«Non preoccupatevi dunque del domani» – 19 Giugno 2021

Sabato 19 giugno 2021

XI Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 6,2434)

Non preoccupatevi del domani.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza. Perciò Io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure Io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede? Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. Cercate invece, anzitutto, il Regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

È uno dei Vangeli che lascia consolati, infonde coraggio e serenità ai più preoccupati, consolida quanti camminano nel sentiero spirituale.

«Non potete servire Dio e la ricchezza».

Per ricchezza non s’intende solo quella economica, ci sono altre forme di abbondanza raggiungibile con mezzi illeciti e che arrecano benefici temporali. Il potere esercitato dalle persone disoneste in qualsiasi ambiente, manifesta l’abbondanza della superbia. È la loro ricchezza.

Le parole che Gesù oggi ci presenta sono portatrici di più meditazioni su diversi aspetti della vita. Quando dice di non servire la ricchezza, ci vuol condurre su un sentiero luminoso e gioioso, spoglio comunque delle cose effimere, inutili e fuorvianti che presenta il mondo.

Cosa resta di concreto e di virtuoso quando si cade in una forma di dipendenza? Anche i pensieri accolti come dogma sono un idolo e ingannano, abbagliano l’intelletto, sono pensieri che lasciano credere di conoscere tutto, di essere nella verità, anche si cade molto spesso nelle contraddizioni.

La nostra vita è meravigliosa quando serviamo Gesù Cristo ed Egli serve noi in tutte le nostre necessità, ci ascolta e ci aiuta, ci dona Grazie.

Il Signore si comporta con noi come noi facciamo con Lui.

Se Lo amiamo davvero ci riempie di doni proporzionatamente al bene che facciamo, alla vita sacramentale che conduciamo, alle virtù praticate, all’amore verso tutti, all’imitazione della sua Vita.

Senza questa ricerca di Gesù e se non Lo accogliamo sinceramente nella nostra vita, siamo soli con le nostre illusioni, pieni di inganni che formuliamo in modo spontaneo, per l’incapacità di rinnegarci e obbedire a Lui. Solo nell’obbedienza a Dio c’è la nostra vera realizzazione.

Una vita sana è possibile quando il cristiano non si crea eccessive preoccupazioni, quando non sono presenti inquietudini e nervosismi che suscitano tormenti e afflizioni, quando ci si abbandona a Gesù Cristo e si chiede fiduciosamente tutto a Lui.

Il Signore è troppo buono e vuole donarci tutto quello che è necessario.«Perciò Io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete».

Gesù con molta pacatezza ci spiega la verità della nostra vita e dice: «La vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?».

Il Male non sta nel successo professionale di quanti hanno studiato e lavorato, delle persone coscienziose che faticano anche nei lavori umili ma svolti con grande dignità. Il Male è lì dove si brama potere e denaro a costo di compiere anche quanto è scorretto, dove si cerca freneticamente il successo e consensi pubblici spinti dalla presunzione.

Tutto il Male crolla addosso a quanti sono vuoti di principi morali ed esposti come canne al vento, vivono di molte trasgressioni e non sono sazi.

È un fallimento la vita senza Gesù Cristo!

Quali sono invece i mezzi per restare nella pace interiore che dona Gesù o in che modo si incontra Gesù? Con il desiderio di lasciare a Dio di preoccuparsi delle nostre cose, di tutto, solo questo abbandono ci procurerà molte Grazie e la nostra vita sarà benedetta da Lui.

Se non si vive così, Dio non benedice l’opera e l’iniziativa dell’uomo.

«Guardate gli uccelli del cielo: (…) il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro?».

La rovina di molti cristiani è l’eccessiva sicurezza di quello che pensano, senza avere i mezzi per intuire la bontà o l’inganno dei pensieri.

«E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita?».

«Perché vi preoccupate, gente di poca Fede?».

L’abbandono in Dio libera il cristiano da ogni preoccupazione, scopre la vera pace interiore e non ragiona più come i pagani. Il cristiano autentico dice a Gesù di pensarci Lui alle cose che occorrono! «Il Padre vostro celeste sa che ne avete bisogno».

Quale deve essere allora la nostra ricerca giornaliera?

La Volontà di Dio, Lui solo dona la gioia e favorisce i nostri progetti in ogni campo, proprio perché Lo seguiamo e Lui ci ama infinitamente. Ognuno di noi è sempre presente nel Cuore di Gesù e nei suoi pensieri.

«Non preoccupatevi dunque del domani. A ciascun giorno basta la sua pena».

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo compiere ogni mio dovere non pensando soltanto al guadagno che ne potrei ricavare a mio beneficio, bensì operando tutto per solo amore di Gesù.

Pensiero

È meglio vincersi nella lingua che digiunare a pane e acqua. (San Giovanni della Croce)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *