L’Apocalisse: i 7 sigilli e le 7 trombe dell’ultimo sigillo… – 25 Novembre 2021

Giovedì 25 novembre 2021

XXXIV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Lc 21,2028)

Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti.

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano verso i monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli che stanno in campagna non tornino in città; quelli infatti saranno giorni di vendetta, affinché tutto ciò che è stato scritto si compia. In quei giorni guai alle donne che sono incinte e a quelle che allattano, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo. Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti. Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’Uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Sono parole che quantomeno inducono alla riflessione, ma non devono arrecare paura, i credenti che hanno una Fede matura non arrivano mai all’abbattimento. Sono pieni di speranza in un futuro migliore di questo e si affidano a Gesù buono. Lui ci ha sempre protetti, lo farà con maggiore forza quando si avvereranno le parole che pronuncia nel Vangelo di oggi.

La parte più significativa dei vaticini della grande mistica tedesca Teresa Neumann, riguardano il nostro tempo.

Al termine della seconda guerra mondiale, quando le persone esultavano per la fine delle dittature (una fine che Teresa aveva profetizzato quando, alla vigilia del conflitto, venne stipulato tra l’Italia e la Germania il Patto d’Acciaio) la Veggente disse:«È giustificata la gioia, perché l’incubo é finito… ma la grande piaga si aprirà nel 1999 e sanguinerà per molti anni fino alla perdita della Fede: sarà questo il tempo di Caino».

Ci troviamo pienamente nel tempo più drammatico della storia umana, un tempo velenoso che i non credenti non riescono a comprendere.

Siamo consapevoli che Dio non vuole la rovina dell’umanità, neanche la lascia in balìa di Satana e protegge tutti quelli che pregano e si impegnano ogni giorno per osservare i Comandamenti. Senza la protezione di Dio, Satana arrecherebbe a tutti disturbi tremendi e attacchi da portare alla disperazione.

Dio sta sempre con le braccia aperte nell’atto di accogliere e abbracciare i peccatori pentiti. Nessuno deve considerarsi escluso dall’amore del Padre, ma deve pentirsi e comprendere di avere offeso Dio trasgredendo le sue Leggi. Come potranno però i peccatori ritornare a Dio se non vengono aiutati?

Quanto sta avvenendo in questi tempi, quello che si conosce di molto grave contro l’umanità, sono valide argomentazioni per portare i tiepidi e i peccatori a scoprire che solo in Gesù si trova la Verità e la vittoria, la sicurezza e il vero aiuto per non cadere nelle trappole preparate dai nemici di tutti gli esseri umani.

I più grandi nemici di uomini e donne innocenti sono i gruppi di potere, diventati simili ai  diavoli e il grande obiettivo è il declino della Chiesa!

Gesù nel Vangelo parla di angoscia di popoli, e sarà ovviamente così, ma non riguarderà i suoi veri seguaci, loro riceveranno protezione e conforto per la piena fiducia in Lui. Nei momenti di tribolazione non si abbatteranno e nella preghiera troveranno una grande forza.

La Madonna sarà vicina come mai prima a tutti i suoi veri devoti.

Questo è il tempo di crescere nella Fede, di meditare molto il Vangelo.

I tempi predetti nel Vangelo da Gesù sono questi, «allora vedranno il Figlio dell’Uomo venire su una nube con grande potenza e gloria».

Ci troviamo pienamente nell’Apocalisse, è stato aperto il primo dei sette sigilli. Il capitolo 5 versetto 1 introduce i sigilli mentre nei seguenti capitoli vengono spiegati i significati. «E vidi, nella mano destra di Colui che sedeva sul trono, un libro scritto sul lato interno e su quello esterno, sigillato con sette sigilli».

Il capitolo 6 versetto 1 narra l’inizio dell’apertura dei sigilli: «E vidi, quando l’Agnello sciolse il primo dei sette sigilli, e udii il primo dei quattro esseri viventi che diceva come con voce di tuono: “Vieni”».

All’apertura dell’ultimo sigillo, il settimo, apparvero 7 Angeli con 7 trombe. Non ho tralasciato i precedenti sei sigilli perché non importanti, tutto è importante nell’Apocalisse, il Libro della Rivelazione. Oggi è opportuno conoscere il contenuto del 7° sigillo che coincide con le parole di Gesù nel Vangelo che stiamo meditando da Luca 21,20-28.

