SOSTIENI LA NOSTRA ATTIVITA' - ACQUISTA ONLINE

libro pieghevole corone icone

LIBRI

PIEGHEVOLI

CORONE

ICONE SACRE

Giovedì 23 marzo 2017

Giovedì 23 marzo 2017

 

III Settimana di Quaresima

 

+ VANGELO (Lc 11,14-23)

Chi non è con Me è contro di Me.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demoni, che egli scaccia i demoni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che Io scaccio i demoni per mezzo di Beelzebùl. Ma se Io scaccio i demoni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece Io scaccio i demoni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. Chi non è con Me è contro di Me, e chi non raccoglie con me, disperde». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Nell’Apocalisse Gesù rivela a San Giovanni che non è contento dei cristiani tiepidi, non servono a nulla, come dice anche del legno secco, volendo indicare i suoi seguaci inariditi, secchi spiritualmente, inefficaci, vuoti interiormente. “Se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?” (Lc 23,31).

Riguardo i tiepidi è ancora più chiaro: «Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca. Tu dici: “Sono ricco, mi sono arricchito; non ho bisogno di nulla”, ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo» (Ap 3,15-17).

Nel Vangelo di oggi il Signore ci spiega con un semplice ragionamento, ma impensabile e sorprendente per i suoi nemici, che se Lui agisce nel nome di satana, i veri seguaci di satana e suoi oppositori, nel nome di chi agiscono? Bisogna chiarire l’appartenenza di ognuno per stabilire l’identità, altrimenti le accuse cadono a grappoli.

Sappiamo che il regno del male è schierato contro il Bene, contro Gesù Cristo principalmente e tutto ciò che riguarda Lui.

Anche contro i cristiani che compiono il cammino spirituale e ricevono doni, aiuti, particolari Grazie da Dio. Sono in cammino verso la salvezza eterna e già in questa vita pregustano una gioia intima che arreca pace interiore, anche dinanzi alle prove dolorose e un soave coraggio che è proprio dei cristiani.

Quindi, a rigor di logica il regno del male non è diviso. Le cose sono solamente due: o Gesù segue satana e i veri adoratori di satana sono falsi, oppure Gesù è Dio incarnato e i seguaci di satana cercano in tutti i modi di arrecare danno alla sua opera di salvezza. Non c’è una terza via. Tertium non datur.

L’accusa rivolta a Gesù di operare miracoli nel nome di satana è autenticamente malvagia, nasce da cuori che sono nidi di serpenti.

Solo satana può minimizzare e travisare i miracoli di Gesù, e quelli che ripetono oggi le stesse accuse appartengono a satana. Sono molti gli anticlericali nel mondo, molti quelli che vivono per danneggiare la vera e unica Chiesa Santa fondata da Dio.

Si radunano e incontrano nelle tenebre, tramano viscidamente per infangare la Santa Chiesa di Cristo, e ci sono pure quelli che dal suo interno apportano continui pruriti di novità dottrinali per manipolare la nostra sana dottrina, trasmessaci dalla Tradizione. Tacciono invece di gridare come Giovanni Battista contro i peccati gravissimi presenti all’interno della Chiesa e tacciono perché non hanno più Fede.

Sono diventati indifferenti alle cose di Dio, disinteressati, deboli nello spirito e mielati per coprire i subdoli attacchi contro Gesù.

L’attacco alla Santa Chiesa portato avanti soprattutto dagli anticlericali è diretto, quindi, a Gesù, al suo Vangelo e si sbracciano… per manipolare la sua Parola e presentarlo in modo diverso dalla storia. Viene presentato un nuovo Gesù in molte omelie, senza verità e gli insegnamenti esigenti che sono determinanti per uno sviluppo sano e omogeneo della persona.

Possiamo affermare che dal Regno di Dio si sono distaccati molti cristiani che non vogliono più seguire quel Gesù della storia e Lo hanno collocato in una fede personale che ovviamente, è diversa in ogni credente. Se questi si sono distaccati con il cuore… dal Regno di Dio, lo stesso il Regno di Dio rimane integro, non è diviso.

Dal regno di satana non si distacca nessuno, anzi, profilano gli adepti e la folle adorazione del male aumenta un po’ ovunque.

Dal Regno di Dio continuano le apostasie disseminate nel mondo e nelle diocesi, ma il Regno rimane integro perché è di Dio.

La perdita della Fede comporta la dimenticanza di Gesù e un nuovo stato mentale che si pone contro il suo Vangelo. Si diventa avversari di Dio anche senza volerlo, è la condizione degenerata della persona a renderla opposta al Bene. Contro Gesù, contro ogni vero cristiano che compie un buon cammino spirituale.

“Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno?”.

Come non si divide il regno di satana, non può dividersi quello di Gesù Cristo. Quanti abbandonano la Fede non dividono il Regno di Dio, ma tradiscono la promessa fatta davanti a Dio. Il Regno rimane sempre identico al volere di Dio, non cambia nulla né è possibile dire che la Chiesa sarà distrutta.

“Su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di Essa” (Mt 16,18).

Gesù è molto chiaro nel dividere nella sua Chiesa quelli che non stanno con Lui e li indica in modo inequivocabile come suoi oppositori. “Chi non è con Me è contro di Me, e chi non raccoglie con me, disperde”. Intende non una vicinanza fisica, come per esempio, essere presente in una Chiesa, invece parla di una opposizione intellettuale.

“Chi non è con Me”, chi non lavora con piena onesta nella sua Chiesa non è in comunione con Gesù. Si riferisce alla Fede, non alla presenza fisica. Non si tratta di abitare nella sua Casa o di rivestirsi dei paramenti sacri, Lui chiede di rivestirsi del suo Spirito Divino.

Chi afferma insegnamenti diversi dalla sana dottrina non è più con Gesù, così come chi annuncia Gesù senza il suo Vangelo…

Oggi affido ad ognuno di voi un compito, ovviamente per il vostro bene e la vostra crescita spirituale. Vi indico cosa fare ogni giorno per conoscervi meglio e conoscere Gesù per farlo regnare nella vostra vita. Per entrare nella vera comunione con Lui e restare insieme, perché senza di Me non potete far nulla” di buono (Gv 15,5).

Si dice che volere è potere, tranne quanti sono veramente impossibilitati per motivi di salute, tutti gli altri recatevi ogni giorno in Chiesa per incontrare Gesù Eucaristia davanti al Tabernacolo e parlate con Lui, adoratelo soprattutto in silenzio senza pensare ad altro, per ricolmarvi della sua Grazia.

Tutti abbiamo necessità ogni giorno di restare quindici minuti, mezz’ora o anche di più davanti all’Eucaristia, anche con il Tabernacolo chiuso. Gesù è lì e ci vede, ci ascolta, ci ama, ci aspetta sempre… È nel Tabernacolo per ognuno di noi.

Questo impegno giornaliero prendetelo come un piccolo sacrificio che vi porterà molte Grazie e vi farà entrare nel vero cammino di Fede.

Il vero e grande cammino di conversione e di santità inizia con l’adorazione e il ringraziamento costante del Signore.

Chi rimane in Me e Io in lui, fa molto frutto” (Gv 15,5).

Ricordate sempre che “nulla è impossibile a Dio” (Lc 1,37).

1 Ave Maria per Padre Giulio

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Quali sono le occasioni di peccato da cui bisogna guardarsi? Devo riflettere e rimanere vigilante. Terrò fisso lo sguardo della Fede verso Gesù.

Pensiero

Non travagliatevi per i cattivi pensieri. Altro è sentire, e altro è acconsentire. (San Francesco di Sales)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Tags: vangelo

Copyright © 2016 Associazione Cattolica Gesù e Maria