Gesù ci dona continui segni della sua presenza – 19 Luglio 2021

Lunedì 19 luglio 2021

XVI Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 12,3842)

La regina del Sud si alzerà contro questa generazione.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, alcuni scribi e farisei dissero a Gesù: «Maestro, da Te vogliamo vedere un segno». Ed Egli rispose loro: «Una generazione malvagia e adultera pretende un segno! Ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona il profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell’Uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. Nel giorno del Giudizio, quelli di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona! Nel giorno del Giudizio, la regina del Sud si alzerà contro questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone!». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Quando Gesù affermava parole severe contro alcuni scribi e farisei che pretendevano di vedere un segno da Lui, tutto sommato c’era qualche interesse verso la sua Persona sia da parte di quanti non comprendevano la sua vera identità che dagli odiosi nemici che temevano davvero di trovarsi davanti al Messia.

«Maestro, da Te vogliamo vedere un segno».

Un interessamento malizioso per certi aspetti, almeno da quanto spiega Gesù di loro, però molti suoi nemici Lo rispettavano nonostante la sua nuova dottrina, la quale voleva addirittura completare l’Antico Testamento. Parole tremende risuonavano nelle orecchie degli ebrei, per cui trovare tra essi persone in buonafede era una gradevole sorpresa per Gesù.

Oggi non è assolutamente così, l’ateismo nel mondo è imperante e i sentimenti di avversione verso Dio sono estesamente diffusi, ed è facile individuare la strategia degli anticlericali in ogni settore della vita sociale, economica, politica.

I diavoli hanno preparato il più grande complotto contro Gesù e la sua Chiesa, essi sono potentemente impegnati nell’inoculare dolcemente una profondissima avversità verso tutto ciò che appartiene al sacro, avvelenando tante persone perbene fino ad allontanarle dalla vera devozione a Gesù Cristo e alla Madonna.

Molte omelie di famosi Prelati sono impregnate di sottile modernismo, altri dicono e non dicono, ma non esiste un modernismo buono nella Teologia. È stato considerato da Papa San Pio X come «sintesi di tutte le eresie». La nuova dottrina che circola allegramente in numerose parrocchie è incentrata sul modernismo, e chi non si allinea viene emarginato dal proprio Vescovo.

Pochissime voci si sentono a difesa del vero Magistero della Chiesa, il timore di rappresaglie canoniche è sempre vivo. Per predicare la sana dottrina occorre coraggio, anche la valutazione di non disperdere le cose sacre: «Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi» (Mt 7,6).

Il coraggio della verità si possiede se Cristo vive in noi, se il suo Spirito agisce e spinge a predicare la Verità del Vangelo senza riguardi.

Per esprimere una verità la persona deve possedere i valori morali, è molto difficile sentire da un politico ateo una verità su qualsiasi argomento. Sono i principi non negoziabili a dare qualità alla persona e non il potere o le ricchezze.

La vita della società si fonda su alcuni principi-valori naturali, appunto non negoziabili.

I principi non negoziabili si identificano tali in quanto precedono la società.

Sono non negoziabili perché radicati nella natura umana, sono tutt’uno con la natura umana e li fa emergere solo chi prega bene e compie la Volontà di Dio. Chi non riesce a trovare in sé i valori morali è privo di equilibrio, lealtà, amore verso il prossimo, bontà, verità e giustizia.

Questo ci preoccupa come cattolici se consideriamo che in molti casi non si trova sincerità in determinati Cardinali e Vescovi, spesso sono più interessati a quanto si oppone a Dio, oppure alla politica e parlano come i politici.

È un atteggiamento tipico degli ipocriti sbandierare una solidarietà etico-politica come rimedio efficace al problema della povertà.

Molti che esprimono questa solidarietà vuota e fasulla vivono spargendo fumo, è la parola talismano di quanti non hanno una coscienza. Loro pensano di non essere scoperti nel loro egoismo sfrenato e nel delirio di far parte degli ambienti progressisti. Meglio ancora se sono di ispirazione cristiana.

Questa società si incammina verso il precipizio, non cerca segni da Gesù, anzi rifiuta tutto ciò che appartiene e arriva da Lui!

Quando posero la domanda a Gesù sul segno, la sua risposta fu rigida: «Una generazione malvagia e adultera pretende un segno!».

Non meritava il segno e non lo diede.

La risposta di Gesù fu inflessibile, e a noi come agli scribi e farisei rimanda al segno più portentoso: la sua Risurrezione da morte.

Nessuno poteva prevedere a quel tempo questa ipotesi, nessuno degli atei che Lo combattono oggi crede nella sua Risurrezione.

GESÙ NON DÀ SEGNI A CHI NON LI MERITA O LI CHIEDE PER CURIOSITÀ.

I cuori induriti di Ninive si convertirono alla predicazione dello spaurito Giona, non sarà così per i cuori di quanti oggi odiano Gesù Cristo!

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Non devo mai nascondere la mia Fede in Gesù Cristo, inoltre devo sostenere i perseguitati per la Fede con l’offerta generosa e silenziosa delle sofferenze di questa giornata.

Pensiero

Nulla è insignificante quando si cerca di piacere a Dio. La perfezione consiste nella fedeltà nelle piccole cose. (San Claudio de la Colombiere)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Per leggere tutti gli altri commenti

http://www.gesuemaria.it/meditazioni-di-padre-giulio-maria-scozzaro-sul-vangelo-del-giorno-anno-2012.html

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *