Venerdì 14 febbraio 2020 V Settimana del Tempo Ordinario

  • VANGELO (Lc 10,1-9)
    La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.
  • Dal Vangelo secondo Luca
    In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni
    città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli
    operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate:
    ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non
    fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a
    questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti
    ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi
    lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una
    città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e
    dite loro: “È vicino a voi il Regno di Dio”». Parola del Signore
    Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
    Abbiamo già considerato che nel discorso di Gesù, messe indica il raccolto, l’operazione di
    falciare e raccogliere i cereali, in particolare il grano, quando le spighe sono giunte a
    maturazione. Messe indica il ricavato della mietitura, il raccolto abbondante.
    Gesù manifesta da un lato la gioia per il raccolto abbondante presente nel mondo, dall’altro
    lato la delusione per la scarsità di Sacerdoti e quindi evidenzia la mancanza di operai per
    raccogliere i frutti della Grazia di Dio.
    Ecco allora l’invito a pregare per le vocazioni, una preghiera indispensabile per ottenere da
    Dio la presenza dei Sacerdoti. La mancata preghiera per le vocazioni indica indifferenza verso i
    Sacerdoti, non si avverte la necessità di queste persone che sono sacri e portano il sacro, sono
    Consacrati e agiscono nel Nome di Cristo.
    In massima parte si è perduto il rispetto verso i Sacerdoti, non solo per gli scandali su scala
    mondiale, c’è indifferenza estrema verso il sacro.
    La scarsità di vocazioni non dipende esclusivamente dalla mancanza di preghiere per questa
    intenzione, il grave impedimento posto contro una sana formazione dei futuri Sacerdoti arriva
    dagli insegnanti e dai professori in massima parte filoprotestanti. Salvo casi particolari dovuti
    all’amore verso la Madonna, la maggior parte esce dai seminari per l’ordinazione sacerdotale
    con una formazione poco cattolica e abbondantemente protestante.
    Non solo i vescovi responsabili dei seminari sono distratti da altri impegni, tra cui lo studio
    del percorso massonico, la verità è che vari vescovi si ritrovano svuotati dello spirito
    soprannaturale che invece si preoccupa delle cose di Dio.
    Essi dimostrano con le loro opere di non essere preoccupati della Volontà di Dio, hanno
    molta ostinazione nel voler creare una fratellanza con i musulmani, ma a ben vedere i
    responsabili hanno già creato la «fratellanza» firmando un documento ad Abu Dhabi il 4
    febbraio 2019.
    Prelati che conoscono la verità storica di Maometto che creò esclusivamente un regno umano
    e Dio non c’entra nulla perché lo stesso Dio non può creare due religioni differenti e opposte…
    ma lo stesso percorrono ambiguamente la via del dialogo per innalzare l’Islam a religione e
    relativizzare il Cristianesimo. Questo lo compiono prelati cattolici ed è il più grande paradosso
    storico!
    Dio si trova dove Lo si tralascia, dove non si cerca più, dove ci si dimentica della sua
    esistenza! Dio è dove l’uomo Lo abbandona!
    Molto spesso sono i Sacerdoti e i Religiosi a risvegliare in molti peccatori il ricordo di
    Dio, la necessità della preghiera.
    Essi sono i mediatori tra Dio e l’umanità. I parafulmini tra la collera di Dio e l’umanità
    dispersa. Il mondo non può fare a meno di loro perché sono intercessori e conciliatori,
    sono persone che servono e obbediscono a Gesù, hanno rinnegato la carne per donarsi
    interamente a Dio, senza preoccuparsi dei piaceri mondani.
    La preghiera di un Sacerdote davanti al Signore ha una valenza straordinaria, una supplica
    che Gesù accoglie e concede Grazie particolari!
    Molti cristiani comprendono l’importanza della mediazione dei Sacerdoti e sovente chiedono
    aiuti, hanno fatto l’esperienza che solo Dio è Onnipotente e può elargire quello che il mondo
    non può dare perché non lo possiede. Sono molti che avvedutamente chiedono preghiere a
    quelle anime che si sono donate completamente a Dio e osservano minuziosamente le sue
    Leggi.
    Come si può ringraziare chi prega per te e dona la vita per te? Pregando per chi ti aiuta,
    Sacerdote, Frate o Suora. Cosa ti può rendere più felice della conoscenza che qualcuno ogni
    giorno invoca Gesù per te, fa penitenze per te e chiede ripetutamente benedizioni e assistenza
    divina per te e i tuoi familiari?
    Vale più di un tesoro trovare chi prega per te, ti protegge dai pericoli di questo mondo
    impazzito e tiene lontani i diavoli dalla tua vita.
    Oltre a richiedere preghiere ai Sacerdoti, il cristiano deve crescere nella Fede non solo
    pregando con amore, deve soprattutto rinnegarsi.
    La preghiera recitata la mattina è più importante di ogni altra cosa.
    La mattina ci si consacra ai Sacratissimi Cuori di Gesù e di Maria, chiediamo di conservarci
    dove Satana non può arrivare né i nostri nemici vincerci con la loro malizia. È la preghiera ad
    elevarci dalla mentalità guastata del mondo e a permetterci di vedere la realtà con gli occhi di
    Dio.
    La preghiera fatta bene, che contiene umiltà, fiducia e devozione, ci permette di ricevere ogni
    forma di aiuto e se qualcuno che non ci ama riesce a farci del male -ma sempre nei limiti fissati
    da Dio-, Gesù e la Madonna provvederanno a ridarci giustizia, onore e vittoria.
    Lo Spirito Santo ci rende capaci di capire la realtà che ci circonda con l’intelligenza di Dio e
    si diventa intuitivi nelle migliori scelte possibili.
    1 Ave Maria per Padre Giulio
    P.S.= Vi invito a recitare questa breve preghiera per una mia intenzione.
    “O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la
    missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti,
    perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino
    da ogni male e li respingano nell’abisso. Amen”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *