Senza la Luce di Gesù c’è molta confusione – 15 Novembre 2021

Lunedì 15 novembre 2021

XXXIII Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Lc 18,35-43)

Che cosa vuoi che Io faccia per te? Signore, che io veda di nuovo!

+ Dal Vangelo secondo Luca

Mentre Gesù si avvicinava a Gerico, un cieco era seduto lungo la strada a mendicare. Sentendo passare la gente, domandò che cosa accadesse. Gli annunciarono: «Passa Gesù, il Nazareno!». Allora gridò dicendo: «Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me!». Quelli che camminavano avanti lo rimproveravano perché tacesse; ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». Gesù allora si fermò e ordinò che lo conducessero da Lui. Quando fu vicino, gli domandò: «Che cosa vuoi che Io faccia per te?». Egli rispose: «Signore, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Abbi di nuovo la vista! La tua Fede ti ha salvato». Subito ci vide di nuovo e cominciò a seguirlo glorificando Dio. E tutto il popolo, vedendo, diede lode a Dio. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Nell’oscurità è impossibile distinguere e vedere nitidamente, proprio come il cieco del Vangelo si rimane sospesi nel dubbio, anche con il timore di cadere mentre si cammina. Un cieco non vede la strada, non vede nulla attorno a sé e si deve affidare agli altri.

Un cieco non riesce a fare molte cose, a sistemare la casa, a guidare un mezzo, non può compiere tutte quelle azioni che necessitano della conoscenza visiva. È un vero dramma non vedere i colori, i volti dei familiari, la natura ridente, tutto quello che circonda la persona.

Un cieco però ha il vantaggio di riflettere, avendo sicuramente a disposizione più tempo rispetto a quanti lavorano fuori e dentro casa.

La riflessione onesta e intelligente invece viene a mancare a quelli che vedono o pensano di vedere la realtà e di conoscerla perfettamente.

Una delle condanne più aspre di Gesù ai suoi nemici riguarda proprio l’incapacità di capire la realtà nella sua oggettività. Ne consegue anche l’incapacità di agire onestamente, di fare del bene per il grande orgoglio presente.

Si illudevano di vedere e di capire la realtà, essi invece interpretavano gli eventi secondo le personali convinzioni, i pensieri mutevoli, i piaceri.

La cecità intellettuale è molto più dannosa di quella fisica. I ciechi non vedono e hanno maggiore sensibilità, sono molto docili e buoni.

Nel mondo c’è molta cecità e illusione, un esempio è il coronavirus discusso in mille modi senza ammettere la verità sulla pandemia.

Nel Vangelo Gesù guarisce il cieco immediatamente perché pieno di Fede, oggi circa cento famiglie posseggono la maggior parte della ricchezza mondiale e oltre ad essere «ciechi», odiano Gesù e la sua Chiesa perché definitivamente consacrati a Satana, prendono ordini da lui anche nelle messe nere.

Questi potenti si ribellano odiosamente alla Luce di Cristo e al Cristianesimo, sono già pronti a presentare colui che si oppone a Dio, anche se inizialmente si mostrerà come il benefattore dell’umanità. Molti adoreranno l’uomo in cui si è incarnato Satana!

Queste ricche famiglie americane con il potere di quantità indefinite di denaro hanno la capacità di organizzare anche più di una pandemia in questi anni. Tutti loro rifiutano dannatamente l’idea di un Padre Creatore e inneggiano a Lucifero per la sua ribellione e la «luce» che secondo la loro convinzione ha permesso di «vedere», è solo tenebra e per questo sono ciechi e satanisti.

I governanti sinceri si opporrebbero al progetto di morte e distruzione che è nella fase iniziale, ma noi italiani cosa possiamo sperare?

Abbiamo politici ciechi intellettualmente, capaci di fare l’opposto del Bene da compiere.

Dio cambiava parere secondo le reazioni degli uomini e le condizioni che si venivano a creare nelle popolazioni, ma non è stato mai contraddittorio.

Dio cambiava atteggiamento nell’Antico Testamento quando le persone cambiavano il loro modo di agire, lo vediamo anche nelle decisioni di Gesù quando il giorno dopo indicava agli Apostoli di fare altro rispetto al comando dato il giorno prima.

Il cambiamento del comportamento dei suoi nemici o di altre condizioni, induceva Gesù ad una scelta diversa dal giorno precedente.

In molti politici troviamo una incoerenza imputridita e marcita, la contraddizione visibile e senza alcuna giustificazione.

È vero che i politici non ricevono il dono della coerenza una volta eletti, rimangono quelli che erano prima o forse diventano peggiori di prima, di sicuro portano nel luogo istituzionale pregi e difetti. Rappresentano la cittadinanza, il fatto strano è che il più delle volte esprimono sconnessione dalla realtà e difformità dalle migliori iniziative. Non ci sorprendono…

La mancata coerenza causa danni gravissimi a 60 milioni di italiani, affossa una Nazione, toglie sonno e soldi ai pensionati, lavoro ai lavoratori, aiuti economici alle famiglie e le meravigliose tradizioni italiane alla nostra amata Patria. Hanno messo l’Italia in vendita come hanno già fatto con la Grecia!

Quanti amano il popolo e non fanno parte di organizzazioni segrete, si preoccupano dei bisogni dei cittadini, hanno cuore e affetti.

La cecità intellettuale è la vera malattia che distrugge la persona umana e la fa dannare. Toglie il discernimento e l’amore per la verità!

Solo Gesù può dare Luce ai ciechi che governano ma è difficile per la durezza del cuore, solo il terrore dell’Avvertimento li potrà scuotere.

Solo Gesù può guarire dalle tenebre in cui vivono quanti guidano le Nazioni. A loro però non interessa, ma la nostra preghiera potrà attenuare i mali.

Chiediamo ogni giorno a Gesù di farci vedere e interpretare la realtà con i suoi occhi, di amare con il suo Cuore. Senza Gesù si rimane ciechi!

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *