Il Regno di Dio è presente nei cristiani autentici – 11 Novembre 2021

Giovedì 11 novembre 2021

XXXII Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Lc 17,20-25)

Il Regno di Dio è in mezzo a voi.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il Regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il Regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il Regno di Dio è in mezzo a voi!». Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’Uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’Uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che Egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Le espressioni «Regno di Dio» e «Regno dei Cieli» si equivalgono, gli Evangelisti hanno utilizzato l’uno o l’altro concetto secondo la stesura dei loro scritti. Gesù oggi ci parla del Regno di Dio, una parola di ampio significato e che riassumo in poche parole.

Regno di Dio sta ad indicare il potere che Dio ha su tutto il genere umano e su tutta la creazione, inoltre indica la Provvidenza con cui Dio governa tutto, esercitando il pieno dominio sulle cose da Lui create.

Governo e Provvidenza di Dio sul mondo sono i principali significati dell’espressione Regno di Dio.

Leggiamo nel Catechismo una spiegazione sintetica:

«Il Regno di Dio è prima di noi;

si è avvicinato nel Verbo incarnato,

viene annunciato in tutto il Vangelo,

è venuto nella Morte e Risurrezione di Cristo.

Il Regno di Dio viene fin dalla Santa Cena e nell’Eucaristia, esso è in mezzo a noi.

Il Regno verrà nella gloria allorché Cristo lo consegnerà al Padre suo» (2816).

È evidente, in ultima analisi, che Regno di Dio si identifica con Gesù stesso.

I cristiani sono consapevoli che la potenza e la Provvidenza di Dio si manifestano in Gesù Cristo. Questa è la Parola rivelata, nessun cristiano onesto e spirituale potrà mai negare questo o affermare che Gesù Cristo non è Figlio di Dio. CHI NEGA CHE GESÙ È IL FIGLIO DI DIO È UN ANTICRISTO!

Il Regno di Dio si manifesta e si identifica dove c’è la vera Chiesa, dove vivono credenti che frequentano e sono in comunione con la Chiesa. La differenza è che il Regno di Dio è presente sulla Terra perché uomini e donne possano riconoscerlo e farne parte, mentrela Chiesa Sposa di Cristo è spiritualmente già in Cielo, qui noi vediamo le strutture, le costruzioni, la materia.

Risulta evidente che il Regno di Dio sulla Terra non può fare a meno di una gerarchia, uomini che dovrebbero obbedire pienamente a Dio.

Ma è davvero così oggi? Vari giornalisti, Vescovi e teologi ancora fedeli al vero Magistero della Chiesa affermano che nella predicazione di oggi è presente una dottrina più umana che divina, una ricerca di compiacenza degli atei e dei protestanti e non la determinazione di predicare la Verità del Vangelo.

Numerosi Pastori della Chiesa più che cercare il Regno di Dio sono impegnati a distruggerlo, ma come potranno vincere l’Onnipotenza di Dio?

Quindi, il Regno di Dio indica soprattutto tre aspetti: 1) il potere e il governo di Dio su tutte le creature; 2) l’azione salvifica di Cristo nella nostra vita; 3) l’appartenenza alla Chiesa, suo mistico Corpo.

Il Regno di Dio è presente nei cristiani che appartengono intimamente alla Chiesa, non quelli che tradiscono Gesù Cristo e ostentano una spiritualità simulata. Sono mimetizzati sotto parvenze buoniste e mirano a intenerire i cuori, parlano di poveri, di immigrati e di solidarietà, ma non seguono Gesù Cristo Figlio di Dio.

Il più spigoloso problema nel cattolicesimo è per la stragrande maggioranza di Pastori e di laici, la mancata percezione del senso di appartenenza alla vera Chiesa di Cristo. Non si curano della sua stabilità e affermazione nel mondo, non sanno di essere loro stessi Chiesa e che ne sono figli affidabili se la riconoscono come Madre.

Occorre frequentare Gesù con le buone letture e le preghiere da snocciolare durante la giornata, anche brevi preghiere che chiamo atti di amore, di lode, di ringraziamento, di aiuto, di fiducia, di varie richieste, di sostegno nelle prove, di allontanamento delle maledizioni dei nemici e delle negatività dei diavoli, di guarigione da ogni malattia.

Chi scopre davvero Gesù è una persona felice e realizzata.

La presenza di Gesù in un genitore, lo rende migliore e maggiormente responsabile, più maturo e coraggioso, intento non ad accontentare in tutto i figli ma a donare ciò che è giusto e meritorio. L’educazione è questione di cuore, i cristiani hanno molto in più da donare e se pregano molto, riescono a trovare l’equilibrio che dona solamente Gesù.

Il Regno di Dio è presente dove c’è la Fede in Gesù Cristo, dove Lui regna con la sua Grazia, e sono quelle verità che ci separano dal regno del mondo e dal demonio. Il Regno di Dio è la presenza di Dio nei nostri cuori.

Senza la presenza di Gesù e la preghiera giornaliera, si è privi del dominio di sé, si agisce impulsivamente e i diavoli vogliono questo, infatti ispirano di tutto per distrarre le persone, senza lasciare il tempo di riflettere, di capire come vivono e di pregare il Santo Rosario per chiedere aiuto alla Madonna, Colei che terrorizza i diavoli con un cenno ed è la Mediatrice di tutte le Grazie.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *