• VANGELO (Gv 8,12-20)
    Io sono la luce del mondo.
  • In quel tempo, Gesù parlò e disse: «Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre,
    ma avrà la luce della vita». Gli dissero allora i farisei: «Tu dai testimonianza di te stesso; la tua testimonianza
    non è vera». Gesù rispose loro: «Anche se Io do testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera, perché
    so da dove sono venuto e dove vado. Voi invece non sapete da dove vengo o dove vado. Voi giudicate secondo
    la carne; io non giudico nessuno. E anche se io giudico, il mio giudizio è vero, perché non sono solo, ma Io e il
    Padre che mi ha mandato. E nella vostra Legge sta scritto che la testimonianza di due persone è vera. Sono Io
    che do testimonianza di me stesso, e anche il Padre, che mi ha mandato, dà testimonianza di me». Gli dissero
    allora: «Dov’è tuo Padre?». Rispose Gesù: «Voi non conoscete né me né il Padre mio; se conosceste me, conoscereste anche il Padre mio». Gesù pronunziò queste parole nel luogo del tesoro, mentre insegnava nel tempio.
    E nessuno lo arrestò, perché non era ancora venuta la sua ora. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Nel mondo mancano la vera pace e la giustizia perché la Luce di Dio non è più accesa, in molti modi sono
riusciti a spegnere la bussola morale e molti sono sballottati dalle loro avventate decisioni. Senza la Luce di Dio
la persona è nell’oscurità intellettuale, le scelte sono prese più per istinto che per discernimento, ed anche se in
molti casi l’esperienza fa indovinare alcune scelte, non sempre avviene per determinate situazioni in cui viene
richiesto qualcos’altro.
Neanche i farisei avevano questa Luce altrimenti non avrebbero causato tanti problemi a Gesù. Stavolta la
loro incredulità è rivolta al Padre di Gesù, essi non Lo conoscono e chiedono informazioni… Ma non vogliono
che sia il Signore a dare le prove dell’esistenza di suo Padre, chiedono che siano altri a dirlo perché la testimonianza di Gesù risultava di parte. Erano davvero smaliziati i farisei.
Gesù afferma di essere la Luce e i farisei che non potevano vedere quella Luce abbagliante, rifiutavano di accogliere le prove.
Più delle parole di Gesù erano i suoi miracoli a testimoniare sulla sua Persona e sul Padre che aveva inviato
il Figlio. Purtroppo non c’è peggiore cieco di chi non vuol vedere. Essi non vedevano infatti nulla, se non
l’aspetto esteriore, e non comprendevano la verità che si conosce con la Luce di Dio.
Anche se Gesù spiegava l’origine della sua testimonianza e che Lui poteva darla per la sua provenienza Divina, i farisei si intestardivano ancora di più perché potevano vedere solamente un Uomo che parlava e non la
sua potenza Divina. “La mia testimonianza è vera”, perché Gesù dava prova su quanto diceva, erano le sue opere a confermare la sua bontà.
Vedete la grande importanza delle opere. Sono esse a mostrare la Fede che abbiamo, dalle buone opere si conosce la Fede di ognuno.
La capacità maliziosa dei farisei li portava ad applicare la Legge contro gli altri mentre per se stessi chiudevano gli occhi. È la debolezza umana a spingere i più deboli a puntare il dito sugli altri ma evitano sempre di
guardarsi dentro. I farisei non lasciavano tranquillo Gesù e quasi facevano a gara pur di disturbarlo e causargli
difficoltà.
La differenza sostanziale ed infinita tra Gesù e i farisei è nota, Lui poteva affermare che i suoi giudizi erano
perfetti ma quelli non comprendevano la sua autorità. Gesù parlava ai sordi, nessun discorso che rivolgeva ad
essi riusciva a farli riflettere un po’ e a valutare l’evidenza. Non è solamente incapacità di cambiare
un’opinione, è ancora più negativa della ostinazione, è una forma acuta di malizia che blocca quanti vedono i
segni di Gesù e li disprezzano.
Commuove leggere come Gesù si sforzava di spiegare ai farisei la bontà delle sue opere e che non poteva
venire dagli uomini il potere che Lui emanava, trovava chiuse le porte dei loro cuori e non c’era modo di forzare il loro libero arbitrio.
“Voi non conoscete né me né il Padre mio”, ripeteva Gesù ai farisei, la stessa frase la ripete sicuramente oggi anche a molti cristiani che non conoscono il Vangelo e non approfondiscono la loro Fede consultando il Catechismo del 1992. Di questo Catechismo esiste anche un Compendio molto utile e fedele, chi lo legge scopre
veramente la sua Fede e trova le risposte corrette alle eresie moderniste che circolano un po’ ovunque.

CONTINUIAMO LE INTENSE PREGHIERE ALLA MADONNA CON LA RECITA GIORNALIERA DEL SANTO ROSARIO PER ME, PER VINCERE L’ATTACCO PORTATO DA SATANA, SCIOGLIENDO QUESTO NODO OPPRESSIVO. CHI
MI VUOLE BENE, PREGHI MOLTO PER ME.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
Proposito
Mi deciderò a dialogare e chiarirmi con quel parente, amico, conoscente con cui vivo in contrasto.

Pensiero
Il digiuno che tutti potete fare è custodire il vostro cuore e i vostri sensi. (San Giovanni Bosco).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *