• Home
  • Ex maga 2^ parte

Ex maga 2^ parte

Dinanzi la statua della Madonna mi sono sentita sporca, cattiva ed impura. Ho provato per la prima volta vergogna di me stessa, anche se ero sola e nessuno mi vedeva, o meglio, la Madonna mi guardava attraverso quella statua, che ferma e silenziosa sembrava avere un cuore che vi batteva dentro. La verità è che il Cuore della Madonna in quei momenti l’ho avvertito dentro me, sentivo pulsare dentro l’amore che per la prima volta nella mia vita provavo e piangevo, continuavo a piangere a dirotto. In quei momenti l’amore verso la Madonna aumentò in maniera impressionante, sentivo che l’amavo come niente e nessuno cosa prima, anche se non sapevo nulla di Lei. Non avevo mai pregato in vita mia, non avevo fatto la Prima Comunione perché i miei erano contrari a tutto ciò che riguardava il sacro.
Dinanzi la statua della Madonna ho provato momenti di dolore per tutto il male che ho fatto nella mia vita; ho provato anche momenti di grandissima gioia, perché avevo scoperto che amavo. Mi sembrava di avere un cuore, mi accorgevo della sua esistenza, lo sentivo battere nel mio petto, lo seguivo con commozione ed in silenzio interiore.
Ero stata amata dalla Madonna, Lei mi ha insegnato ad amare. La mia vita era stata sempre piena di inquietudini, di invidie, di tristezza. Ho solo odiato nella mia vita, ma cosa ne avevo guadagnato? Niente riguardo la vera gioia che si prova rimanendo a guardare la statua della Madonna.
Il male che facevo era per me lo scopo della vita, e più procuravo del male agli altri, più cresceva in me il desiderio di compiere del male. Parlando con un Padre francescano, mi spiegò che ognuno di noi si sente fortemente attratto da ciò che compie, di buono o di cattivo. Chi fa del bene, sente il desiderio di farne ancora; chi fa del male, prova un forte piacere aumentando la sua malizia.
Chi compie del male, non riesce più a controllarsi, diventa schiavo della sua malvagità e l’influenza del diavolo aumenta a dismisura. È facile fare del male, soprattutto senza essere visti, ma interiormente ti svuoti sempre di più, non senti più emozioni, non hai più la consapevolezza della realtà, sembri vivere in un altro mondo, ed è il mondo infernale.
Chi compie del male, si rallegra per i danni causati agli altri, ma dovrà darne amaramente conto a Dio. Finchè uno vive come fuori di sé, accecato dall’invidia e dalla cattiveria, non si rende conto dei danni morali, economici e fisici che causa agli altri, prova grandi piaceri, gioisce delle disgrazie altrui. Proprio come fa il diavolo. E chi fa questo genere di male, diventa come un diavolo, perché si riempie del suo spirito, si lascia guidare, diventa una persona posseduta dal diavolo.
Provo orrore quando penso al male che ho compiuto, alle persone innocenti che hanno sofferto, alle coppie che si sono separate, ai disastri economici causati. Anche se non me ne rendevo conto, so che la mia responsabilità è enorme. Anche se non ho ricevuto un’educazione corretta, mi accorgevo delle sofferenze che causavo, mi rendevo conto che la mia opera era disonesta e perfida. Non posso ora coprirmi con queste scuse. Non posso dare la colpa agli altri, liberamente eseguivo le richieste dei clienti.
Il ricordo dei clienti mi turba ancora, perché nessuno veniva per fare del bene agli altri -d’altronde non sarebbero venuti da me-, in ognuno era visibile nel volto una cattiveria e una crudeltà spaventosa, e alla base di ogni richiesta c’era l’invidia verso qualcuno. Erano meno coloro che chiedevano qualcosa di personale, mentre i più venivano per arrecare danno ai familiari, parenti e conoscenti.
Parlerò anche quale richieste facevano contro i familiari -madre contro figlia, sorella contro sorella-, ora voglio soffermarmi nuovamente sul grande miracolo che ho ricevuto dalla Madonna.
Non ho mai conosciuto veramente la felicità cristiana, non ho mai gioito e non ho mai amato. Perché Gesù ha usato misericordia con me? Non trovo una spiegazione, devo solo ripetermi che Gesù è buono e vuole salvare tutti. Forse Gesù ha considerato che la mia attività di maga era dovuta all’ambiente della mia famiglia? Ma ci sono tante persone come ero io e forse migliori di me, eppure, non ho mai sentito dire che qualche fattucchiera si sia convertita a Dio. Di sicuro qualcuno ha molto pregato per me, forse le Anime del Purgatorio o forse qualche Anima Vittima che si è offerta a Gesù per la conversione dei peccatori?

Continua

Tags: medium, maga

Copyright © 2016 Associazione Cattolica Gesù e Maria