Le parabole del granello di senape e del lievito – 26 Luglio 2021

Lunedì 26 luglio 2021

XVII Settimana del Tempo Ordinario

Santi Gioacchino e Anna

+ VANGELO (Mt 13,3135)

Il granello di senape diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il Regno dei Cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami». Disse loro un’altra parabola: «Il Regno dei Cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata». Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: «Aprirò la mia bocca con parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Stiamo ancora meditando il capitolo 13 di San Matteo, è un discorso parabolico non molto complesso ma non per tutti. «Egli parlò loro di molte cose in parabole» (3a). Abbiamo compreso la ragione della scelta di Gesù, che rimane addirittura un infinito atto di misericordia verso gli indegni, coloro che non Lo accettavano e covavano grande odio verso Lui.

Questo discorso parabolico si riferisce ovviamente alla proprietà della parabola, che il Signore utilizzava per quanti si rifiutavano di accogliere i suoi insegnamenti, anche se rimanevano ad ascoltare ma con finalità offensive, indagatrici e malvagie.

Questo capitolo 13 è molto interessante per comprendere la ragione dell’incapacità che hanno molti cristiani di afferrare il vero significato delle parabole di Gesù. Molti cristiani non le comprendono per una sorte di resistenza magnetica alla vera preghiera, alle letture spirituali, alla conoscenza della vita spirituale e delle virtù da acquisire.

Non è possibile mettere in pratica le virtù senza conoscerle, senza intuire i metodi corretti per giungere alla santa abitudine di forgiarsi.

È lo Spirito Santo che plasma il cristiano e lo aiuta nella rinascita spirituale per possedere gli stessi sentimenti di Gesù e una tempra granitica.

Non è facile abbandonare la vecchia mentalità e intraprendere una nuova vita improntata sul Vangelo, per questo i Sacerdoti devono avere molta comprensione verso i peccatori pentiti ed accompagnarli con grande amore nel cammino di Fede.

I peccatori pentiti sono preziosi davanti a Gesù, essi erano perduti come il figliol prodigo e ritornano umiliati in Chiesa per chiedere perdono al Padre.

Il perdono arriva a tutti i peccatori che lo vogliono, quanti scoprono il vero senso della vita e non corrono più dietro tante strane esigenze che affiorano alla mente e che diventano assillanti in quanti non hanno il pieno controllo della loro volontà.

Ogni essere umano è chiamato a grandi cose, tutti riceviamo talenti in abbondanza per viverli, ma se non se ne ha conoscenza, rimangono disattivati. I cristiani più degli altri hanno moltissime possibilità per trasformare il mondo dal di dentro, diventando come lievito nella massa.

Oggi Gesù in pochi versetti narra due parabole che hanno come obiettivo quello di evidenziare la bellezza e la vastità del Regno dei Cieli. Egli dice che è simile a un granello di senape e al lievito, spiega che il granello è quasi invisibile quando si semina ma negli anni diventa un albero maestoso, «tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami».

Il lievito è poca cosa in confronto alla farina utilizzata, eppure ha la capacità di farla crescere, moltiplicare. Senza questo poco lievito la massa sarebbe rimasta inutile, immangiabile, inservibile.

Il nostro stare sulla terra non deve essere indifferente: dobbiamo avvicinare gli altri a Gesù Cristo.

Una piccola quantità può diventare immensa, espandersi ovunque e toccare ciò che è atrofizzato per farlo rinascere. La Fede cresce a dismisura e si moltiplica se il cristiano comincia a proclamare dappertutto il messaggio di Gesù, per farlo arrivare a quelli che non Lo conoscono.

PARLIAMO DI GESÙ A TUTTI QUELLI CHE CONOSCIAMO, UNO AD UNO, COME FECERO I PRIMI CRISTIANI CON I LORO AMICI, CON I LORO FAMILIARI, CON I COLLEGHI E I VICINI. I PRIMI CRISTIANI, VERO FERMENTO PER UN MONDO DISGREGATO, FECERO SÌ CHE LA FEDE IN BREVE TEMPO SI DIFFONDESSE NELLE FAMIGLIE, NEL SENATO, NELL’ESERCITO E PERSINO NEL PALAZZO IMPERIALE.

Ovunque siamo dobbiamo proporci di dare il buon esempio, che scaturirà con semplicità e naturalezza dal nostro modo di comportarci.

La festa di oggi ci indica nei Santi Gioacchino e Anna i modelli che devono ispirare i genitori cattolici. Per l’umiltà e la loro Fede, sono stati premiati e hanno messo al mondo la più meravigliosa Creatura della storia, diventata Madre di Dio proprio per la sua Immacolata Concezione.

I Santi Gioacchino e Anna intercedono per tutti i genitori che pregano, anche per quelli che nella vita hanno sbagliato o compiuto scelte rovinose ma hanno compreso gli errori, sono pentiti e con la preghiera hanno ricominciato una nuova vita.

Gesù è sempre in attesa a braccia aperte di quanti si pentono e si abbandonano al suo Sacratissimo Cuore.

I genitori sono responsabili sia dell’educazione religiosa dei figli sia della loro crescita umana. Una vita equilibrata e sincera da parte dei genitori, senza falsità e omissioni, rende i loro figli spirituali, equilibrati e felici, essi crescono con grande serenità, forza d’animo, coerenza, religiosità.

La pace interiore e l’armonia in famiglia sono odiate dai diavoli, essi attaccano di continua ogni famiglia con modalità accattivanti e molto ingegnose.

I pensieri contrari al Vangelo, alla preghiera, alla meditazione della Parola di Dio, sono instillati nella mente dai diavoli. Reagite con la preghiera e il rifiuto!

Nelle tentazioni, fatevi piccoli segni di Croce sulla fronte e invocate il Sacro Cuore di Gesù, recitate almeno tre Ave Maria e sarete sempre vincitori.

Io sono vicino a tutti voi che leggete, chiedo a Gesù ogni bene possibile per ognuno di voi, prego ogni giorno per quanti pregano per me e per tutti coloro che mi chiedono preghiere.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Propongo di fare una visita giornaliera a Gesù Eucaristia e di fare il segno della Croce passando davanti una Chiesa.

Pensiero

Quando il demonio è riuscito ad allontanare un’anima dalla Santa Eucaristia, ha raggiunto il suo scopo.(Santa Teresa di Lisieux)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *