Lunedì 20 gennaio 2014 2ª Settimana del Tempo Ordinario

  • VANGELO (Mc 2,18-22)
    Lo sposo è con loro.
  • Dal Vangelo secondo Marco
    In quel tempo, i discepoli di Giovanni e i farisei stavano facendo un digiuno. Vennero da Gesù e gli dissero:
    «Perché i discepoli di Giovanni e i discepoli dei farisei digiunano, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». Gesù disse loro: «Possono forse digiunare gli invitati a nozze, quando lo sposo è con loro? Finché hanno lo sposo
    con loro, non possono digiunare. Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora, in quel giorno, digiuneranno. Nessuno cuce un pezzo di stoffa grezza su un vestito vecchio; altrimenti il rattoppo nuovo porta via
    qualcosa alla stoffa vecchia e lo strappo diventa peggiore. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi, altrimenti
    il vino spaccherà gli otri, e si perdono vino e otri. Ma vino nuovo in otri nuovi!». Parola del Signore
    Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
    Il discorso sul digiuno lo abbiamo analizzato molte volte, sappiamo che è determinante il digiuno riguardo il
    cibo, è pure importante il digiuno dal peccato, quindi il mancato asservimento alle opere, ai pensieri o parole
    che fanno scaturire peccati.
    Il digiuno cristiano è una privazione volontaria, lo possono fare quelli che ne hanno compreso anche in minima parte la validità per la vita spirituale. Il digiuno si pratica all’inizio anche con piccole cose, nel tempo si
    arriverà a grandi pratiche. Quando si inizia sembra quasi la fine della propria vita, come se mancasse l’aria, ma
    la serena riflessione conduce alla comprensione corretta.
    A Gesù si deve chiedere l’aiuto, la forza, per praticare il digiuno che si vuole fare, questo se riguarda piccole
    privazioni, se invece si pensa a qualcosa di più forte è sempre opportuno chiedere consiglio. Ci si rivolge a quei
    Sacerdoti che praticano il digiuno o che si dedicano con impegno alla vita spirituale e comprendono la necessità
    di mortificare il corpo per sottometterlo alla volontà.
    Chi non compie esercizi ascetici, quindi sforzi e privazioni per dominare il proprio corpo, è sempre succube
    di ogni pensiero che si presenta alla mente. Da dove arrivano quei pensieri? Non lo sanno e non posseggono alcun mezzo per comprenderlo, rimanendo così sempre schiacciati da una forza superiore e assoggettati alla propria debolezza istintiva.
    Chi desidera vincere le tentazioni deve pregare e resistere, ma è pure necessario dominare l’istinto per trovare una determinazione vincente. È un cammino spirituale che si inserisce nella vita di ogni giorno, significa
    cambiare le vecchie abitudini istintive per rimpiazzarle con le virtù insegnate da Gesù. È uno sviluppo che non
    ha limiti, un cammino che diventa sempre più gratificante per la pace interiore che si acquisisce e la gioia che
    accompagna la vita.
    Per arrivare in alto pur riconoscendoci sempre povere creature, si deve mortificare la parte sensibile,
    evitando di soddisfare i sensi su quelle cose inutili ma che sono diventate idoli o componenti molto importanti.
    Vi consiglio di fare piccoli sforzi per arrivare a compierne di grandi, per esempio,
    pensate bene di chi non vi ama,
    evitate la curiosità,
    sorridete con amore a tutti,
    non date mai risposte impazienti e con modi canzonatori,
    usate pazienza con tutti,
    non giudicate,
    siate buoni in ogni circostanza,
    mostratevi affettuosi,
    praticate la bontà e la docilità.
    Sembrano esercizi pesanti, invece quando c’è l’amore tutto diventa facile, ognuno può praticarli secondo gli sforzi e l’amore!
    1 Ave Maria per Padre Giulio
    CONTINUIAMO LE INTENSE PREGHIERE ALLA MADONNA CON LA RECITA GIORNALIERA DEL SANTO ROSARIO PER ME, PER VINCERE L’ATTACCO PORTATO DA SATANA, SCIOGLIENDO QUESTO NODO OPPRESSIVO. CHI
    MI VUOLE BENE, PREGHI MOLTO PER ME.
    Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
    Proposito
    Passando davanti ogni Chiesa, farò, con coraggio, il segno della Croce e ringrazierò Gesù.
    Pensiero
    Se il cattivo esempio è cosa tanto terribile e funesta, quanto bene può fare il buon esempio! È più eloquente
    d’ogni predica. Spesse volte, quanti si sono convertiti restando vicini a persone sante, fossero anche vecchiette!
    (Beata Elisabetta della Trinità)
    Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine
    di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal mio sito:
    http://www.gesuemaria.it/efficace-preghiera.html
    “Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già
    siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle
    stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se
    partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in
    comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.