• Home
  • IL MAGISTERO, COMPITO PRIORITARIO DELLA CHIESA

IL MAGISTERO, COMPITO PRIORITARIO DELLA CHIESA

di S. Ecc.za Rev.ma Antonio Santucci, Vescovo emerito di Trivento

Il Divino Maestro ha affidato agli Apostoli il compito di continuare nel tempo, con l’annuncio della verità del Vangelo, l’opera della Redenzione. Il giorno stesso di Pasqua, apparendo agli Apostoli nel Cenacolo, disse loro: “Come il Padre ha mandato Me, anch’io mando voi” (Gv 20,21). E prima di salire al cielo ha lasciato a loro questa missione: “Mi è stato dato ogni potere in cielo come in terra. Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo “ (Mt. 28, 18 20).
Da queste parole del Signore scaturisce in modo evidente che il compito prioritario della Chiesa èquello di custodire gelosamente il deposito della Fede, e cioè l’intero complesso delle Verità, e delle norme cristiane fondate sulla Parola di Dio ed in particolare sul Vangelo.
La Chiesa ha il compito:
1) di custodire religiosamente tutte le verità di fede per conservare l’integrità e la purezza, evitando ogni riduzione, alterazione o deformazione;
2) di approfondirne il senso, esponendolo con un linguaggio comprensibile ai vari tempi e alle varie culture, sempre in piena autenticità e fedeltà;
3) di annunciare la Verità tutta intera ed esporla in attuazione del comando del Signore.
In questa missione la Chiesa ha la speciale assistenza dello Spirito Santo e dello stesso Gesù Cristo: “Io sarò con voi sino alla fine del mondo” (Mt 28,20).
In virtù del mandato divino, la Chiesa ha il dovere e il diritto di annunciare il Vangelo a tutti i popoli (Mt 28,19), ad ogni creatura (Mc 16,15).
Questo dovere diritto è nativo, ossia originario in quanto non deriva da una concessione dello Stato o di altra autorità umana e neppure da un riconoscimento storico, ma è legato intimamente alla natura e alla missione propria della Chiesa; è indipendente da qualsiasi potestà terrena e nessuno può impedirne, limitarne o condizionarne l’esercizio.
In un prossimo articolo sarà esposto a chi in modo particolare è affidato questo delicatissimo compito.

+ Antonio Santucci
Vescovo di Trivento

Tags: magistero

Copyright © 2016 Associazione Cattolica Gesù e Maria