L’Onnipotenza per Grazia dell’Immacolata – 8 Dicembre 2021

Mercoledì 8 dicembre 2021

II Settimana di Avvento

Immacolata Concezione

della Beata Vergine Maria+ VANGELO (Lc 1,2638)

Ecco concepirai un Figlio e Lo darai alla luce.

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, l’Angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una Vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La Vergine si chiamava Maria. Entrando da Lei, disse: «Ti saluto, o Piena di Grazia: il Signore è con Te». A queste parole Ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’Angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato Grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un Figlio, Lo darai alla luce e Lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo Regno non avrà fine». Allora Maria disse all’Angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’Angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di Te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò Colui che nascerà sarà Santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la Serva del Signore: avvenga in Me secondo la tua parola». E l’Angelo si allontanò da Lei. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Tutto quello che si può dire di bello e di grande di una creatura, lo cantiamo oggi alla nostra Madre del Cielo. Nella Solennità più importante e commovente per i devoti mariani, lascia sgomenti l’attacco contro la Madonna da parte di predicatori e teologi, impegnati ad appiattire la sana dottrina della Chiesa, determinati nell’eliminare dalla liturgia il soprannaturale che essi non percepiscono più per le scelte scellerate e contrarie al Bene.

È un giorno di grande gioia per i devoti dell’Immacolata, soprattutto un tripudio in Cielo in onore della Donna vestita di Sole, quel Sole che rappresenta Cristo, il Salvatore del mondo, e che Ella ha portato in grembo, Lo ha partorito e cresciuto fino ad offrirLo al Padre sul Calvario, diventando così la Corredentrice.

Solo con la Fede possiamo affermare che una Creatura umana è diventata Madre di Dio, Ella è la Donna ricolma di privilegi soprannaturali, preservata dal peccato originale fin dalla Concezione Immacolata, momento in cui ha ricevuto la pienezza di Grazia Divina. Nel grembo della madre Sant’Anna era già Piena di Grazia.

Questo spiega anche il saluto dell’Arcangelo Gabriele quando Ella era appena quindicenne: «Ti saluto, Piena di Grazia».

L’Inviato di Dio ha riferito in parole l’infinito Amore di Dio verso l’eccelsa Fanciulla, chiamandoLa «Piena di Grazia» ha affermato da parte della Santissima Trinità che nell’umile Fanciulla non è presente neanche una piccola fibra di imperfezione, la bava di Satana non ha assolutamente sfiorato Colei che «tutte le generazioni chiamano Beata».

Questo è stato il primo privilegio accordato alla Donna associata all’opera redentrice del Figlio Divino unico Redentore, e il privilegio iniziale della sua Immacolata Concezione apre a quello della Maternità Divina, alla perpetua Verginità, al suo essere Corredentrice e alla sua opera di Mediatrice tra Gesù e noi.

La Santissima Trinità, volendo salvare l’umanità e darle una Madre Santissima, scelse Maria Santissima perché divenisse Madre del Figlio di Dio fatto Uomo. Più ancora. Dio volle che Maria Santissima fosse unita con un vincolo indissolubile non solo alla nascita umana e terrena del Verbo, ma anche a tutta l’opera della Redenzione che Egli avrebbe compiuto.

NEL PIANO SALVIFICO DI DIO, MARIA SANTISSIMA È SEMPRE UNITA A GESÙ, PERFETTO DIO E PERFETTO UOMO, MEDIATORE UNICO E REDENTORE DEL GENERE UMANO.

Questa Solennità ci deve spingere ad una conoscenza più approfondita della Vergine Madre. Non c’è vero amore verso una persona che si conosce poco, non c’è grande stima né desiderio di imitare le sue buone opere. Non si riesce ad imitare la Madonna se si conosce poco di Lei, se La frequentiamo poco nella preghiera.

Come Madre amorevole di tutti noi, ha ricevuto l’incarico di avvisare l’umanità dei tremendi pericoli che incombono e causate dai potenti che collaborano, come schiavi, con Satana, ma anche per la perdita della Fede da parte della gerarchia e di moltissimi Vescovi e Sacerdoti.

L’uomo di oggi ha scelto e, soprattutto, è stato indotto dai mass-media a vivere senza Dio, a non pregare più e a cercare nei vizi la falsa felicità.

Molti non riflettono per pigrizia o per non conoscere verità scomode, sull’attività dei nemici di Gesù e della sua Chiesa, nemici massoni anche nella gerarchia più alta della Chiesa, tutti intenti a minare le fondamenta addirittura del Cristianesimo e complici del malvagio Klaus Schwab, professore di economia politica all’Università di Ginevra, fondatore e attuale direttore esecutivo del World Economic Forum, detto anche «Forum di Davos».

Il malvagio economista Klaus Schwab ha incontrato ultimamente Draghi e Bergoglio.

Anche altri italiani fanno parte del progetto del «Grande reset» o azzeramento, ed insieme all’èlite mondiale vogliono la diminuzione della popolazione.

La Madonna fin dal 1832 cominciò a lanciare appelli nelle apparizioni a quanti hanno dimenticato i Comandamenti, gli insegnamenti del Vangelo e vivono senza Dio, illusi di essere immortali o di vivere mille anni e di poter essere davvero felici, quando invece sono dannati dentro e sempre alla ricerca della pace e della gioia che solamente Gesù può dare.

La devozione all’Immacolata non è una innocua pratica devozionale, è la Via sicura per conoscere e adorare il Figlio di Dio, Gesù Cristo e vivere il suo Vangelo. Questo spiega l’odio dei diavoli verso la devozione alla Madonna e la loro indomita battaglia da due millenni per annullare nella Chiesa le sue feste e le preghiere rivolte a Lei.

Nei cattolici che non nutrono una vera devozione alla Madonna, c’è Satana che domina ed ispira una grande avversione a Lei e al Santo Rosario.

Come vediamo e da quanto non si ascolta più nelle omelie, numerosi Vescovi e Sacerdoti non hanno alcuna devozione verso l’Immacolata, sono amici e complici di politici anticlericali, detestano Gesù Cristo e soprattutto la Madre Immacolata per la sua Onnipotenza per Grazia.

Impazziscono di rabbia quando si ricorda che Ella è Corredentrice, sono assaliti dallo spirito malefico che oramai li governa e dirige nella distruzione.

Tramite il loro impegno, i diavoli hanno ottenuto nella Chiesa risultati eccellenti, per esempio da decenni nei seminari dove si formano i futuri Sacerdoti non si recita il Santo Rosario e molti teologi non parlano della Madre di Dio oppure insegnano con superficialità una mariologia minimalista, difforme dal vero Magistero della Chiesa.

In un esorcismo compiuto anni fa da un esorcista, Satana ha rivelato che la Madonna rimane accanto a noi che La preghiamo con amore.

«VOI PENSATE CHE SIA LASSÙ, MA LEI NON STA LASSÙ. LEI VI STA VICINO; BASTARDI, BASTARDI, CHE AVETE FATTO PER AVERLA COSÌ VICINA, EH?

E QUANDO MORITE, LEI È LÀ, LEI È LÀ (LO RIPETE CON RABBIA) E ASPETTA UN VOSTRO PENSIERO, UN VOSTRO PALPITO DEL CUORE PER IL BENE, UNA VOSTRA CHIAMATA A QUELLO (A GESÙ) E LEI È LÀ, LEI È LÀ CHE VI ASPETTA CON IL CUORE APERTO DI MADRE!

TU SAI CHE COS’È UNA MADRE, EH? UNA MADRE GUARDA TENERAMENTE TUTTI I FIGLI, INSEGNA LORO IL BENE, LI RICHIAMA AL BENE E PIANGE, E PIANGE SE IL FIGLIO, IL FIGLIO, IL FIGLIO NON L’ASCOLTA, PERCHÉ SA CHE IO, IO LO PRENDERÒ, SE NON L’ASCOLTA IO LO PRENDERÒ!».

Chi non prega la Madonna corre il grande pericolo della dannazione eterna, è assalito da strani pensieri e li segue docilmente senza capirne la provenienza né dove andrà a rovinarsi. Questo può succedere anche a quanti pregano la Madonna, ma se chiedono ad Ella di aiutarli nel discernimento, comprendono facilmente i pensieri sbagliati e gli errori commessi.

Chi non prega la Madonna è senza alcuna protezione spirituale, i diavoli possono fare quello che vogliono, fanno apparire il Male come un Bene e il peccato in qualcosa di perennemente lecito.

Noi seguaci della sana dottrina della Santa Chiesa, sappiamo che non diventa mai buona un’opera che è cattiva in sé, né diventa buona solo perché viene compiuta da molti altri.

Non dobbiamo fare come gli atei. Non è ammissibile accettare peccati innominabili perché lo fanno tutti. Sono banali ispirazioni dei diavoli.

Un peccato è sempre peccato, e qualcosa che non si deve fare non va compiuta mai, anche se la società la presenta come una conquista, e se la intendono così, vuol dire che sono privi di morale e dove si trova oggi un personaggio televisivo onesto e corretto?

La preghiera giornaliera del Santo Rosario e l’amore crescente all’Immacolata, danno vigore spirituale e allontanano le debolezze, purificano l’anima, agevolano la pratica delle virtù e la vittoria sui vizi. Noi mariani dobbiamo molto all’Immacolata, è Lei che ci permette di vincere incessantemente i diavoli che cercano di distruggerci e infondono sempre pensieri opposti al Bene e alla verità.

All’Immacolata rivolgiamo tanti ringraziamenti, con la convinzione che dobbiamo dare a Lei un amore speciale per tutto il Bene che abbiamo ricevuto.

Non si può amare veramente Gesù Cristo senza l’aiuto della Madre, è una costante in tutti i Santi, è il ruolo dato dal Figlio alla Madre!

Molti nella Chiesa pronunciano il Nome Santissimo della Madonna e nei loro discorsi intercalano solo un accenno alla Vergine. In molti è solo verbosità, nelle opere opposte al Bene mostrano di non conoscere le grandezze dell’Avvocata del Cielo.

Non hanno scoperto «l’Onnipotenza per Grazia» di Colei che con un sospiro fa tremare tutto l’inferno e i diavoli cercano di rintanarsi nelle caverne di fuoco per non avvertire il sospiro della Madre di Dio. San Michele Arcangelo è il suo primo servitore e miriadi di Angeli La servono con grande premura ed entusiasmo.

Questi e tanti altri pensieri sull’Immacolata li ho espressi in tante occasioni, sono anche inseriti nei miei libri, tra cui «Maria Madre di Dio» e «Santo Rosario meditato». Potete richiederli rispondendo a questa mail, oppure visitando il sito https://www.gesuemaria.it/categoria-prodotto/libri/

Nella solennità dell’Immacolata facciamo con convinzione la consacrazione a Lei e ripetiamo con amore le parole riportate più sotto.

Oggi ricorre il mio 25° anno di sacerdozio e all’Immacolata devo tutto, oltre al grande dono di essere Sacerdote, anche la vita per la sua presenza.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro:www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *