Martedì 25 giugno 2013 12ª Settimana del Tempo Ordinario

  • VANGELO (Mt 7,6.12-14)
    Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro.
  • Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi. Tutto quanto volete che
    gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti. Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano.
    Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano!». Parola del
    Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Tra i cristiani ci sono quelli più animati da ansia apostolica ed annunciano la Parola di Dio, mentre la maggior parte non si ricorda il significato dell’essere cristiano. Però tra quanti fanno apostolato spesso avvengono
esagerazioni nel voler imporre soprattutto ai propri familiari la Fede cattolica, così l’effetto è contrario. Più che
imporre si devono trasmettere con amore, prudenza e serenità le Verità eterne.
Non si deve mai avere rispetto umano, nel senso che non si deve provare vergogna o spaventarsi su cosa diranno gli altri.
Questo rispetto umano non è benedetto da Gesù, Egli anzi ci spinge con queste parole: “Andate dunque e
ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo” (Mt 28,19).
Però ci sono circostanze in cui la Parola di Dio non è gradita e viene manifestato con sdegno, offese e imprecazioni, in questi casi non solo è una perdita di tempo continuare a discutere, bisogna capire subito che si danno
le cose sante a chi non ne è degno!
“Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le
loro zampe e poi si voltino per sbranarvi”. Gesù ci invita ad essere avveduti e prudenti, se gli anticlericali non
meritano le cose sante perché le bestemmiano con la vita e con le loro parole, non serve a nulla continuare a
parlare con chi è nemico di Dio.
Poi, Gesù ci dà la regola d’oro, ed è necessaria conoscerla a fondo per viverla in ogni circostanza. Molti si
lamentano del male che ricevono dai nemici, ma non riflettono sui loro comportamenti, anche se compiuti senza
malizia alle volte arrecano sofferenze agli altri. Non è un atteggiamento volutamente cattivo, l’impressione che
ne viene fuori è però questo. Gesù ci indica questa regola e chi la pratica guadagna molti meriti.
“Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i
Profeti”.
Il cammino di Fede cristiano è impegnativo perché diverso dalla mentalità permissiva del mondo, noi siamo
chiamati a lottare con gioia contro le debolezze che emergono, le miserie che ci disturbano, le ferite che portiamo dentro. Gesù ci chiede di farci piccoli nello spirito: “Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e
spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano”.
Chi cammina nella via del mondo smarrisce inevitabilmente la salvezza: “Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano!”. Noi con la newsletter ci stiamo impegnando sul serio nel camminare sulla Via del Vangelo di Dio, una buona formazione viene dai nostri Cenacoli
di preghiera che continuano a crescere. Moltissime testimonianze mi arrivano ogni giorno e sono davvero felice
per tutti quelli che hanno scelto seriamente Gesù come modello di vita.
Pubblico alcune testimonianze perché fanno bene ai lettori, si riceve una spinta maggiore per andare avanti
con coraggio e fare bene.

“Buonasera Padre che Dio la benedica sempre per tutto il bene che ci fa con le sue catechesi!! Le voglio
testimoniare che anch’io prima non ero molto credente o meglio lo ero alla mia maniera ed ho perso tre figli
durante la gravidanza. Non mi hanno mai trovato la causa. Poi mi sono messa nelle mani di Dio, mi sono confessata (ho pianto davanti al confessore, non so… è stata come una liberazione) e il mese dopo ero di nuovo incinta ed è andato tutto bene. Sono una mamma felice. La differenza con le altre volte? La preghiera, la Fede in
Dio ed ho continuato a pregare per tutta la gravidanza ed è nato mio figlio sano e forte. Da allora non ho
mai più lasciato il Signore e per ogni cosa mi affido sempre a Lui. Dico se Lui lo vuole questa cosa si farà altrimenti vuol dire che non la vuole. La saluto e la ringrazio ancora per tutto. Valeria”.
«Anch’io sento forte il problema della Comunione sulla mano, da quando soprattutto, anni fa, ebbi
l’occasione di leggere i libri di Maria Simma che raccomando. Ringrazio Dio di non avere mai avuto l’audacia
e la sfrontatezza di riceverla se non direttamente in bocca e il diavolo ci ha provato mettendomi alla prova
quando ha fatto sì che cadesse di mano al Sacerdote: sono rimasta come paralizzata, ma per mia fortuna è intervenuta una suora che l’ha raccolta prontamente da terra. Certo questo mi ha fatto riflettere e sono pervenuta alla decisione che, semmai dovesse ancora accadere, mi prostrerei per terra e raccoglierei nostro Signore
con la lingua, nonostante la mia timidezza. Ma mi auguro, con tutto il cuore che mai più accada. Ho inoltrato
il video al parroco del paese in cui vivo, il quale mi ha risposto che, pur essendo giovane, non gli piace dare la
Comunione sulla mano, ma che è obbligato all’obbedienza. Confido comunque, che faccia qualche discorso in
merito. Ancora grazie. Alessandra Spinello».
“Grazie Padre per le belle riflessioni che scrivete. Dio strabenedica voi e il vostro apostolato. Chiedo la vostra benedizione sacerdotale. Indegnamente ho adottato qualche Sacerdote nella mia preghiera, da oggi siete
in quest’elenco. Vincenza Dell’Aglio”.
“Grazie Padre Giulio, del Vangelo meditato che ricevo ogni giorno, le Sue parole sono per me preziosissime e come balsamo dolce sul veleno della cattiveria che mi circonda e con la quale ho a che fare ogni giorno.
Prego sempre per chi mi odia e mi disprezza ma prego anche per Lei e i Suoi collaboratori. Che Dio La benedica e la Mamma Celeste La protegga sempre (Patrizia dal Friuli Venezia Giulia)”.
“Grazie Padre Giulio, le sue newsletter se meditate e lette con la giusta chiave possono essere davvero uno
strumento di illuminazione, soprattutto per il povero intelletto che è sempre più propenso alla ricerca di ciò che
si vede, che attira e che diverte, piuttosto che di ciò che non si vede. Grazie. Simone Landi”.
«Carissimo Padre sento un bisogno intenso di scriverLe, una vera e propria necessità spirituale come se avessi sete e sapessi che da Lei posso trovare acqua di vita, perchè è ciò che Lei cerca di trasferirci giorno per
giorno col Suo lavoro incessante. Senza presunzione posso dire che, da quando ho incontrato i Suoi commenti,
sento che dentro non sono più lo stesso. Ho sempre amato Cristo, la Vergine e la Santa Chiesa, ho sempre difeso i Sacerdoti che ho sempre considerato “fondamentale strumento” per giungere ai Sacramenti ed alla mia
santità, ma da quando ho conosciuto il Suo pensiero è come se avessi trovato un amico, un fratello maggiore
che ti fa strada quando sei stanco, ti riaccende la luce quando hai terminato la tua piccola candela. Dobbiamo
essere forti, vigilanti ma severi dapprima con noi stessi, affinchè i modi di pensare modernisti, che accettano le
porcherie propinate dal nuovo che avanza, non entrino nelle nostre case, nei nostri luoghi di lavoro, nelle nostre Parrocchie. Carissimo Padre per il Suo impegno sento di amarLa anche se non la conosco personalmente,
ma per ciò che fa, il Signore voglia darLe forza interiore, forza fisica e consenta un giorno di potersi conoscere. Un abbraccio. Adriano».
«Amatissimo Padre, Pace e bene. Ho letto attentamente quello che Lei ha raccontato su quello che le è accaduto con i suoi libri, non sono rimasto meravigliato, né scandalizzato. Per brevi cenni le dirò che per le calunnie e l’onestà che mi ha sempre contraddistinto, ho perso il lavoro. Il Signore mi ha aiutato, facendo sì che
le mie figlie terminassero i loro studi all’università, e che successivamente potessi andare in pensione dopo
quasi 41 anni di lavoro. Prego tanto per Lei e per l’Associazione in cui mi sono iscritto, non bisogna abbassare
la guardia e come in questo caso ripetere quello che dice il salmo 37: “Ancora un poco l’empio scompare, cerchi il suo posto e non lo trovi più…”. Padre tutto questo dice che siamo accomunati nella medesima Fede, con
un unico Padre Celeste che ci protegge ed in silenzio ci guida. Pace e bene. Mario Armosini».
“Caro Padre, Se dovessi incontrare o sentire o leggere qualcosa o qualcuno contro la sua Persona o il suo
apostolato teologico e pastorale che compie ogni giorno inviandoci queste sante newsletter, stia certo che saprò difenderla perché la sua causa è la Causa Vera di tutti noi veri Cristiani. La Preghiera Mariana ci unisce
tutti e Lei Padre dovrà traghettarci in questo tremendo scontro che è più che cominciato ormai. Mi fido di lei e
della sua dottrina cattolica e sento che è veramente un Sacerdote di Cristo. Niente potrà diffamarla ai miei occhi e auguro a chi vorrà nuocerla di non sbattersi con me. Questo semplicemente per dirle che siamo con lei.
Padre Giulio Maria, continui con questo apostolato e grazie per l’insegnamento e la preghiera per i suoi iscritti, che Dio la protegga. Caverzasi”.
“Carissimo Padre Giulio, sono alcuni mesi che sono iscritto alla newsletter e la volevo ringraziare immensamente perchè con lei sento finalmente di avere una guida che mi aiuta nella strada verso la santità, mi sento
preso per mano dal Signore e dalla Mamma Celeste. Li ringrazio ogni giorno di avermi dato lei come guida e
mi dispiace nel sentire, come nella spiegazione del Vangelo di oggi, che c’è tantissima gente che la attacca per
fermarla. Prego ogni giorno per lei affinchè il demonio non possa nuocerle. Ho un po’ timore per i tempi che ci
aspettano ma mi fido ciecamente del nostro Signore Gesù, lo amo con tutto il cuore e voglio rafforzare il mio
spirito e mantenere pura la mia anima per poter essere uno strumento nelle mani di Dio. Dio la benedica sempre e vegli su di lei. Un abbraccio Maurizio Ciocca da Lozzo di Cadore (Belluno)”.
“Reverendo Padre Giulio, innanzitutto Ave Maria!!! Sono profondamente addolorata nel leggere quello che
ha scritto sugli ostacoli dei modernisti che vogliono cambiare la nostra santa dottrina. Ogni giorno la ricordo
nell’Eucaristia e per quanto riguarda Medjugorje, chiesi alla Madonna prima di partire da lì, alla fine di un
pellegrinaggio, la Grazia di essere la mia catechista speciale. Appena arrivata a casa consultando internet in
cerca di preghiere mi sono imbattuta nella sua newsletter facendola conoscere anche a molti altri e numerosi
consacrati (questa parentesi per dirle che la Madonna agisce liberamente e sa cosa serve alle persone. Infatti
da allora la seguo quotidianamente e molte volte mi scambio commenti con altri dicendo: hai letto cosa ha detto Padre Giulio oggi? Ormai lei è diventato uno di casa). In questo gruppo siamo sicuramente molti e la nostra
spiritualità è diversa, ma sono certa che la Madonna saprà illuminare le menti anche di coloro che non sono
ancora dentro all’ovile. La sua guida è benedetta e la ringrazio di cuore per tutto il suo impegno. Grazie Gesù
di averci donato un Sacerdote tanto coraggioso!!!! Dio sia benedetto assieme ai suoi santi Sacerdoti, Amen!
Con affetto Francesca”.
“Padre Giulio, La penso sempre, perchè è un vero figlio di Dio. La Resurrezione di Cristo è il più alto mistero del Cristianesimo, tuttavia, cela il miracolo, la guarigione, ma soprattutto cela la Vittoria sulla morte, ossia la Vittoria su satana. Chi prega ed evoca la Resurrezione di Cristo vince il male e può tutto. Il suo libro
“Santo Rosario meditato”, è un libro la cui potenza non nasce da un uomo, ma da Dio. Il volume, non l’ha
scritto lei, ma gliel’ha dettato Cristo. Il testo, non va letto, ma va riletto ogni giorno… Luigi Amendola”.
“Caro P. Giulio, ha ragione, la preghiera efficace del suo sito è veramente grande. Anch’io ne ho fatto esperienza proprio oggi. Mia sorella ha subito un intervento urgente che si prospettava non molto semplice ed
invece, grazie alla Vergine Maria ed alla Santissima Trinità tutto si è risolto al di sopra delle aspettative! Il Signore è grande. Ho pianto di commozione e gratitudine. Vuole ringraziare con me la Vergine Santissima per il
dono che ha fatto a questa indegna pecorella, recitando il Magnificat? La ringrazio per avermi fatto conoscere
questa bellissima preghiera che penserò a inoltrare in modo che tutti ne possano fare esperienza. Grazie, grazie! Il Signore la benedica. Conti pure sulla mia preghiera quotidiana per i Sacerdoti, per la Chiesa e per Lei
in particolare. Dio la benedica. Angela”.
“Buonasera Padre Giulio, ho ricevuto la sua e-mail da un altro Sacerdote che usufruisce delle sue bellissime meditazioni. Ne sto facendo tesoro, le raccolgo tutte mano mano, me le rivedrò tutte per meditare sulle cose
del Cielo. Grazie Stefano”.
Caro Padre Giulio Maria volevo ringraziare La Madonna nostra Madre e mia vita per le preghiere di liberazione che ha mandato. Le ho lette appena due volte e stasera dopo una discussione con mia sorella ho proprio sentito nel mio povero cuore di averla perdonata per cose passate e di non portarle più rancore. Questa è
una grazia enorme che Maria Santissima mi ha donato tramite lei. Preghi Padre affinché capisca la volontà di
Dio sul futuro del mio lavoro. Grazie che il Signore la protegga e benedica. Marino Procissi.
“Complimenti per i messaggi del Vangelo. Ci voleva proprio! Grazie. Straordinaria quella preghiera di liberazione e guarigione che stiamo facendo per ottenere Grazia per Riki, molto grave… Mi permetto di chiedere anche a lei intercessione. Grazie. Sono lieta e orgogliosa di far parte di questa Associazione quanto prima
distribuirò il vostro giornale… Il Signore la benedica. Amen. Maria Rosa Leone”.
“Padre Carissimo, sapesse quante volte ho letto e riletto le sue bellissime parole e quanto è grande la mia
gratitudine, a lei per essermi vicino con la preghiera e a Gesù e Maria per avermela fatta incontrare anche se
solo virtualmente. Ieri ho pregato più del solito e ho chiesto a Gesù di darmi una risposta, può immaginare la
mia gioia quando ieri sera ho avuto modo di leggere le sue bellissime parole di conforto. Ho pensato che Gesù e Maria La Nostra splendida Madre Santa, Abbiano Voluto Farmi sentire la LORO vicinanza e La LORO
Consolazione al mio povero cuore, attraverso lei, Carissimo Padre Giulio. Sirchia Stefano”.
“Che Dio La Benedica, per tutto quello che fa per noi e la prego, continui con tutte le sue forze a pregare
per le mie miserie e per le preoccupazioni di quanti fiduciosi confidano nelle sue preghiere a Gesù e Maria. Io
nel mio nulla, le assicuro il pensiero di lei caro Padre, nelle mie preghiere. Grazie a lei e un grazie infinito ai
Cuori misericordiosi di Gesù e di Maria. Aspetto con ansia la sua newsletter, con il commento alla Parola di
oggi e se le resterà un pur minuscolo ritaglio di tempo in qualche altro giorno, non dimentichi di consolare ancora il mio povero cuore. Grazie, mille volte grazie. Teresa Pontolillo”.
“Padre Giulio come ringraziarLa per tutto il bene che sta seminando nel mio cuore. Sono una persona molto provata, malgrado abbia un lavoro molto impegnativo ed un figlio meraviglioso da crescere ed educare. Mi
sono iscritta alla sua newsletter per caso, ma davvero credo che il caso non esista: l’incontro con i suoi scritti
sono arrivati in un momento molto particolare e di estrema necessità di confronto e di conforto. Trovo le sue
parole dense di generosità e di forte impulso ad una Fede che va vissuta con molta consapevolezza ed altruismo, lasciando da parte atteggiamenti autoreferenziali e pieni di vanità. Grazie di tutto e la ricordo nelle mie
preghiere quotidiane. Monica Ferrari di Trento”.
“Grazie mille per il vangello… mi porta tranquillita nel cuore ogni giorno, scusa il mio italiano non e perfetto communque lo leggo bene, grazie di cuore. Irene dal Australia”.
“Salve Padre Giulio, volevo ringraziarla per il Vangelo giornaliero che mi manda, sono felicissimo. Nel
momento di bisogno lei con il suo Vangelo mi ha aiutato, ma non so come sia successo l’invio della sua
newsletter, io non ricordo di essermi iscritto, ma voglio ringraziarlo, io ho bisogno di Gesù, della Madonnina,
di Dio e dello Spirito Santo. Prego per lei Padre Giulio ogni sera. Grazie Padre Giulio… grazie di cuore. Salvatore Marino”.
