Domenica 1 settembre 22ª DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

  • VANGELO (Lc 14,1.7-14)
    Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato.
  • Dal Vangelo secondo Luca
    Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da
    qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato
    te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando
    sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni
    più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si
    umilia sarà esaltato». Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i
    tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu
    abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato
    perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti». Parola del Signore
    Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
    C’è grande sconcerto per l’opera di depistaggio portato avanti da alcuni cattolici sulla richiesta della Madonna di pregare per la pace in Siria. Sicuramente in buonafede affermano la loro convinzione ma così non fanno
    un buon servizio alla Madonna, lo fanno al diavolo.
    Ritorniamo indietro nel tempo. È dal 1981 che la Madonna chiede a Medjugorje di pregare per la pace nel
    mondo, lì si è presentata come la Regina della pace, ha chiesto migliaia di volte continue preghiere e sacrifici
    per fermare le guerre… e alcuni devoti si premurano di bloccare la richiesta di recitare un solo Rosario per la
    pace in Siria!
    Proprio per la periodica agitazione di questi devoti molti non credono a Medjugorje!
    Cosa ne hanno guadagnato affermando la non autenticità della richiesta della Madonna? Sicuramente maggiore autorevolezza dinanzi ai deboli e ai confusi, la loro sete di protagonismo è stata soddisfatta, si considerano i giudici che stabiliscono l’autenticità o meno di un messaggio della Madonna. È tutto molto ridicolo.
    Anche se non fosse vera la richiesta della Madonna di pregare per la pace in Siria, non è sotto gli occhi di
    tutti che sta per scoppiare una guerra? Dove vivono e chi sono in realtà questi pseudo cattolici? Loro stessi dovrebbero invitare tutti alla preghiera in questo momento di tensione internazionale.
    Ma l’autenticità della richiesta arriva direttamente da Medjugorje, pellegrini che si trovano adesso a Medjugorje hanno inviato ieri sms indicando questa richiesta della Madonna, perché la persona normale si rende conto che con l’attacco degli Stati Uniti alla Siria, le Nazioni amiche della Siria risponderanno quantomeno con la
    stessa potenzialità utilizzata dagli americani. E chi sono gli alleati della Siria? Forse Cipro, Malta, Svizzera?
    No, sono le Nazioni più pericolose della terra: Russia, Cina, Iran, Corea del Nord, ecc.
    Se tutto dovesse limitarsi a bombette innocue, ringraziamo Dio, ma se dovessero iniziare a lanciare quelle
    bombe che fanno tanto male… inizierebbe davvero un conflitto dalle conseguenze imprevedibili. Ecco perché è
    autentica la richiesta della Madonna di recitare il Santo Rosario per la pace in Siria. Anche un bambino comprende questo, speriamo che non debbano ricredersi questi cattolici che molto ingenuamente depistano.
    Questa mattina la notizia che campeggia è la decisione del presidente americano di attaccare la Siria. Se dovesse avvenire come è nelle sue intenzioni, gli alleati della Siria si prepareranno per una risposta che non arriverà magari subito dopo, ma nel tempo arriverà. Cosa ci vuole a capire questa dinamica? Non voglio approfondire, ma cosa pensano oggi i devoti del presidente americano che avrebbe portato la pace nel mondo? Sono ancora euforici?
    Ricordo la gaffe mondiale dei signori di Stoccolma che assegnarono il Nobel per la pace al presidente americano qualche settimana dopo avere vinto le elezioni, ma non aveva ancora giurato come presidente. Su quali
    basi glielo diedero se non era ancora diventato presidente? Lui è più pacifista di Bush o sono figli della stessa
    cultura egemonica?
    Ma il mondo và così, non contano i meriti, né il valore reale della persona, conta la sua ideologia o la
    sua affiliazione a qualche club.
    Proprio oggi Gesù ci ripete: “Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato”.
    Si esalta chi vuole sostituirsi a Dio o si considera l’unico dio, certo magari non lucidamente ma dalle parole
    e dalle opere ciò che emerge spesso è questa miseria. Nel mondo ci sono miliardi di persone illuse di saperne
    più del vero Dio… e pretendono di essere credute e magari assecondate.
    È urgente pregare il Santo Rosario per la conversione dei peccatori e la pace nel mondo. Lasciate perdere
    quanti seminano confusione, noi preghiamo perché la nostra Fede ci spinge ad invocare misericordia al Padre
    per l’umanità sbandata.
    Il Vangelo oggi ci invita all’umiltà, è una bella parola, molti cristiani sono convinti di essere umilissimi ma
    non comprendono il significato del termine umiltà. In ebraico il concetto di umiltà indica: essere piegato, abbassato, essere in basso nella considerazione di sé, essere piccolo. È l’atteggiamento di colui che si piega, ma
    non per paura, si piega nelle cose non dannose per sé, perché è intelligente e anche forte. Perché sa dominare la
    sua volontà.
    Quest’umiltà sorge dalla convinzione dei Profeti dell’Antico Testamento che l’essere umano, fatto di polvere, totalmente dipendente e peccatore, non ha nulla di cui vantarsi se non nel fatto che Dio si rammenta di lui,
    gli dà la sua Grazia e lo redime: “Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi e il figlio dell’uomo perché te ne curi?
    Eppure l’hai fatto poco meno degli Angeli, di gloria e di onore lo hai coronato” (Salmo 8,4-5).
    Il cristiano sa che non possiede nulla che non abbia ricevuto, non è nulla se non per la Grazia di Dio e senza
    Cristo non può fare nulla. Di fronte all’alterigia umana Dio non sta inattivo ed in silenzio, ma interviene con il
    suo giudizio. Dio, così, è Colui che nel suo agire storico abbatte i superbi, mentre elegge e redime coloro che
    sono stati umiliati.
    “Chi si umilia sarà esaltato”.
    Non è automatico diventare umili, è un lavoro interiore che si svolge nel controllo dei pensieri superbi,
    nell’evitare parole offensive o provocatorie, nel desiderare il bene degli altri.
    Conoscersi interiormente è la più bella scoperta della vita, anche quando si scoprono aspetti poco spirituali si
    deve rimanere nella pace perché proprio quella scoperta permette di lavorare per vincerli e per chiedere aiuti a
    Gesù.
    La prima regola per praticare l’umiltà è il proprio rinnegamento, di pari passo bisogna amare tutti, dopo avere riflettuto nella preghiera che l’Amore di Gesù deve prevalere sempre: “Amatevi anche voi gli uni gli altri”
    (Gv 13,34).
    Il cristiano è tale se ama tutti, anche i suoi nemici e fa sempre del bene a tutti.
    Chiediamo a Gesù e a Maria Santissima il dono dell’umiltà, recitiamo questa preghiera che voglio scrivere
    adesso e spero sia utile.
    “Signore Gesù, Ti prego, rendimi umile, buono, mite.
    Dammi la forza di resistere a qualsiasi tentazione che voglia innalzare stoltamente la mia vanità,
    fa che i miei pensieri siano sempre umili e che ami tutti,
    anche quelli con cui ho avuto contrasti e quanti non mi sono simpatici.
    Donami la forza di pensare bene di tutti,
    di pregare per loro e per chi non mi ama.
    Infondimi il tuo Spirito perché in ogni persona veda un fratello o una sorella da rispettare e apprezzare.
    Madre mia, la tua umiltà è incantevole,
    insegnami ad imitarti in ogni circostanza della mia vita
    e ad avere una bassissima considerazione di me.
    Ti prego, trasformami in un piccolo Gesù,
    accoglimi nel tuo Cuore e rendimi fedele al Vangelo storico.
    Fa che io diventi un vero apostolo mariano,
    per lasciare vivere Te in me,
    per lasciarti operare come vorrai nella mia vita
    e così ricevere ogni giorno di più l’Amore di tuo Figlio Gesù”.
    CONTINUIAMO LE INTENSE PREGHIERE ALLA MADONNA CON LA RECITA GIORNALIERA DEL SANTO ROSARIO PER ME, PER VINCERE L’ATTACCO PORTATO DA SATANA, SCIOGLIENDO QUESTO NODO OPPRESSIVO. CHI
    MI VUOLE BENE, PREGHI MOLTO PER ME.
    Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.