• Home
  • SINTESI DEL NUOVO CATECHISMO

SINTESI DEL NUOVO CATECHISMO

PARTE PRIMA

LA PROFESSIONE DELLA FEDE
SEZIONE PRIMA

Io credo, noi crediamo

Capitolo primo

L’uomo è «capace» di Dio

1. Perché dobbiamo parlare di Dio?
Perché l’uomo è per natura e per vocazione un essere religioso. Da Dio viene e a Dio ritor­na. L’uomo è creato per vivere in comunione con Dio, nel quale trova la propria felicità. [214, 384]

2. L’uomo con la sua ragione può conoscere Dio?
L’uomo con la sua ragione può conoscere Dio e giungere alla certezza della sua esistenza ascoltando il messaggio delle creature e la voce della propria coscienza.

3. Possiamo noi parlare di Dio?
Noi possiamo parlare di Dio partendo dalle molteplici perfezioni delle creature, similitudini del Dio infinitamente perfetto, anche se il nostro linguaggio limitato non ne esaurisce il mistero.

Capitolo secondo

Dio viene incontro all’uomo

4. Dio ha parlato all’uomo?
Per amore, Dio si è rivelato e si è donato all’uomo. Egli offre così una risposta definitiva e sovrabbondante agli interrogativi che l’uomo si pone sul senso e sul fine della propria vita.

5. Quando Dio ha parlato all’uomo?
Dio si è manifestato innanzitutto ai nostri progenitori e in seguito, dopo la loro caduta nel peccato, ha promesso la salvezza e offerto la sua Alleanza. Si è poi rivelato pienamente mandan­do il proprio Figlio, Gesù Cristo. [40 ss.]

6. Dove è contenuta la Rivelazione divina?
La Rivelazione divina è contenuta nella Sa­cra Scrittura, o Bibbia, e nella Tradizione.

7. Che cos’è la Sacra Scrittura?
La Sacra Scrittura è l’insieme dei libri sacri, ispirati da Dio. Essa comprende i 46 libri del­l’Antico Testamento e i 27 libri del Nuovo Testamento.

8. Chi è l’autore della Sacra Scrittura?
L’autore della Sacra Scrittura è Dio, il quale ispira i vari autori umani. Così noi abbiamo la certezza che i loro scritti insegnano senza er­rore la verità che salva.

9. Che cos’è la Tradizione?
La Tradizione è l’insegnamento che è stato affidato da Cristo Signore e dallo Spirito Santo agli Apostoli e che da essi è giunto sino a noi.

10. Chi può interpretare autorevolmente la Bibbia o la Tradizione?
La parola di Dio scritta o trasmessa può es­sere interpretata autorevolmente dal solo Ma­gistero vivo della Chiesa Cattolica, cioè dal Pa­pa e dai Vescovi uniti con Lui. [196]

Capitolo terzo

La risposta dell’uomo

11. Come risponde l’uomo alla chiamata di Dio?
L’uomo risponde alla chiamata di Dio in­nanzitutto mediante la fede.

12. Che cos’è la fede?
La fede è l’adesione dell’intelligenza e della volontà alla Rivelazione divina. [247]

13. E’ necessario credere per salvarsi?
La fede è necessaria alla salvezza, come il Signore stesso ha detto: «Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato» (Mc 16,16).

14. Esiste una formulazione breve delle verità in cui dobbiamo credere?

Sì, esistono varie formulazioni delle verità della fede. Una delle più brevi e delle più anti­che è il cosiddetto «Simbolo degli Apostoli»: Io credo in Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra. E in Gesù Cristo suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la Santa Chiesa Cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

Tags: nuovo catechismo

Copyright © 2016 Associazione Cattolica Gesù e Maria