Quindi, quanto leggiamo appartiene all’ultimo sigillo, il 7°.

Allo squillo della prima tromba, piovvero sulla Terra sangue e fuoco. Un terzo della Terra fu bruciata.

Allo squillo della seconda tromba, una grande montagna di fuoco cadde nel mare.

Allo squillo della terza tromba, cadde dal cielo una grande stella. Essa si chiamava Assenzio.

Allo squillo della quarta tromba, furono colpiti da misteriosi oggetti il Sole e la Luna.

Allo squillo della quinta tromba, un astro cadde sulla terra che si aprì e da essa uscì un gran fumo che oscurò il cielo. Dalle viscere della Terra uscì una moltitudine di enormi cavallette che iniziarono a tormentare gli uomini. Il loro Re era l’Angelo dell’abisso, lo sterminatore.

Allo squillo della sesta tromba, furono liberati 4 Angeli al cui seguito vi erano milioni di cavalieri che STERMINARONO UN TERZO DELL’UMANITÀ ANCORA SUPERSTITE, ma la restante umanità ancora viveva nella perdizione e nel peccato.

Allo squillo della settima tromba, si aprirono i cieli ed apparve l’Arca dell’Alleanza. Seguirono fulmini, tuoni, terremoti e tempeste di grandine.

A questo punto apparvero grandi segni nel cielo: una Donna vestita di Sole, con la Luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle.

Per completare questa parte non difficile ma da accogliere con Fede, introduco quanto troviamo nel capitolo sei e sono i quattro cavalieri dell’Apocalisse. Riguardo i primi quattro sigilli adesso non scrivo la spiegazione completa per non caricare questo commento, oggi mi limito solamente ad indicare i quattro Cavalieri, i colori dei cavalli che hanno pure un significato e il corrispondente sigillo.

La visione continua con l’apparizione di un Agnello dotato di sette corna e sette occhi che prende il libro sigillato dalla mano di Colui che siede sul Trono.  I 7 occhi indicano la pienezza dell’onniveggenza, della conoscenza di Dio. I 7 corni la pienezza del potere, già un corno solo indica la potenza. Questi sono alcuni simboli particolari.

All’apertura del primo sigillo apparve un cavallo bianco con un cavaliere con in mano un arco. «Colui che lo cavalca si chiama “fedele” e “verace”. È avvolto in un mantello intriso di sangue e il nome è Verbo di Dio».

All’apertura del secondo sigillo apparve un cavallo rosso fuoco e colui che lo montava aveva una grande spada ed ebbe il potere di togliere la pace dalla Terra. Il rosso  evoca il sangue. Il manto del Drago affamato di vittime è di colore rosso (Ap 12,3).

All’apertura del terzo sigillo apparve un cavallo nero ed il suo cavaliere aveva in mano una bilancia. Il nero indica la morte o una grande ristrettezza, sia alimentare che economica e condurrà a morire di stenti. Indica anche scarsità di cibo, la carestia, la povertà per le imposizioni dei potenti e le privazioni che imporranno tramite il vaccino e lo imporranno PER DOMINARCI, PER INCATENARCI E MINIMIZZARE LE FACOLTÀ UMANE TRAMITE LA TECNOLOGIA MAL IMPIEGATA!

GLI ESSERI UMANI CON LE FACOLTÀ ATROFIZZATE, SARANNO INCAPACI DI DECIDERE DA SOLI ED AVRANNO BISOGNO DI CHI ORDINI LORO COME COMPORTARSI ED AGIRE. IL CORPO UMANO SARÀ ADULTERATO DAI VACCINI.

All’apertura del quarto sigillo apparve un cavallo verde il cui cavaliere era la Morte, seguita da tutto l’inferno, ed ebbe il potere di sterminare la quarta parte dell’umanità con la guerra, la peste e le carestie.

I personaggi di cui si parla in questi primi quattro sigilli, vengono comunemente chiamati i quattro cavalieri dell’Apocalisse.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro:www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *