La coscienza, il vaccino e l’incredulità di Tommaso – 3 Luglio 2021

Sabato 3 luglio 2021

XIII Settimana del Tempo Ordinario

San Tommaso Apostolo

+ VANGELO (Gv 20,2429)

Mio Signore e mio Dio!

Dal Vangelo secondo Giovanni

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Sulla figura dell’Apostolo Tommaso si sono scritte e predicate tante teorie, fino a qualche decennio fa prevaleva quella dell’incredulità, ed è proprio Gesù a indicarlo come un uomo diffidente: «… e non essere incredulo, ma credente!».

Queste parole del Signore sono sufficienti per individuare la posizione sbagliata di Tommaso, anche se era un buon uomo come gli altri dieci Apostoli e non tramava nulla contro il Maestro, come invece faceva di continuo l’apostolo che tradì e consegnò Gesù agli assassini.

Non è possibile classificare Tommaso come uno che voleva credere più degli altri Apostoli e per questo si rifiutò di accettare il racconto dell’apparizione di Gesù mentre era assente. Egli girovagava pensieroso per Gerusalemme e metteva continuamente il sigillo alla sua mancanza di Fede.

C’era in Tommaso anche l’orgoglio che sosteneva la convinzione che si ritrovava nella mente e non riusciva ad allontanarla, non era in grado di accogliere una notizia sensazionale: Gesù era vivo perché risorto!

Tommaso non si accorse neanche dello stato d’animo cambiato degli altri Apostoli, della loro allegria, della felicità che aveva preso il posto dello scoraggiamento.

Non si trattava solo di sentimenti o reazioni affettive intense di coloro che amavano il Signore, essi credevano perché avevano visto Gesù vivo.

Il pensiero di Tommaso era fisso su un dubbio che stranamente non voleva lottare e non accettava neanche la testimonianza degli altri dieci Apostoli: «Abbiamo visto il Signore». Cosa può aver accecato uno dei più intimi seguaci di Gesù che aveva assistito a miracoli portentosi?

Tommaso sbagliava gravemente quando considerava infallibili i suoi pensieri e «dimenticava» presto tutti gli avvertimenti dati da Gesù, le profezie che anticipavano gli eventi della sua Morte e Risurrezione.

Questo avviene anche ai cristiani che si dimenticano di Gesù nella loro vita, Lo escludono dai pensieri e dalle scelte, quando intraprendono iniziative e si preoccupano forse troppo delle loro cose. Si fa presto a dimenticare Gesù e i suoi insegnamenti, ma le conseguenze sono dannose e dolorose.

GESÙ VIENE ESCLUSO DOVE C’È LA CONVINZIONE DI ESSERE AUTOSUFFICIENTI E DI PROGRAMMARE LA VITA SECONDO QUELLO CHE SI PENSA, SENZA DISCERNIMENTO SPIRITUALE E IL CONFRONTO CON LA PROPRIA COSCIENZA. D’ALTRONDE, LA COSCIENZA ASSOPITA NON VIGILA E «PERMETTE» TUTTO.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica sviluppa il tema secondo cui la coscienza è un giudizio della ragione che presiede alle scelte morali.

«La coscienza morale ingiunge alla persona, al momento opportuno, di compiere il Bene e di evitare il Male. Essa giudica anche le scelte concrete, approvando quelle che sono buone, denunciando quelle cattive»(n. 1777).

La coscienza morale è un giudizio della ragione mediante il quale la persona umana riconosce la qualità morale di un atto concreto che sta per porre, sta compiendo o ha compiuto.

Viene ribadito l’obbligo per la persona di seguire la voce della sua coscienza, per questo deve essere pura e onesta. Una condizione essenziale perché ciò avvenga è quella «di essere sufficientemente presente a sé stesso al fine di sentire e seguire la voce della propria coscienza» (n. 1779).

La coscienza è una facoltà della persona, e «la dignità della persona umana implica ed esige la rettitudine della coscienza morale» (n. 1780).

Se ne deduce che nel mondo la dignità di molte persone è scomparsa, un esempio è che incalcolabili migliaia di medici nel mondo arrivano anche ad usare i tessuti di feto abortito a pagamento per fare i vaccini. Tutti i vaccini contengono feti abortiti, motivo per cui i cattolici devono rifiutarlo senza pensarci su un attimo.

NEL CODICE DI DIRITTO CANONICO IL CANONE 1398 AFFERMA: «CHI PROCURA L’ABORTO OTTENENDO L’EFFETTO INCORRE NELLA SCOMUNICA LATAE SENTENTIAE».

Tutti i feti abortiti sono frutto di chissà quanti milioni di aborti volontari nel mondo, ogni donna percepisce almeno 550 euro, lo spiega in un video il professor Montanari, afferma che praticano questi omicidi dal 1950 in tantissime parti del mondo.

Chi favorisce l’utilizzo dei vaccini contenenti feti abortiti è complice sia delle donne che si prestano anche due volte l’anno ad abortire, dei medici e dei gruppi farmaceutici che finanziano queste iniziative, sono colpiti da quanto viene affermato sopra nel canone 1398. Si intende soprattutto i cattolici, quanti nella Chiesa hanno autorità e proprio perché privi di una coscienza morale parlano molto bene del vaccino.

Perché si sono alleati con il Male? Ritorniamo alla rettitudine della coscienza morale del n. 1780 del Catechismo: essi sono privi della coscienza morale e non hanno più la capacità di fermarsi dinanzi al Male, ne sono diventati servitori compiacenti.

UN CATTOLICO SINCERO, AUTENTICO, NON PARLA BENE E NON SOSTIENE UN VACCINO CHE CONTIENE FETI ABORTITI.

Oggi girano moltissime fake news sul tema, non chiamiamo però fake news quelle informazioni che dicono cose vere anche se non sono precise sulla data o su chi si unisce per iniettare o innestare il chip. È tutto vero e avverrà, di questo dobbiamo discutere e non sui cavilli della data e delle strane alleanze. Forse avverrà con altre modalità ma avverrà!

Non dobbiamo dubitare come Tommaso o cercare sottigliezze, non è il tempo, invece c’è da prendere sul serio le minacce della dittatura sanitaria.

Senza la vera preghiera giornaliera che inizia la mattina e che deve sostenere parte della giornata, non si ha la forza per resistere alle tentazioni, per controllare le tentazioni, per agire animati da una Fede profonda e portatrice di gioia, pace, felicità.

L’abbattimento è sempre dietro l’angolo… nessuno si consideri forte nella Fede o sicuro di amare molto Gesù. Tommaso mostra che si può cadere.

TOMMASO CI MANIFESTA CHE SI PUÒ RESTARE TRE ANNI CON UNA GRANDE FEDE IN GESÙ E POI SI CROLLA ALL’IMPROVVISO.

Vigilate e pregate con grande amore in molti momenti della giornata, la vita stessa deve diventare preghiera. Stabilite delle ore da dedicare a Gesù e a Maria e osservatele mettendo da parte ciò che effettivamente non è importante. La preghiera sostiene e non fa cadere nell’atroce dubbio quando arriva una sofferenza.

Gesù e Maria sono sempre in attesa delle nostre preghiere, non per la Loro gloria, le preghiere servono a salvare le nostre anime!

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo volgere il mio pensiero a Gesù e in Lui devo riposare. Mi impegno ad entrare nella cella della mia mente per escludere tutto ciò che non è Gesù. “Il tuo Volto, o Signore, io cerco, non nascondermi il tuo Volto”.

Pensiero

Le opere senza la preghiera non valgono nulla. La preghiera si avvalora con il sacrificio. (San Josemaría Escrivá)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *