Categoria: MAGIA

I maghi 0

I maghi

Scritto il 29 Giugno 2009.
di Don Raul Salvucci (esorcista) “È vivo nell’uomo il desiderio di conoscere il senso e la dinamica degli eventi personali e comunitari in cui si trova implicato. Vorrebbe sapere prima quel che succederà poi, così da non essere colto di sorpresa. Gesù però non ha mai assecondato questa curiosità. Gesù ci esorta a non investigare inutilmente su ciò che è riservato a Dio, che è appunto il corso degli eventi”. (Giovanni Paolo II)Partendo dal presupposto che il futuro è solo nelle mani di Dio, verità fondata sulla nostra fede e dimostrata evidenza quotidiana, si offriranno ulteriori prove tratte dalla cronaca e dagli eventi recenti per ribadire, come se ancora ce ne fosse bisogno, che nessun uomo può anticipare il futuro! Lo stesso CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, fondato nel 1989 da Piero Angela, a cui aderiscono Silvio Garattini, Rita Levi Montalcini e Carlo Rubbia) ha rivelato come le previsioni dei sedicenti maghi per il 2001 non se ne siano verificate neanche una! Si vedrà, infatti, come la maggior parte dei maghi non siano altro che truffatori, ingannatori o al massimo degli esperti periti chimici e di come l’astrologia non sia più di “un’affascinante fantasia”; tutto ciò per esemplificare e rendere ancora più immediato, se ce ne fosse bisogno, tutto ciò che è stato detto con chiarezza nelle pagine precedenti.Maghi per telefono!“Mi sentivo una ladra. Avrei voluto dire che stavo per proporre un raggiro. Invece, il copione da seguire era molto preciso: ‘Buongiorno. Mi permetto di disturbarla perché lei è un nostro affezionato cliente. Abbiamo una gradita sorpresa. Un’offerta speciale di consulto a prezzo scontatissimo con un mago a sua scelta: 20 minuti a 16 Euro, anziché 38 Euro. Per il pagamento non si preoccu pi,può fare comodamente il versamento entro 15 giorni con vaglia postale’. Questo dovevo dire. L’ordine era insistere, cercando di individuare il punto debole del ‘pollo’ da spennare”.Affermazioni amare, quelle di Elisa. Era disoccupata quando ha visto la generica inserzione sul giornale: “Società offre lavoro come telefonista”. Perché no, ha pensato. S’è presentata negli uffici della M.S. di Varese. E ha scoperto di che si trattava: una società che si promuove sulla televisione locale, specializzata in consulti magici telefonici.La M.S. opera sia attraverso numeri della rete telefonica di Varese che con il “166” (il servizio di pubblica utilità della Telecom). Non la si trova sulle Pagine gialle, non c’è targhetta ne nome all’ingresso della sede, i centralinisti sono sottopagati. I guadagni, esentasse. I clienti pagano soltanto in contanti o tramite i vaglia.Due sedi (la seconda, in un paesino minuscolo del Varesotto), una ventina di telefonisti, altrettanti sedicenti maghi (“Quelli che apparivano in Tv erano i più presentabili”, racconta Elisa. “Gli altri avevano letto sì e no un paio di libretti di cartomanzia”). Tutti, maghi e centralinisti, dotati di computer per accedere all’archivio della società: 200.000 nominativi.“Mi hanno assegnato la lettera ‘M’. Il mio compito era quello di chiamarli tutti: poco meno di settemila persone. Non ce l’ho fatta ad arrivare fino in fondo. Ero schifata, dopo qualche settimana me ne sono andata via”. Elisa ne ha chiamate circa 6.000, di lettere “M” per otto ore al giorno, sei giorni la settimana. Il suo stipendio: 150 Euro al momento in cui se n’è andata, altri 350 Euro il mese successivo. Già, perché Elisa ha anche scoperto che il lavoro era “a cottimo”: i telefonisti venivano pagati in percentuale se e quando il cliente versava il vaglia. “Nel computer c’era una scheda per ogni cliente, con la cronaca di tutti i consulti precedenti”, racconta. “Inoltre c’erano i pagamenti, in due colonne: nella prima il dovuto, nella seconda quanto realmente avevano versato. Qualcuno era arrivato a 20 mila Euro. Qualche altro aveva debiti, per 2 o 3 mila Euro”.Elisa spiega che il consulto telefonico in realtà è l’esca. Nel colloquio emerge sempre qualche problema grave da risolvere attraverso costosi rituali: “Il vero business è l’oggettistica”, dice. “Una candela o una piramide ‘magiche’ da pochi Euro vengono venduti a più di 200 Euro, 400 Euro o anche di più, a seconda del rito. Non so quanti abbiano effettivamente fatto il consulto, ma posso dire che più della metà dei clienti contattati da me erano interessati e, anzi, si dicevano fortunati di essere stati inseriti nella promozione”.Mille linee magiche o eroticheLa ragazza era riuscita anche a entrare in un secondo archivio (non accessibile ai telefonisti): qui c’era il riassunto dei contenuti dei consulti e note del mago. Tipo: “Questa telefona spesso”, oppure: “Va invogliata, la cretina poi chiama”. Elisa ricorda il caso di una donna che è stata convinta, a suon di migliaia di Euro, a fare un consulto medianico per parlare col marito morto tre giorni prima.Il “166”, come si ricorderà, è il numero attivato da Telecom all’indomani delle polemiche sollevate da Beppe Grillo sul “144”. La compagnia telefonica, allora, dichiarò che il nuovo numero serviva per distinguere i servizi d’intrattenimento (in pratica linee erotiche e cartomanti vari) da quelli di pubblica utilità.Ebbene, neanche 10 anni dopo, la situazione si ripropone identica: attraverso il “166” operano circa mille linee magiche ed erotiche. “Basta qualche semplice calcolo per capire l’affare”, spiega il professor Giovanni Panunzio, responsabile nazionale del Telefono Antiplagio. “Una sola linea può arrivare a fruttare 100 Euro l’ora, cioè 775 mila Euro in un anno. E si spiega anche la “tolleranza” della Telecom: la sua quota è del 30 per cento sulle entrate” Per informazioni sul Telefono Antiplagio si può consultare il sito: www.antiplagio.orgMeglio in tribunale. Quanti maghi ci sono in Italia? Il Telefono Antiplagio di Cagliari ha provato a censirli, attraverso la ricognizione delle loro pubblicità e le segnalazioni dei cittadini. Ebbene, ne hanno trovati 21.550, dei quali ben 4.200 si promuovono su giornali, radio, televisioni e 3.050 su Internet. I dati che seguono sono tratti esclusivamente dalle 7.050 segnalazioni ricevute nei sette anni di attività del Telefono Antiplagio (è nato nell’ottobre 1994).
Suddivisione per aree geografiche: Nord Italia 43%, Centro 30%, Sud e Isole 27%. Regioni col più alto tasso di astrologi e maghi: Lombardia, Lazio, Piemonte, Campania e Sicilia.Gli illeciti segnalati con maggior frequenza: esercizio del mestiere di ciarlatano, evasione fiscale, circonvenzione d’incapace, truffa, truffa aggravata, esercizio abusivo di professione (soprattutto medica e psicologica), abuso della credulità popolare, trattamento idoneo a sopprimere la coscienza o la volontà altrui, stato di incapacità procurato mediante violenza, minacce, violazione della privacy, pubblicità ingannevole. Qualche dato sulle vittime: età media 45 anni; donne 58%, uomini 38%, minori 4%; titolo di studio: licenza elementare 40%, licenza media 46%, diploma o laurea 14%.
L’associazione ha presentato 7.000 esposti alle diverse autorità competenti, che hanno dato luogo a moltissime inchieste giudiziarie, delle quali 1.400 sono in corso. Inoltre ha denunciato oltre 100 pubblicità ingannevoli, sulle quali l’Antitrust ha avviato procedimenti con una novantina di condanne. Solo quattro cittadini su 100 sporgono denuncia, per paura di ricatti, per vergogna, perché il resto della famiglia non è al corrente del ricorso al mago.Il primo rimedio? Spegnere i riflettori“Le Tv devono smettere di invitarli”, dice Giovanni Panunzio. “E poi bisogna presto reintrodurre il reato di plagio”.
Il professor Giovanni Panunzio è il responsabile nazionale del Telefono Antiplagio. Con lui sondiamo il variegato mondo di maghi, cartomanti, astrologi e compagnia. Il mago Otelma ha asserito che le arti magiche hanno ottenuto il riconoscimento di una sentenza del 1986 della Corte di Cassazione. E vero?“No. Otelma cita una sentenza che lo riguarda, nella quale è stato condannato per evasione fiscale. Nelle motivazioni della Corte si descriveva il mestiere di Otelma. E questo è ben diverso dal legittimarlo. Il suo ragionamento è il seguente: “Se ho dovuto pagare le tasse sui guadagni derivanti dall’attività di mago, l’attività è legale”. Non è vero: una legge del 1993 stabilisce che si debbano versare le imposte anche per i guadagni da attività illecite. Tant’è vero che il ministero dell’Economia ci ha chiesto i nominativi dei “maghi”. Ci siamo rifiutati perché non è giusto andare solo a caccia di soldi. Lo Stato deve chiudere i loro studi”. Equipara i maghi ai delinquenti…“Non lo dico io, lo dice la legge italiana. L’articolo 121 del Tulps (Testo unico di pubblica sicurezza) recita: ‘E vietato il mestiere di ciarlatano’.”. Cosa si intende per ciarlatano?“Lo spiega bene il relativo regolamento: ‘Sotto la denominazione di mestiere di ciarlatano si comprende ogni attività diretta a speculare sull’altrui credulità o a sfruttare o alimentare l’altrui pregiudizio, come gli indovini, gli interpreti di sogni, i cartomanti… o coloro che magnificano ricette o specifici, cui attribuiscono virtù straordinarie o miracolose’. Inoltre, un decreto legislativo del 1994 ha aggravato le sanzioni pecuniarie, e pochi mesi dopo una circolare del ministero dell’interno ha invitato le autorità competenti ad applicare le sanzioni previste. Infine, nel 1995, la stessa Cassazione ha ribadito che ‘l’attività di mago giuridicamente si inquadra nel mestiere di ciarlatano, espressamente vietato dall’articolo 121 del Tulps’”. Tuttavia, maghi, sensitivi e occultisti continuano a farsi pubblicità.“A fronte di lievi sanzioni il mago sa di poter ricavare guadagni enormi. Perciò chiediamo alle Tv di smettere di invitarli. Otelma, Basmagi o gruppi come ‘I bambini di satana’, devono essenzialmente al Maurizio Costanzo Show la loro fama. Per questo chiediamo che Pagine gialle, Pagine utili, Telecom, Rai rifiutino le pubblicità degli occultisti” Vi siete fatti promotori di un disegno di legge che reintroduca il plagio, un reato che la Corte Costituzionale aveva cancellato. Perché?“La Corte Costituzionale ha cassato una legge che risultava imprecisa e discrezionale. Quindi nessuno la vuole resuscitare. Il disegno di legge (che è stato presentato dal senatore di An Renato Meduri con una ventina di colleghi) s’intitola: ‘Norme per contrastare la manipolazione psicologica”.Si divide in tre articoli. Dice che è reato porre qualcuno in stato di soggezione con la violenza, le minacce, le suggestioni o qualsiasi limitazione della libertà. E aggrava la pena se la vittima è un minore. Irretire le persone con la suggestione e abusare delle situazioni di sofferenza è l’arma principale dei maghi, ma anche di sette e santoni”.Più che maghi, questi sono periti chimiciIl clima “magico” degli studi degli occultisti è molto importante per suggestionare e irretire i clienti, convincendoli di inesistenti poteri paranormali. Allo scopo, maghi, sensitivi e cartomanti non esitano a utilizzare “mezzucci” di ogni tipo. Sono trucchi spesso banali, ottenuti il più delle volte con prodotti chimici noti a tutti gli illusionisti.Ecco qualche esempio. Per dimostrare che un rito di protezione dal maleficio è riuscito, il mago può immergere una foto nell’acqua e far vedere che ne esce asciutta. Per ottenere l’effetto mirabolante basta procurarsi in erboristeria la polvere di licopodio e spargerla sulla superficie di un recipiente quasi pieno. Per rendere ignifugo un fazzoletto (si usa nelle messe nere) è sufficiente immergerlo in una soluzione di alcol etilico e acqua.Anche nella cristalloterapia si possono fare “miracoli”: la crescita dei cristalli si ottiene con acetato di piombo sciolto in acqua e una striscia di zinco. Mentre per far bollire l’acqua all’istante basta utilizzare clorato di potassio, cristalli di per manganato di potassio e del ghiaccio carbonico.Ma ci sono effetti ancora più spettacolari: per mostrare che è immune dal fuoco, il mago può mettere un braccio sulla fiamma, che si sarà frizionato prudentemente con acido solforico allungato in acqua o con una soluzione di allume evaporata e sapone duro. Nelle sedute spiritiche risulterà efficace sprigionare un fuoco spontaneo: detto e fatto, bastano paraffina e ossalato ferroso.Nella casistica, risulta che faccia molta presa la solidificazione dell’acqua: basta usare una polvere che si trova in quasi tutti i pannolini dei neonati. E, ancora, è convincente dimostrare che si è annullata una “negatività” facendo sparire da un foglio coperto di scrittura ogni traccia d’inchiostro. Lo si ottiene passandovi sopra una carta assorbente trattata con acido ossalico. Alcuni occultisti, inoltre, utilizzano anche l’arma della superstizione religiosa per irretire i clienti e arrivano a usare effettacci come la lacrimazione delle statuette. Anche questo si ottiene con semplici sostanze chimiche.Oppure nei legamenti d’amore è molto efficace l’impiego della cartalampo, del cotone lampo o del filo lampo. Il rito si conclude con una gran fiammata, al termine della quale gli oggetti utilizzati sono scomparsi. Ebbene, sono materiali trattati con acido solforico o altri elementi. Una raccomandazione: non provate a fare questi esperimenti. Alcune di queste sostanze sono pericolose, possono dar luogo a intossicazioni o esplosioni. Rischi, tra l’altro, a cui i maghi espongono i clienti.

HARRY POTTER E IL NEO-PAGANESIMO 0

HARRY POTTER E IL NEO-PAGANESIMO

Scritto il 29 Giugno 2009.
di Patrizia Stella  Sono apparsi recentemente articoli e recensioni, anche a firma di autori cattolici, quali Michele Dolz sulla rivista “Studi cattolici”, che decantano le meraviglie educative contenute nelle circa 3.300 pagine dedicate a Harry Potter e alle sue magiche imprese, definendole addirittura: “La più grande opera mai scritta sulla crescita e l’educazione”.  Accanto a queste voci osannanti che accomunano il lavoro della Rawling a quello di Tolkien, esistono altre voci che la critica dominante ignora o mette sotto silenzio, voci che, come quelle della sottoscritta, non hanno timore di rilevare la preoccupante negatività di un’opera che rischia di essere complice di una secolarizzazione neo-pagana sempre più invadente nella cultura occidentale. Confesso sinceramente di non aver letto il romanzo (del resto per affrontare la lettura di tremila e trecento pagine occorre una buona dose di tempo e di eroismo), ma ho visto il film che ad esso si ispira, pertanto la mia contestazione non riguarda il valore letterario dell’opera, ma la pretesa che il suo contenuto sia educativo, anzi addirittura mezzo di formazione per le giovani generazioni. Mi limito perciò a qualche spunto di osservazione e di riflessione: 1) I personaggi si muovono in un ambiente del tutto surreale e sensazionale, animato non tanto da fatine, gnomi o, tutt’al più, da streghe cattive, come nelle favole della nostra infanzia dove però i personaggi si muovevano in un ambiente umano e normale, bensì da mostri orribili e deformi che, assieme a Harry Potter, sono i veri protagonisti del racconto, il tutto reso ancor più impressionante dagli effetti speciali. Applicando la machiavellica frase “il fine giustifica i mezzi”, si vuol giustificare la saga pagana di maghi e di esseri sovrumani che usano poteri prodigiosi ma oscuri col fatto che nella lotta tra il bene e il male alla fine il bene prevale e trionfa. Ma di che bene si tratta? La mia impressione è di trovarmi di fronte a un bene generico, buonistico, che non si impone alla coscienza e quindi non agisce come elemento di formazione. Un bene che, oltretutto, non potrà mai essere tale, se non altro perché il protagonista che lo compie, Harry Potter, è egli stesso un mago e quindi adopera uno strumento, la magia, di per sé stesso negativo, proponendosi come modello per le nuove generazioni, alle quali non resta altro, se non vogliono essere emarginate, che imitarlo. Imitare le “gesta eroiche” di un mago che si muove in un mondo fuori della realtà rappresenta veramente uno strumento adeguato di educazione?2) Questa rappresentazione di situazioni abnormi, fuori della vita di tutti i giorni, perciò inimitabili, quand’anche fossero a lieto fine, rischiano di indurre i ragazzi al rifiuto della realtà quotidiana fatta normalmente di piccole cose, di piccoli sacrifici, di piccoli doveri, di piccole azioni ecc. per essere invece catapultati verso una ricerca spasmodica di qualcosa di sensazionale, di stravagante, di magico, che rischia di creare in loro una situazione di schizofrenia irreversibile con manifestazioni di irrazionalità incontrollate e pericolose che possono indurre all’uso di droghe, anche tra i giovanissimi. 3) Gli entusiasti del romanzo vedono nella gesta dei protagonisti perfino un messaggio religioso, pur senza alcun riferimento a Dio. E così c’è già chi ritiene “politicamente corretto” nell’attuale clima di secolarizzazione sempre più strisciante, sostituire Dante (da anni già trionfalmente emarginato) con Tolkien nei programmi scolastici, e addirittura le saghe magiche della lotta tra il bene e il male, alla lezione di religione. Si potrà mai parlare di risultato educativo quando si arriva a sopprimere la dimensione religiosa sostituendola col magico e il sensazionale, in pratica col mondo dell’occulto?4) Insomma, per essere molto concreti, cosa effettivamente imparano i ragazzi da romanzi come questo? A volersi più bene in famiglia? A studiare di più? Ad aiutare il prossimo nelle varie necessità? A vivere le virtù umane, che quasi mai si esprimono in imprese stravaganti e rumorose, ma nelle piccole azioni della vita quotidiana, quali la pazienza, la sincerità, la lealtà, la puntualità, l’ordine ecc.!?  I frutti che si stanno raccogliendo da romanzi o film del genere sotto tutti sotto i nostri occhi: in dieci anni i pagani dichiarati sono quadruplicati, la stregoneria sta diventando una moda prorompente, anzi un affare sempre più vantaggioso a tal punto che l’esoterismo e l’occultismo alimentano un giro d’affari da 500 milioni di euro, tutti sottratti al fisco, mentre le chiese sono sempre più disertate e la preghiera cristiana sostituita da invocazioni e rituali magici, a tal punto che perfino le feste cristiane, quali il Natale, sono diventate solo le feste di Babbo Natale e in particolare della befana.Dà fastidio oggigiorno sentir parlare di diavolo e di possessione diabolica, eppure quasi tutti gli esorcisti sono d’accordo nell’affermare che la prima porta di accesso per far entrare il diavolo in una persona, in una famiglia o nella società è proprio la magia, anche per gioco. E sappiamo che il diavolo è astuto nell’illudere le sue vittime ma poi… che vendette terribili tiene in serbo, con il risultato che, oltre a vivere male su questa terra, si rischia di giocarsi l’anima per tutta l’Eternità!  Non per nulla i Vescovi nominano ogni anno un numero sempre maggiore di esorcisti.In conclusione, i problemi della vita non vanno né affrontati né risolti con la magia e l’esoterismo ma semmai, con le armi della fede e della preghiera che esigono pazienza, umiltà, costanza, ma non lasciano mai le persone a mani vuote. La preghiera ripaga sempre: ripaga subito con tanta pace, serenità, gioia e abbandono alla volontà di Dio, e ripaga col tempo ottenendo spesso da Dio, per intercessione di Maria Vergine, proprio quelle cose che si impetrano, anche umane, quali un lavoro, una casa, una guarigione ecc. Pertanto, questa valanga di messaggi neo-pagani offerti in vari modi soprattutto ai giovani, dovrebbe essere boicottata dal cristiano il quale non deve mai cessare di essere “segno di contraddizione” in mezzo alle insidie e alle lusinghe del mondo.

FEDE IN DIO O NELL’OROSCOPO? 0

FEDE IN DIO O NELL’OROSCOPO?

Scritto il 29 Giugno 2009.
di Patrizia Stella In questi giorni di fine e inizio anno, appaiono normalmente su molte riviste e giornali articoli di previsioni varie per il futuro affidate al cosmo e interpretate dai cosiddetti “astrologi o astrofili”, previsioni per altro assai generiche e scontate come di solito avviene per coloro che, soprattutto all’inizio dell’anno, si elevano a profeti del futuro pretendendo di leggere l’universo.Un conto, infatti, sono le previsioni del tempo per un breve periodo (spesso sballate anche quelle), ben altra è la pretesa di leggere gli eventi futuri che sono sempre un connubio fra la volontà di Dio e la nostra personale risposta di creature libere, di giorno in giorno, di momento in momento, pertanto impossibili da preventivare e incasellare in risposte statiche e preconfezionate.Certo, al giorno d’oggi in cui manca la fede in Dio Padre e in Gesù Cristo, vero Figlio di Dio venuto sulla terra per condividere con gli uomini gioia, dolore, fatica, povertà, rifiuto e perfino la morte, conferendo un significato profondo a tutte le vicende del nostro vivere, la vita stessa diventa una fatica insostenibile che molti credono di poter alleviare ricorrendo, a suon di quattrini, a maghi, astrologi o quant’altro, entrando così in un vortice sempre più intricato dal quale è difficile uscire.  La vera scienza cosmologica in sé sarebbe neutra, anzi arricchirebbe le nostre conoscenze scientifiche, se molti che si spacciano per “astrologi” e che nulla hanno da spartire con i veri scienziati, non la strumentalizzassero per altri fini, che di solito conducono verso le pratiche magico-esoteriche che sono l’esatto contrario della fede in Dio. Questa infatti presuppone la preghiera umile e fiduciosa nell’intervento del Signore che non si rende schiavo del nostro volere concedendoci tutto e subito, ma che ci fa vivere la fede e la speranza in Lui concedendoci comunque le grazie al momento opportuno per il nostro bene.   La magia e l’esoterismo invece, soprattutto cosmico, non è altro che la pretesa di volersi accaparrare il potere di qualche vaga divinità che si crede presente nelle forze dell’universo attraverso rituali più o meno tribali. Questo raggiunge le sue punte negative massime quando, attraverso queste pratiche già di per sé negative, si vuole oltretutto far del male al prossimo, per desiderio di vendetta o per odio, invidia o gelosia, tutti peccati assai gravi al cospetto di Dio che spesso chiamano in causa il diavolo dal quale poi è assai difficile liberarsi.Papa Benedetto lo ha ben sottolineato nell’ultima Enciclica sulla Speranza: “Non sono gli elementi del cosmo, le leggi della materia che governano il mondo e l’uomo, ma un Dio personale governa le stelle, cioè l’universo; non le leggi della materia e dell’evoluzione sono l’ultima istanza, ma ragione, volontà amore – una Persona. E se conosciamo questa Persona e Lei conosce noi, allora veramente l’inesorabile potere degli elementi materiali non è più l’ultima istanza; allora non siamo schiavi dell’universo e delle sue leggi, allora siamo liberi.” (Spe salvi n. 5).La consapevolezza di poter ricorrere a un Dio-Persona che intrattiene con l’uomo non solo un freddo rapporto di conoscenza come fosse uno dei tanti elementi cosmici, ma che ama ciascuno di noi chiedendo amore e interessandosi delle nostre vicende personali come un padre amoroso si interessa del figlio, è un fatto esclusivo del Cristianesimo, davvero sconvolgente, che solo la grandezza e la potenza di Dio incarnatosi in Gesù ha potuto offrire per la salvezza di tutta l’umanità, come ribadisce bene San Paolo: “In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo (Gesù) nel quale è stabilito che possiamo essere salvati” (Atti, 4,12).

Divinazione e magia 0

Divinazione e magia

Scritto il 29 Giugno 2009.dal Catechismo della Chiesa Cattolica 2115 – Dio può rivelare l’avvenire ai suoi profeti o ad altri santi. Tuttavia il giusto atteggiamento cristiano consiste nell’abbandonarsi con fiducia nelle mani della Provvidenza per ciò che concerne il futuro e a rifuggire da ogni curiosità malsana a questo riguardo. L’imprevidenza può costituire una mancanza di responsabilità.2116 – Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che a torto si ritiene che “svelino” l’avvenire [Cf Dt 18,10; Ger 29,8 ]. La consultazione degli oroscopi, l’astrologia, la chiromanzia, l’interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium occultano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l’onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo.2117 – Tutte le pratiche di magia e di stregoneria con le quali si pretende di sottomettere le potenze occulte per porle al proprio servizio ed ottenere un potere soprannaturale sul prossimo -fosse anche per procurargli la salute- sono gravemente contrarie alla virtù della religione. Tali pratiche sono ancor più da condannare quando si accompagnano ad una intenzione di nuocere ad altri o quando in esse si ricorre all’intervento dei demoni. Anche portare gli amuleti è biasimevole. Lo spiritismo spesso implica pratiche divinatorie o magiche. Pure da esso la Chiesa mette in guardia i fedeli. Il ricorso a pratiche mediche dette tradizionali non legittima né l’invocazione di potenze cattive, né lo sfruttamento della credulità altrui. 

Avvertimento contro i pericoli della magia 0

Avvertimento contro i pericoli della magia

Scritto il 29 Giugno 2009. Da qualche tempo si assiste a un proliferare di maghi, stregoni, cartomanti, ecc. Che cosa offre il mercato dell’occulto? Esso promette falsi legami amorosi, successo negli affari, malattie e persecuzioni dei nemici. Chi pratica la magia agisce in intima collaborazione con Satana che ha tentato il primo uomo, Adamo, e oggi si serve dei maghi per continuare a tentare gli uomini, facendo loro gustare falsi miraggi. Così esistono fatture per sciogliere matrimoni, per avvincere due persone in un legame amoroso, ecc. La televisione abbonda di inserzioni pubblici tane di vari maghi, stregoni e sciamani, tutti pronti a dichiararsi benefattori dell’umanità con filmati di persone guarite o recuperati alla vita.Ogni volta che una persona, in caso di pericolo o in una disgrazia o per qualsiasi altra ragione, invece di rivolgersi a Dio, cerca l’aiuto di Satana o dei suoi demoni, oppure ricorre ai suoi metodi e artifici, si stabilisce con lui un patto. Per es.: la mamma che porta il figlio malato da un guaritore; la signorina che si fa fare le carte perché spera di sposarsi; l’uomo politico o il manager che si fa fare l’oroscopo e chiede al mago dove potrà riuscire nella sua attività (fino ad oggi quasi tutti i presidenti americani hanno aderito alla massoneria e hanno avuto il mago e il cartomante di fiducia); chi porta amuleti, portafortuna, ciondoli, feticci; chi presume di ricevere messaggi dall’aldilà tramite nastri magnetici, audiocassette, videocassette, ecc. anche in seno a falsi gruppi di preghiera; chi fa patti di sangue; chi assiste a sedute spiritiche; a messe nere o a culti esoterici; a riti orgiastici; ai riti del Voodoo, della Macumba, ecc.; commissionare agli stregoni le così dette fatture con l’intenzione di nuocere a terzi: fatture per sciogliere matrimoni, fatture per avvicinare due persone totalmente estranee con un legame d’amore, fatture per distruggere e condurre alla morte.Molte di queste cose sono sotto l’insegna delle cose sacre (quanti maghi appendono nei loro studi immagini sacre e persino un diploma con la benedizione del Papa, carpita con l’inganno!). Talune sedute spiritiche s’inizia no e finiscono con la preghiera.Ogni volta che l’uomo, se ne renda conto o no, ha stabilito un reale patto col diavolo. Ogni volta ha contratto un debito verso di lui, l’uomo è diventato il suo debitore. Senza neppure immaginare che il suo atto, apparente mente innocuo, possa avere simili conseguenze, egli ha accettato l’aiuto, la guarigione, la protezione di Satana e se ne rallegra senza pensare che tutto si paga. Satana ha però una buona memoria, egli non dimentica e attende il suo momento propizio per farsi pagare con stati di angoscia, incubi terribili, visite notturne di demoni; oppressione, malattie strane, inquietudine cronica, stato di angoscia, nevrastenia, propositi di suicidio, ecc. Contro queste influenze demoniache invano si cerca l’aiuto presso i medici, psicologi, psicanalisti, ecc.Dopo una campagna di evangelizzazione di otto giorni a Lubecca (Germania) un uomo rese questa testimonianza pubblica: «Io sono convertito da molti anni sforzando mi di seguire Cristo . Ho letto molto la Bibbia e ho pregato assiduamente. Ma una specie di oppressione qui sul cuore non mi lasciava mai. Senza dubbio ero malato, ma nulla e nessuno potevano aiutarmi. Durante questa campagna di evangelizzazione ho saputo che i peccati di magia, commessi prima della conversione, sono spesso il motivo di stati di questo genere. Ho ricorso ai mezzi datici alla Chiesa e così sono stato liberato».Quando si chiede a questo genere di malati quello che pensava il loro medico al riguardo, la risposta è sempre la stessa: Il dottore non riesce a spiegarsi questo caso. Tutto questo è naturale! In realtà non si tratta di malattia, ma il malato è piuttosto «posseduto» in conseguenza di peccati di magia che ha commessi. Perciò non c’è medicina che sia efficace. Quello che occorre è cacciare il demonio con i mezzi che ci indica la Chiesa.Evitiamo quelle persone che non sono Sacerdoti e che dicono di togliere il malocchio e le fatture. Esse non hanno le mani consacrate come i Sacerdoti e quindi non hanno il potere contro il demonio e i mali malefici, anzi con le loro arti magiche sono al servizio di Satana per rovinare i figli dì Dio. Infatti quante persone si rivolgono al Sacerdote esorcista dopo essere andate dai maghi, dai quali non hanno ottenuto la guarigione dei loro mali, anzi li hanno peggiorati.A proposito di talismani, amuleti e abitini, che i maghi vendono fino al costo di vari milioni, un ex mago, convertito da P. Leone, noto esorcista di Andretta (Avellino), ha detto: «Sapete perché un talismano costa 300 mila lire e un altro magari 800 mila? Perché il demonio per caricarli di energia malefica ci obbligava a bestemmiare 300 volte la Madonna sul talismano da 300 mila lire e a bestemmiare 800 volte Gesù o la Madonna su quello da 800 mila». Pensate un po’ cosa si mettono addosso certe persone convinte che tali cose diaboliche li proteggano e pagano quindi anche milioni per portarli addosso.Nei così detti «abitini», cuciti sempre con molta cura si è trovata addirittura polvere di ossa di morti! Forse dei sacrifici umani fatti in onore di Satana, nei periodi di luna piena.Un altro importante discorso riguarda gli oggetti superstiziosi, molto diffusi, che sono carichi di una grande potenza malefica. Diffusissimo è il corno e il ferro di cavallo. Molta gente pensa ingenuamente che questi oggetti li proteggano contro il malocchio, e non sanno invece che essi non solo non proteggono, ma attirano fortemente forze negative e malefiche. Lo stesso discorso vale per altri oggetti di superstizione come, per esempio, le mani a forma di corna, il gobetto, i segni dell’oroscopo, che portati addosso sono purtroppo molto diffusi, e più pericolo si quando sono regalati. Spesso queste cose diaboliche si portano accanto a una medaglia della Madonna o a un Crocifisso nelle catenine che si portano al collo.Quali rimedi per lottare Satana? I) Confessione; 2) S. Messa e Comunione frequenti; 3) Preghiera assidua, specialmente col Rosario; 4) Uso dell’acqua benedetta; 5) Portare addosso oggetti benedetti; 6) Ricorso, se è necessario, al Sacerdote esorcista.

Aumentano le sette sataniche in italia 0

Aumentano le sette sataniche in italia

Aumentano le sètte sataniche in Italia

Scritto il 29 Giugno 2009.
Sono almeno 500 le sette attive in Italia con 3 mila seguaci500 MILA sono gli italiani che ogni anno si rivolgono a un esorcista, secondo l’Associazione italiana psicologi e psichiatri cattolici.IL 65 PER CENTO è formato da donne di livello culturale medio-basso, provenienti dalle regioni del Centro-Sud; 20 su 100 sono minorenni.300 circa sono gli esorcisti ufficiali che operano in Italia e dipendono dai rispettivi vescovi diocesani.
5 MILA sono i casi che un esorcista può arrivare a seguire in un anno.500 sono le sette sataniche attive in Italia con oltre 3 mila seguaci. Sono i dati del rapporto sul satanismo in Italia, realizzato dal Telefono antiplagio e aggiornato all’ottobre 2004.

Lo spirito 0

Lo spirito

LO SPIRITO

Scritto il 21 Dicembre 2010. In una sala si tenevano sedute spiri­tiche. Ad una data ora i curiosi andavano ad assistere, mentre il medium invocava gli spiriti. I fenomeni erano impressio­nanti.Il demonio, invocato dal medium, si prestava ad intrattenere i convenuti. Tra costoro c’era un uomo, serio, scru­tatore dei singoli fenomeni; era uno scrit­tore scandaloso. Per lui esisteva la materia e non lo spirito, cioè il corpo e non l’ani­ma; per conseguenza non aveva la Fede. Quanto male seminava con i suoi scritti! Quest’uomo alla fine concluse: Nelle sedute spiritiche agisce un essere invisi­bile, intelligente; dunque possono esistere degli esseri viventi sforniti di corpo. Que­sto principio è insegnato dalla Chiesa Cat­tolica, la quale afferma che dopo la vita presente c’è la vita dello spirito, cioè l’ani­ma sopravvive allorché si distacca dal corpo.Scosso da sì forte pensiero, approfon­dì la dottrina di Gesù Cristo e si convertì. Ritrattò i suoi scritti scandalosi.È costui il celebre romanziere Segre Pitigrilli, ancor vivente.Giornali e riviste cattoliche pubblica­no oggi i suoi articoli, improntati a vera religiosità. È divenuto un buon Cristiano.La conversione del romanziere è frut­to delle sedute spiritiche.Non si deve però concludere che sia lecito assistere a tali sedute, nella spe­ranza di ricavarne del bene. Poichè nella rievocazione degli spiriti (… quando so­no vere rievocazioni e non trucchi! …) è il demonio che agisce e non l’anima di un dato defunto e tanto meno un Angelo, allora la Santa Chiesa proibisce di assi­stervi.L’eventuale bene di uno, come nel caso di Pitigrilli, non annulla la forte proibizione della Chiesa Cattolica.Nel su esposto episodio dell’ossesso appariva la presenza di un essere estraneo, il quale si manifestò per quello che era: Lucifero.Si deve dedurre:Se esiste Satana ed esistono i demoni, deve anche esistere l’inferno. Esistendo l’inferno, deve esserci pure il Paradiso. Sarebbero un assurdo inferno e Paradiso, se non esistesse Dio, Creatore e rimune­ratore del bene e del male.Dio esiste e tutto gli è soggetto, es­seri visibili ed invisibili

Si inizia con Harry Potter e si finisce col demonio 0

Si inizia con Harry Potter e si finisce col demonio

Scritto il 21 Dicembre 2010.

di Don Gabriele Amorth Il personaggio creato da J.K. Rowling non è nuovo a questo tipo di attacchi, subiti in maniera massiccia da parte di varie confessioni della Chiesa cattolica in USA, della Chiesa anglicana in UK e soprattutto da Papa Benedetto XVI.Le dichiarazioni, questa volta, sono ascrivibili a Don Gabriele Amorth, presidente dell’Associazione Internazionale degli Esorcisti ed esorcista ufficiale della diocesi di Roma. Il sacerdote ormai ottantenne, che in vent’anni afferma di aver esorcizzato ben 3000 spiri maligni, ha dichiarato pochi giorni fa, in una notizia ripresa sia dalla stampa italiana che da quella estera, che “si inizia con Harry Potter, che si presenta come un mago è piacevole, ma si finisce col demonio”. Ancora, Amorth sostiene che “la firma del diavolo si trova chiaramente all’interno di questi libri” e che “leggendo Harry Potter, un bambino piccolo sarà attirato verso la magia e da lì il passo è breve verso il satanismo e il demonio”.In passato, in un’intervista concessa all’agenzia ANSA, Don Amorth aveva già dichiarato che dietro Harry Potter ci sarebbe lo zampino del re delle tenebre, precisando che i libri della Rowling tentano di proporre una falsa distinzione tra magia nera e magia bianca quando in realtà la distinzione “non esiste, perché la magia è sempre un servizio fatto al diavolo”.Nell’intervista, Don Amorth criticava anche la moralità disordinata che viene presentata nelle opere della Rowling, nelle quali si suggerisce che si può contravvenire alle regole e che la bugia è giustificabile quando è detta per ottenerne un vantaggio personale.

Gli oroscopi 0

Gli oroscopi

Scritto il 21 Dicembre 2010.Un autorevole parere dello scienziato Antonio Zichichi: L’uomo è stato sempre affascinato dallo spettacolo del cielo stellato e l’astrologia nacque infatti come discorso sugli astri. I nostri antenati si erano illusi che sarebbe stato possibile capire cosa erano, le Stelle osservandone la luce. E invece no. Per capire cosa sono queste affascinanti compagne della notte è necessario studiare, qui sulla Terra, nei laboratori subnucleari, i mattoni di cui ogni cosa e noi stessi siamo fatti. E cioè protoni, neutroni ed elettroni. È studiando cosa accade negli urti tra queste particelle che siamo riusciti a capire cosa sono le Stelle.Pur tuttavia il discorso sugli astri, iniziato, all’alba della civiltà, ha continuato la sua strada come se nessuno avesse mai scoperto che tutto è fatto di protoni, neutroni ed elettroni; che le Stelle brillano di neutrini molto più che di luce; e che la struttura del mondo reale, dal cuore di un protone ai confini del Cosmo (inclusi quindi quark, leptoni, gluoni e le Stelle che fanno parte dei segni zodiacali) è retta da Tre Colonne e da Tre Forze, Fondamentali. Sono queste le ancore della nostra certezza esistenziale nell’Immanente, non i segni dello zodiaco né i moderni discorsi sugli astri, che moderni ovviamente non sono in quanto restano ancorati ai tempi in cui l’uomo ignorava le formidabili conquiste della Scienza galileiana.È incredibile ma vero che oggi l’astrologia con i segni dello zodiaco e gli oroscopi sembra essere la sorgente di tutte le certezze e l’ancora della nostra esistenza.Vediamo qual è la verità. La base dell’astrologia è il segno zodiacale cui ciascuno è legato in quanto è nato in un determinato giorno di un certo anno. È bene precisare che il segno zodiacale è frutto della fantasia più elementare. Se osservo il cielo e scelgo un paio di stelle che brillano, attraverso quei punti è possibile disegnare un Leone o un Ariete o uno qualsiasi dei segni dello zodiaco. Diciamo subito che il giorno in cui si nasce è legato all’inclinazione dell’asse terrestre (rispetto al piano dell’orbita che la Terra descrive ruotando nella pista cosmica attorno al Sole). Il segno dello zodiaco è invece legato alla posizione in cui si trova la Terra nell’orbita. Inclinazione e posizione vanno nettamente distinte. Infatti, nello stesso punto dell’orbita (posizione identica) ci saranno, nel corso dei secoli, inclinazioni diverse. “Se mi dici il giorno in cui sei nato e di che segno sei ti saprò dire cosa c’è scritto nelle Stelle per te”. Se uno nasce nel segno del Leone o della Bilancia o di un qualsiasi altro segno zodiacale, quel segno se lo porta dietro per tutta la vita. E ogni giorno legge l’oroscopo per sapere cosa lo aspetta. Infatti coloro che sanno leggere i messaggi cifrati del cielo scrivono sui giornali, leggono nelle rubriche radiofoniche e televisive, giorno per giorno, le previsioni dell’astrologia sui destini di noi tutti. La base è il segno nel quale si nasce.A inventare i Segni dello Zodiaco fu Ipparco, vissuto nel secondo secolo prima dell’era Cristiana, qualcosa come duemila e duecento anni fa.Abbiamo detto in apertura che lo spettacolo di una notte stellata affascina tutti. I nostri antenati si chiedevano quale fosse il ruolo delle Stelle per il futuro del mondo e per la vita di tutti i giorni.Osservando con attenzione il cielo, i nostri antenati scoprirono che esistono regolarità e anomalie. Ad esempio, in un certo istante nasce una nuova Stella. Come mai? E perché nasce questa Stella? Accade anche che essa può essere brillante molto più delle altre. Tanto che si può addirittura vedere anche di giorno. Le Stelle del firmamento di giorno non le vediamo più. Non perché spariscano, ma perché vince la luce del Sole, che è dieci milioni di volte più potente della luce di tutte le Stelle del firmamento. Come mai, di tanto in tanto, nasce una nuova Stella? E perché mai accade anche che essa brilli nel cielo tanto fortemente da non essere cancellata, come le altre, dalla luce del Sole? Quale messaggio essa porta per noi miseri mortali?Noi sappiamo oggi, grazie alla Scienza galileiana, che quelle Stelle sono fucine nucleari in cui si fabbricano Oro, Argento, Piombo, Titanio e più esattamente tutti gli elementi pesanti della Tavola di Mendeleev. Le nuove Stelle, osservate nel corso dei millenni, dall’alba della civiltà a oggi, non sono segnali misteriosi che il cielo vuole inviarci. Sono fenomeni fisici perfettamente comprensibili. A queste nuove Stelle si dà il nome di Nova e di Supernova. Se queste nuove Stelle non fossero mai esistite, noi non potremmo avere, qui sulla Terra, né Oro né Argento né Piombo né alcun elemento pesante.Quanto precede ci apre gli occhi sulla totale assenza di significati speciali da dare alle varie posizioni di questi corpi cosmici che ruotano attorno al Sole o attorno ad altri corpi (come fa la Luna attorno a noi che giriamo attorno al Sole) con precise proprietà fisiche.Resta un ultimo punto da chiarire. Pensare che un segno zodiacale possa avere alcun rilievo sulla nostra vita è privo di credibilità scientifica. Immaginiamo di poter viaggiare su un’astronave ad altissima velocità al fine di vedere da vicino quei punti luminosi che abbiamo legato alla figura di un leone. Quei punti sono Stelle che non stanno su un piano, ma a profondità diverse. Ma anche se fossero su uno stesso piano, e se avessero l’esatta configurazione di un leone, in che modo potrebbero influire sulla nostra vita? La Scienza risponde: attraverso le Forze Fondamentali della Natura. Queste forze vengono esercitate in modo dominante su di noi dalla Stella a noi più vicina. Tutte le altre Stelle del firmamento esercitano su di noi effetti trascurabili rispetto al Sole. Se il nostro destino dovesse dipendere dalle Stelle, è al Sole che dovremmo rivolgerci essendo la Stella a noi più vicina. Ma una Stella in fondo cos’è? E fatta di materia composta da molecole e da atomi? No. Cos’è il Sole? Il Sole, come miliardi di altre Stelle della galassia in cui siamo, è un’enorme quantità di materia: né solida, né liquida, né gassosa. Niente atomi né molecole.Nel Sole i protoni e gli elettroni vagano liberamente senza essere bloccati in atomi e molecole. A questo stato di materia si dà il nome di plasma. Il plasma alimenta il fuoco di fusione nucleare nella parte interna della Stella e trasmette la sua energia in superficie impiegando un milione di anni per arrivarci. E grazie a questa energia ricevuta dalla parte interna di una Stella che la superficie brilla di luce visibile ai nostri occhi. Noi, invece, non vediamo le enormi quantità di neutrini che vengono emessi dal Sole grazie alle Forze Deboli che trasformano protoni ed elettroni in neutroni e neutrini. Sono i neutroni la benzina che alimenta il motore a fusione nucleare del Sole. Per osservare i neutrini dobbiamo costruire laboratori speciali come sono quelli del Gran Sasso.Il Sole che vediamo sorgere entro un determinato segno zodiacale è nient’altro che una candela nucleare tra miliardi di candele nucleari.Non c’è alcuna Forza Fondamentale della Natura né alcuna struttura che possa spingerci a credere che quelle candele nucleari possano avere qualcosa a che fare con la nostra esistenza. E infine un ultimo dettaglio. Il segno zodiacale sarebbe corretto se fossimo nati quando Ipparco scoprì la cosiddetta precessione degli equinozi, e cioè il Terzo movimento della Terra.Abbiamo già visto che l’oroscopo si basa sul segno zodiacale relativo al giorno e al mese in cui si nasce. Il giorno e il mese vengono determinati dalle Stagioni (e quindi dall’inclinazione dell’asse terrestre), non dalla posizione in cui si trova la Terra nella sua orbita attorno al Sole. Invece il segno zodiacale corrisponde a una posizione della Terra nell’orbita che essa percorre attorno al Sole. Se non ci fosse il Terzo movimento della Terra, sarebbe corretto dire che non cambia mai il legame esistente tra la data di nascita e il segno zodiacale. Invece esso cambia ogni 2200 anni circa, in senso retrogrado (orario), passando cioè da un segno zodiacale a quello precedente.Questo vuoi dire che, quando la Terra ha percorso un giro nell’orbita attorno al Sole, l’inclinazione corrispondente allo stesso punto nell’orbita è spostata di quattordici millesimi di grado. A conti fatti vien fuori che coloro i quali volessero continuare a credere nell’astrologia e quindi nell’oroscopo (nonostante la totale infondatezza scientifica di queste discipline) dovrebbero almeno sapere che il segno zodiacale non è quello di cui tutti parlano, ma quello corrispondente a due segni prima. Esempio, chi crede di essere del Leone sappia che è dei Gemelli. E così via per gli altri.

Comunicazione con i defunti 0

Comunicazione con i defunti

Scritto il 21 Dicembre 2010. La Sacra Scrittura ed il Magistero vietano rigorosamente la comunicazione con i defunti. Eppure i cattolici praticanti che vi si avvicinano sono molti.Il pericolo piùgrande è rappresentato da associazioni come il Movimento della Speranza e l’ARISAD. Anche qui siamo in pieno sincretismo: questi movimenti, infatti, si configurano come sette spiritiche di ispirazione cristiana, ma che con il loro modo di agire si pongono fuori del cristianesimo. Poiché questi movimenti si fondano sull’evento paranormale, acquistano il pieno diritto di essere classificati fra i Nuovi Movimenti Occultistici e Miracolistici. La loro tattica migliore, è quella di elencare il nome dei sacerdoti che hanno partecipato ai convegni apportando elementi di confusione tra i cristiani. Questi sacerdoti, convinti di agire secondo la volontà divina, traggono in inganno numerosi fedeli, i quali, rassicurati da ciò che essi rappresentano, e cioè la Chiesa, li seguono abbandonando ogni scrupolo ed ogni dubbio.Bisognerebbe spiegare a queste persone che il cristianesimo considera chiusa la Rivelazione con la venuta di Gesù Cristo, infatti durante queste riunioni non si fa che parlare di “nuove verità” rivelate dalle anime dei defunti. Lo spiritismo inoltre, nega non solo la divinità di Cristo in quanto lo si indica come Spirito Superiore e non come unico e vero Dio , ma anche la redenzione, non considerando la salvezza attivata da Gesù Cristo, poiché tutte le anime sono comunque salvate. A questo punto ci sono tutte le carte in regola per negare anche il peccato originale.Il Vangelo con la parabola del ricco cattivo e del povero Lazzaro spiega l’impossibilità che un defunto venga a farci visita: “Tra noi e voi è stabilito un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi non possono, né di costì si può attraversare sino a noi” (Lc 16,26).Non potete venire e passare significa anche che non si può comunicare con i defunti attraverso il registratore, la scrittura automatica, il piattino ecc.