“Carissimo Padre Giulio, volevo comunicarle che il Cenacolo sta crescendo a dismisura e per tale motivo
volevo chiederle una sua preghiera perchè la Madonna mi dia la forza e soprattutto l’umiltà giusta di poterlo
affrontare con amore, perchè quello credo sia la chiave della vita, l’amore! Un’altra preghiera perchè ci faccia trovare una saletta, incominciamo a crescere molto velocemente, abbiamo iniziato in 6 ed al 3° incontro
saremo già 16. …un’altra preghiera la faremo noi perchè la Madonna La spinga a venirci a trovare qui a Roma al più presto possibile!!! Che felicità, che amore, che gioia, che immensità chè è il Signore!!! Gli altri Simonetta e company sono tornati ieri da Medjugorie e camminano ad un metro da terra, io questa volta non ho
potuto proprio muovermi, in questo anno ci sono andato 3 volte, ma visto che ero da solo in casa mi sono immerso nel silenzio e preghiera e mi sono fatto coccolare da Gesù e Maria, ho ritrovato la mia Medjugorie a casa! Noi siamo dei piccoli nulla, senza di lui nulla potremmo!!!
P. S. Inoltre in ultimo le chiedo una preghiera molto personale, stiamo provando ad avere un figlio con mia
moglie, preghi perchè questo miracolo si avveri e poi sia fatta la volontà di Dio! L’abbraccio forte in Gesù e
Maria! Andrea Rocchi”.

“Reverendo Padre Giulio Maria, grazie per rispondermi sempre così schiettamente. Mi spedisca al più presto i libri e poi glieli pagherò contrassegno al ricevimento. Non vedo l’ora di averli, perché ho sperimentato
sulla mia persona che il Santo Rosario è la preghiera più efficace che possa esistere. Grazie a Dio e alla nostra
Mamma Celeste per averla incontrata nel mio cammino. Un abbraccio in Gesù e Maria con sincero affetto.
Francesca”.
“Carissimo Padre, è con immensa gioia che le comunico che ieri sera per la prima volta si è svolto il Cenacolo di preghiera a casa di una mia amica inferma ed è stato molto edificante. Eravamo in sette, abbiamo
pregato secondo le sue prime indicazioni, avrei piacere di avere un programma un po’ più dettagliato.
L’incontro prossimo si terra mercoledì 19/06/2013 alle ore 21,15. Nel ringraziarla di tutto, l’abbraccio forte in
Gesù e Maria. Loredana Ottaviani”.
“Buon pomeriggio Padre Giulio Maria. Grazie per tutto quello che fa per noi, che Dio la Benedica! Le comunicavo che Walter (mio marito) e io, al ritorno da Medjugorje, abbiamo creato un Cenacolo di preghiera a
casa nostra, a Marina di Altidona (FM). Siamo pochi per ora, vedremo più avanti. Seguiamo passo passo le
sue istruzioni, la difficoltà sta nei canti… ma offriamo quello che possiamo fare. In attesa di qualche sua notizia, la saluto e la ringrazio con tutto il cuore…. Preghiamo sempre per lei. Sabrina Cerolini”.
“Buona sera, sono Rosanna Matteo di Potenza. Volevo con tutto il cuore dirle grazie per tutto il bene che
sta facendo a me e a tanti altri fratelli sparsi nel mondo. Questo grazie non vuole rimanere soltanto una parola
ma vuole trasformarsi in preghiera affinché il Buon Dio possa darle tanta Sapienza e Scienza Divina da portare tante tante anime alla conoscenza della Sua Parola e quindi alla strada che porta al Cielo. Volevo segnalare
altri 2 amici che desiderano ricevere le newsletter: (…)”.
“Padre Giulio per me leggere le sue riflessioni mi apre il cuore e la mente. Quante cose mi insegna e soprattutto da quali profondità fa vedere l’animo umano!!! Grazie, La ricordo tanto nelle mie preghiere e la prego di ricordarmi tanto nelle sue. Con affetto Monica di Trento”.

CONTINUIAMO LE INTENSE PREGHIERE ALLA MADONNA CON LA RECITA GIORNALIERA DEL SANTO ROSARIO PER ME, PER VINCERE L’ATTACCO PORTATO DA SATANA, SCIOGLIENDO QUESTO NODO OPPRESSIVO. CHI
MI VUOLE BENE, PREGHI MOLTO PER ME.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
Proposito
Offrirò ogni giorno a Gesù, con l’aiuto della Madonna, dei propositi concreti per fare del bene agli altri.

Pensiero
Se gli uomini seguissero i precetti del Vangelo, godrebbero fra loro tutta quella pace che si può avere a questo mondo (A. Manzoni)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.