La spada delle divisioni tra i familiari – 12 Luglio 2021

Lunedì 12 luglio 2021

XV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 10,3411,1)

Sono venuto a portare non pace, ma spada.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non crediate che Io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa. Chi ama padre o madre più di Me, non è degno di Me; chi ama figlio o figlia più di Me, non è degno di Me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di Me. Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà. Chi accoglie voi accoglie Me, e chi accoglie Me accoglie Colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto. Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità Io vi dico: non perderà la sua ricompensa». Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

La spiegazione di un amore superiore che dobbiamo a Gesù è semplice: Lui è Dio Creatore mentre i familiari sono creature, esseri umani creati da Dio. Il sangue non può prevalere su Dio. Gesù non dice di amarli poco o addirittura di non amarli, precisa che bisogna amarli con profondo e sincero affetto ma in Dio, sempre dopo Dio.

La preghiera e il cammino spirituale vissuti intensamente, portano naturalmente ad amare i familiari con un amore migliore e superiore rispetto a quello naturale, è un amore spirituale e puro proprio per la presenza di Gesù nell’anima.

Questo chiede il Signore a tutti, di amarlo più dei propri familiari, per amare i familiari ancora meglio e con un amore spirituale.

È una gioia l’amore reciproco se è presente lo Spirito di Gesù. Tutti i cristiani autentici amano i loro familiari con i sentimenti di Gesù. Solo così diventa spontaneo amare e dimenticare subito le offese o le incomprensioni.

È meraviglioso questo passaggio, chi lo comprende scopre in sé una potentissima capacità di amare i familiari anche nei contrasti.

La Santa Comunione, la preghiera giornaliera e la Confessione frequente sono le basi per il cammino di Fede e permettono di abbattere l’egoismo, l’orgoglio, le rivalse anche tra familiari e fa trionfare il perdono, la bontà e il massimo rispetto reciproco.

Il Vangelo di oggi spiega che se perdiamo qualcosa per amore di Gesù, da Lui riceviamo molto di più. Perdere l’egoismo per vincere e ricevere la Grazia di Dio. Perdere l’orgoglio per vincere e ricevere una presenza maggiore di Dio.

Se perdiamo qualcosa perché la doniamo con amore o perdiamo un po’ di tempo per fare del bene, in realtà acquistiamo/riceviamo grandi beni da Dio. «Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità Io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

Anche per questi piccoli gesti d’amore, Gesù dona abbondanti Grazie ai generosi. Tutto il Bene compiuto è retribuito già in questa vita.

Gesù parla di una spada che deve separare gliaffetti disordinati anche tra familiariper facilitare il cammino spirituale e lasciare crescere la presenza dello Spirito Santo. Questo vuol dire che nulla avviene senza la nostra collaborazione, senza il nostro impegno nelle rinunce di ciò che indebolisce lo spirito e non permette di diventare autentici cristiani, come vuole Dio.

Gesù non ci parla di guerra, Lui non vuole alcuna guerra, né interiore nel credente, né all’esterno tra le persone e le Nazioni. La guerra viene dall’odio e dalla cattiveria umana, Gesù invece ci parla di amore e di perdono. L’unica guerra che permette è quella tra il cristiano e i diavoli, una guerra combattuta con il Santo Rosario, i Sacramenti e una vita virtuosa.

Se non vuole la guerra, Gesù sa che la sua presenza toglie la pace in quelle persone invidiose dei buoni, in quei familiari contrari a Dio.

Gesù non vuole togliere la pace a nessuno, Lui è la Pace, sono i cattivi a perdere totalmente la pace quando vedono i loro familiari pregare.

I cattivi agiscono con malizia e intendono togliere agli stessi familiari quella pace che essi hanno scoperto con la preghiera. I cattivi agiscono senza pace interiore, hanno dentro la guerra e si adoperano con ogni mezzo per far soffrire i buoni. Non comprendono di far soffrire anche i loro familiari.

Gesù porta esclusivamente la pace nel mondo e nei cuori buoni, ma la sua presenza è recepita in modi diversi dai cattivi e in questi scattano reazioni incontrollate e maligne, per danneggiare i buoni in tanti modi.

Per questo Gesù afferma che la sua presenza porta divisione anche nelle famiglie, non per sua Volontà, è la sua presenza a far scegliere.

I cristiani portano la pace, non la tolgono a nessuno né utilizzano la violenza per affermare che solo in Gesù Cristo vi è salvezza!

Gesù parla di spada nel senso che la vita del cristiano deve necessariamente tagliare e separare il Male dal Bene, affermare la sua dottrina fondata sull’Amore. Tra gli ebrei, i musulmani, i testimoni di Geova e tutti gli altri che si identificano in una religione o filosofia, non esistono l’Amore e la Pace insegnate dal Signore Gesù. Loro conoscono la guerra e l’inganno.

Da questa verità deriva l’odio dei diavoli contro la Chiesa Cattolica e tutti i cristiani che vivono con dedizione e sacrificio il Vangelo.

Gesù ci chiede un impegno virtuoso che le altre religioni o pseudo religioni neanche immaginano, non seguono la sua rivelazione o hanno inventato scritti falsamente attribuiti a Dio. È insensato pensare a un Dio Amore che odia i nemici e vuole conquistare le Nazioni con le guerre, che fa uccidere per opprimere l’umanità e sottometterla alle sue «ossessioni».

Dove è veramente presente Gesù avvengono divisioni a causa dell’avversità dei cattivi verso i cristiani che pregano, e seguono insegnamenti che parlano di amore, perdono, verità, giustizia, umiltà, bontà, mitezza, accoglienza, pazienza e disponibilità ad aiutare.

Gesù annuncia che le ricompense sono inestimabili per i cristiani che obbediscono alle sue parole, amano tutti e compiono buone opere.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Mi impegno a leggere ogni giorno scritti sui Santi. Anche cercandoli sul web.

Pensiero

Non vi è altra cosa che possa fare di più danno, specialmente quando si è ancora in giovane età, dei cattivi consigli. (San Giovanni Bosco)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *