è il Figlio a volere che il mondo cerchi e preghi sua
    Madre perché è Lei ad insegnare il cammino di Fede e a portare tutti nel Cuore del Figlio.
    A Lourdes la Vergine Maria ha manifestato una particolare vicinanza agli ammalati, ha
    richiamato sofferenti da ogni parte del mondo e la risposta di quasi un miliardo di ammalati in
    questi 162 anni è stata commovente.
    Dio ci dice che non causa le malattie, Lui le guarisce e rimuove, ma l’uomo deve pregare con
    Fede, deve impegnarsi nella vita virtuosa e deve anche lottare contro le sue debolezze che
    conducono a peccare con facilità.
    La Madonna non si è fermata a Lourdes, in ogni angolo della Terra fa sorgere piccole o
    grandi oasi di preghiera per attratte i figli smarriti e curare innanzitutto la guarigione delle loro
    anime. Qui nella Casa di Preghiera dove mi trovo io, è stata costruita una grotta e all’interno si
    trova una statua della Madonna di Lourdes alta 1 metro e 80.
    Anche davanti questa Statua della Madonna di Lourdes, come avviene in tante parti del
    mondo, sono avvenute guarigioni straordinarie.
    Hanno ricevuto Grazie particolari e questo non sorprende, perché la Madonna concede
    Grazie a tutti quelli che pregano con Fede, in qualsiasi punto della Terra. Qui una Grazia
    particolare riguarda la gravidanza di una donna dopo 11 anni di matrimonio, e in 11 anni non
    era mai rimasta incinta. Tutti erano certi della sterilità.
    Ha avuto un bambino, come è successo ad altre donne, almeno quattro, tutte avevano
    ricevuto dalla scienza risposte negative.
    La Madre di Dio vuole guarire tutti quelli che pregano con amore e fiducia, Ella può in un
    solo istante donare grandi Grazie e guarire anche da malattie incurabili, liberare dalle negatività
    dei diavoli che causano rovine di ogni genere, dalle ossessioni e dalle possessioni diaboliche.
    A Lourdes ha chiesto penitenze, la conversione dei peccatori e la recita giornaliera del Santo
    Rosario per ottenere Grazie e vincere Satana.
    1 Ave Maria per Padre Giulio
    P.S.= Vi invito a recitare questa breve preghiera per una mia intenzione.
    “O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la
    missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti,
    perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino
    da ogni male e li respingano nell’abisso. Amen”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *