Archivio Mensile: Luglio 2021

I divorziati vanno esortati a pregare ogni giorno – 11 Luglio 2021 0

I divorziati vanno esortati a pregare ogni giorno – 11 Luglio 2021

Domenica 11 luglio 2021

XV Domenica del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mc 6,7-13)

Prese a mandarli.

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demoni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Queste poche righe custodiscono l’essenza del vero apostolato e danno precise indicazioni sul comportamento che devono mantenere i veri seguaci di Gesù. I primi testimoni videro, ascoltarono e custodirono, noi siamo testimoni del Vangelo che dimostra ineccepibilmente che il Cristianesimo è la vera Religione di Dio incarnato in Gesù di Nazaret.

Prima della venuta di Gesù il popolo ebraico era stato chiamato all’alleanza con Dio ma fallì per arroganza e venne annullato il «contratto» d’amore stipulato con Dio proprio perché perse la fiducia dell’Eterno. Il Padre inviò suo Figlio per dare inizio ad un nuovo popolo, quello cristiano, e creare una nuova ed eterna Alleanza.

Ognuno di noi mostra di essere testimone di Gesù dalla Fede che possiede, dalle opere che compie, dalle parole che pronuncia.

Tutti i cristiani possono essere testimoni di Cristo, innanzitutto bisogna volerlo, quindi, decidersi per Gesù e seguire le sue orme.

I testimoni autentici non improvvisano la loro spiritualità, non si accontentano di qualche preghiera, non sono pieni di agitazione per adempiere cose umane trascurando Dio. Essi piano piano sanno fare spazio nel cuore e rifiutano quanto si oppone ai Comandamenti, vedono con gli occhi della Fede che non possono illudersi di seguire Gesù e svincolarsi dalla vita spirituale.

Nella Sacra Scrittura ci sono esempi di persone chiamate da Dio a compiere grandi opere nel suo Nome e hanno fallito anche dopo anni di fedeltà.

Adamo ed Eva vennero meno all’obbedienza infinita data da Dio e per colpa loro nel mondo entrò il peccato; Caino era stato invitato ad avere cura del fratello Abele ma lo uccise per invidia; il re di Israele Saul perse il controllo del suo potere e il favore di Dio; il secondo re di Israele, Davide, fece uccidere in battaglia il marito della sua amante ed espiò nella terribile malattia il tradimento a Dio; Giuda Iscariota era uno dei Dodici e inviato da Gesù a compiere miracoli, Lo tradì per 30 monete e si impiccò all’albero.

In questi ultimi decenni ci sono laici che si autocertificano come profeti, con un fare subdolo ingannano altri e impongono di credere quanto i segni fin troppo evidenti affermano il contrario. I deboli laici senza una adeguata preparazione spirituale, credono con facilità alle parole false e più fortemente ambigue di molti falsi veggenti.

Rimango molto sorpreso nel constatare la credulità di molti quando vengono a conoscere un falso veggente, uomo o donna, mentre le stesse persone avvertono un senso di rifiuto verso un veggente, uomo o donna, che ha vere apparizioni della Madonna.

La spiegazione è questa: chi riconosce come vera una apparizione autentica, ha lo stesso Spirito del veggente, quindi è un giusto che riconosce un veggente giusto, onesto, vero.

Invece chi rifiuta una vera apparizione non possiede lo Spirito di Dio e quantomeno è colpito dallo spirito malefico, se poi segue un veggente falso che dà annunci scriteriati e senza logica, è messo ancora peggio, è molto lontano da Gesù.

È un agire da impostori e senza Dio spacciarsi per veggenti, attribuirsi titoli e carismi inesistenti per ottenere adorazione e denaro.

Il Vangelo dice che Gesù inviò i Dodici prescelti «a due a due e diede loro potere sugli spiriti impuri». Una delle prove dell’autenticità del seguace di Gesù è il terrore che incute ai diavoli, sia con semplici preghiere che con altre imposizioni nelle preghiere di liberazione.

I Dodici andavano nei paesi e invitavano alla conversione, scacciavano molti demoni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. In questi modi si manifestava l’Onnipotenza di Gesù, era il Signore ad agire tramite i suoi strumenti.

Nel Vangelo di oggi c’è un aspetto che sembra minore, ed è la guarigione degli ammalati.

L’ATTENZIONE SI FOCALIZZA SUL PRIMO INVIO DEI DODICI A PREDICARE LA DOTTRINA DI GESÙ E GIÀ QUESTA INIZIATIVA DEL SIGNORE È LA PROVA DELLA NECESSITÀ DELL’APOSTOLATO, QUINDI, LA DETERMINAZIONE DI FARE PROSELITISMO PER LA SALVEZZA DELLE ANIME.

CHI AFFERMA CHE NON È COSA BUONA PER LA CHIESA FARE PROSELITI, TRADISCE E NON OBBEDISCE A GESÙ.

Non si arreca alcun danno ai non credenti che noi vogliamo liberare dalle catene del peccato accompagnandoli al confessionale, perché questo è il passaggio per determinarsi a cambiare vita, a scoprire la vera vita e a seguire Gesù.

Ricordate che Dio Padre vuole salvare tutti, questa è la ragione degli innumerevoli interventi di Gesù, della Madonna e dei Santi nel mondo.

Quanti non possono confessarsi perché divorziati e risposati o conviventi, non devono farsi ingannare dal pensiero che senza la Santa Comunione non sono più amati da Gesù. Dio vuole salvare e aiutare anche loro, devono corrispondere con le buone opere, devono pregare ogni giorno e chiedere a Gesù il suo perdono nell’ultimo istante di vita, adorare Gesù con preghiere spontanee, compiere un cammino spirituale consapevole di non poter accedere ai Sacramenti.

I divorziati vanno esortati a pregare, rimangono figli della Chiesa anche quando non possano ricevere l’assoluzione né la Santa Comunione.

L’apostolato è un gesto di amore e di misericordia anche di chi lo compie a favore dei non credenti o dei cristiani tiepidi che hanno abbandonato la Chiesa.

«Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demoni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano».

1 Ave Maria per Padre Giulio

“O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen”.

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro:  www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Salve Regina

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16). 

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo dire molto spesso a Gesù quello che provo e voglio fare.

Pensiero

Pregare non è un’imposizione, è un dono. Non è una costrizione, è una possibilità. Non è un peso, è una gioia. (San Giovanni Paolo II)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Siamo benedetti per l’adorazione al vero Dio dei cristiani – 10 Luglio 2021 0

Siamo benedetti per l’adorazione al vero Dio dei cristiani – 10 Luglio 2021

Sabato 10 luglio 2021

XIV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 10,2433)

Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia! Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che Io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’Io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei Cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’Io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei Cieli». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Il discorso di Gesù era iniziato con un preciso mandato per i Dodici che Egli stava per inviare solo alla terra d’Israele, dopo averli edotti di quello che li aspettava in un tempo più lontano e cioè quando avrebbero ricevuto la potenza dall’Alto.

Gesù in questo insegnamento sviluppa notevolmente il discorso fino a rivelare le autentiche certezze che devono possedere i suoi discepoli.

«Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto».

Le parole di Gesù che passo a citare sono risolutive per tutti i cristiani, senza distinzioni.

«Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’Io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei Cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’Io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei Cieli».

Considerando che siamo come «pecore in mezzo ai lupi», non deve mai mancare la quotidiana verifica interiore per riflettere sulle azioni compiute, sui pensieri e sulle parole. Ci troviamo in una società senza valori ed è facilissimo comprenderlo per la mentalità priva di morale diffusa in ogni contesto.

Oggi viene considerato un po’ stupido chi non vive come un animale. Molti buoni cristiani si ritrovano per varie ragioni a contatto con persone che appaiono possedute dai diavoli, per il linguaggio che utilizzano e le scelte immorali che compiono.

Questi cristiani che vogliono conservare la loro Fede sono chiamati a lottare ogni giorno contro le tentazioni e le istigazioni dei conoscenti.

È una continua scelta da compiere tra i Comandamenti di Dio e la vita dissoluta, sperperata e sprecata nel nulla. Cosa rimane poi?

Una vita infarcita da ostentazioni e un’inutile vanità che fanno pavoneggiare per poco tempo per poi incontrare il Giudizio di Dio e ritrovarsi schiacciati dalla immensa quantità di peccati commessi e che non potranno mai più riparare in futuro. Non avranno più tempo perché hanno sciupato il loro tempo.

Non si riconosce più Gesù nella vita quando non si osserva la sua Parola. Gli avvisi che ci dà Gesù sono incantevoli per il nostro bene.

Quale buona stella ci ha fatto incontrare e adorare il vero Dio dei cristiani? Noi sappiamo cosa giova nella vita di ogni essere umano da cosa non giova e fa vivere in una disperazione lenta ma inesorabile, impercettibile e distruttrice moralmente. È una disperazione spesso occulta ma sempre attiva interiormente.

Gesù è la vera salvezza di tutti noi che vogliamo percorrere la Via sicura per non finire schiacciati dalle pesanti montagne di tentazioni e oppressioni che colpiscono quelli che non pregano e non osservano il Vangelo.

Non possiamo preoccuparci delle sofferenze, noi soffriamo per poco tempo, forse anche per un tempo più lungo, ma saremo vittoriosi con Gesù e sempre protetti dalla Madre di Dio. Nessun potente del mondo ha questi privilegi, inoltre la sua potenza inevitabilmente si sgonfierà e neanche le ricchezze potranno dargli la vera felicità.

Gesù rassicura sempre i suoi seguaci, ai Dodici dice: «Non li temete», riferendosi ai farisei.

Tutto sarà svelato, anche le trame e le calunnie progettate e mormorate in segreto, ma infine non sono da temere neanche quelli che possono giungere a «uccidere il corpo», a togliere la vita terrena. Bisogna temere colui che può «far perire e l’anima e il corpo nella Geenna».

È dunque solo Dio che bisogna temere!

Bisogna avere timore di non offenderlo, di fare cosa contraria alla sua Volontà! E niente è più contrario alla sua Volontà che il peccato. Il peccato scelto, attuato con piena avvertenza, in odio alla giustizia e all’amore, fa perdere l’anima.

La Geenna è l’inferno, è la perdizione, è il regno delle tenebre. Gesù ne parla come di un luogo dove possono essere mandati l’anima e il corpo. Si giunge alla perdizione eterna continuando in questa vita a non riconoscere e rinnegare Gesù.

Gesù è verità, giustizia, amore, santità. Se uno dei tuoi amici o familiari ti volesse complice nell’ingiustizia, nella menzogna, nell’odio, ebbene, tu dovresti acconsentirgli solo perché ti è consanguineo o amico? Andresti in perdizione per non dispiacerlo?

E così, «se il trovare la propria vita» significa avere ricchezze, onori e piaceri, ebbene, tutto ciò può essere causa di perdizione eterna.

È tremendo perdere la propria vita, quella che dura in eterno e che deve essere conquistata con la rinuncia a tutto ciò che si oppone a Gesù!

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo fare memoria ogni giorno delle grande cose che il Signore Gesù ha fatto nella mia vita.

Pensiero

Un’anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio. (Santo Curato d’Ars)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

«Chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato» – 9 Luglio 2021 0

«Chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato» – 9 Luglio 2021

Venerdì 9 luglio 2021

 

XIV Settimana del Tempo Ordinario

 

+ VANGELO (Mt 10,1623)

Non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro.

 

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Ecco: Io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio Nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato. Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità Io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’Uomo». Parola del Signore

 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Ognuno parla ed esprime quello che ha nel cuore, molto spesso dice cose diverse da quelle che pensa e tradisce la sua coscienza. Quando non si manifesta la verità avviene una disconnessione tra cuore, mente e parola, causando alla persona menzognera, come uno shock interiore. La coscienza si deforma e gradualmente degenera.

Il cammino di Fede autentico cambia il cristiano fino a fargli provare orrore verso le menzogne che prontamente ripete per ingannare o sminuire.

Gesù ci dice che il cristiano impegnato nel cammino spirituale del Vangelo viene illuminato dalla Luce Divina, percepisce la verità dove neanche appare.

«Non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro».

Da cosa siamo spinti quando dialoghiamo con un familiare o con un amico o con altri? Si utilizza l’identica retta intenzione oppure sono presenti più pensieri nella mente e mentre si parla si sceglie quale linguaggio utilizzare?

Per debolezza si può cadere in questo gravissimo agire falso, ma si può vincere con la convinta volontà di essere sempre sinceri!

Molti si possono illudere di avere ispirazioni o di aver capito tutto, commettendo molti errori, mentre lo Spirito ispira dove trova una Fede matura, rinnegamento, umiltà, obbedienza a Lui, silenzio interiore, preghiera e verità.

Lo Spirito di Gesù si comporta con il cristiano come il cristiano si comporta con Lui. Dio risponde per come viene invocato.

Non sorprendiamoci se un Vescovo o un Sacerdote non sa pregare con il cuore e un cristiano comune (uomo o donna) è contemplativo e ha raggiunto una elevata spiritualità. Ogni persona è un mistero a se stessa, figuriamoci nelle relazioni esteriori. È sincero solo, ripeto solo, chi vive in comunione con Gesù Cristo, per il resto bisogna valutare caso per caso.

Gesù è sempre vicino a quanti rimangono fedeli a Lui, non li abbandona e non vuole perderli, ma non è sufficiente qualche preghiera o l’ottusa convinzione di fare tutto bene nonostante il distacco dal suo Vangelo.

Gesù dona «cento volte tanto» ai buoni, a quanti osservano la sua Parola e gli obbediscono.

I cristiani coerenti ricevono molte Grazie e protezioni divine, sono persone speciali davanti a Gesù e questo«buon odore» impresso in loro fa scattare nei cattivi un’avversità strana e malefica, mossi quasi sempre dallo spirito satanico.

Tante persone soffrono per quanto ricevono di offensivo da parenti e conoscenti, e non riescono a spiegare la ragione. Una è questa, sicuramente è quella che causa una maggiore avversione in quanti non pregano o sono cattivi.

Nelle persone in cui dimora lo spirito dei diavoli c’è invidia, odio, diffamazione, cattiveria, vendetta. Sono persone molto pericolose. Quanto le incontrate cominciate subito a pregare mentalmente, a perdonare le loro infide operazioni perfide e credete che Gesù non permetterà al Male di danneggiarvi.

I diavoli lavorano ininterrottamente per portare tutti all’inferno, ma i cristiani che pregano sono forti e non si lasciano ingannare da loro, così i diavoli utilizzano molte, molte, molte persone cattive o ingannate dal loro orgoglio, per arrecare del male ai buoni.

«Sarete odiati da tutti a causa del mio Nome».

Per tutti s’intende molti cattivi e quanti sono consacrati direttamente o tramite i gruppi satanici. Tutti questi vengono sconfitti da Gesù Cristo, FORSE NON SUBITO PER LA POTENTE RESISTENZA CHE TRASMETTONO I DIAVOLI AI LORO SEGUACI, ma con la preghiera costante e fiduciosa, i buoni ottengono dal Signore tutto il Bene che chiedono e nel tempo anche Giustizia.

Non ingannatevi se qualche cattivo «trionfa» per alcuni anni o per un tempo più lungo! La vittoria sarà sempre di Gesù, Lui è Dio.

«Chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato». Nulla ci deve spaventare se abbiamo Fede in Gesù, inoltre il Santo Rosario schiaccia i diavoli.

 

1 Ave Maria per Padre Giulio

 

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

 

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

 

 

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

 

 

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

 

 

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

 

 

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

 

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

 

Proposito

Devo fare memoria ogni giorno delle grande cose che il Signore Gesù ha fatto nella mia vita.

 

Pensiero

Un’anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio. (Santo Curato d’Ars)

 

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

 

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

 

«Guarite gli infermi, risuscitate i morti, scacciate i demoni» – 8 Luglio 2021 0

«Guarite gli infermi, risuscitate i morti, scacciate i demoni» – 8 Luglio 2021

Giovedì 8 luglio 2021

XIV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 10,715)

Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Strada facendo, predicate, dicendo che il Regno dei Cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demoni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture, né sacca da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché chi lavora ha diritto al suo nutrimento. In qualunque città o villaggio entriate, domandate chi là sia degno e rimanetevi finché non sarete partiti. Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. Se quella casa ne è degna, la vostra pace scenda su di essa; ma se non ne è degna, la vostra pace ritorni a voi. Se qualcuno poi non vi accoglie e non dà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dei vostri piedi. In verità Io vi dico: nel giorno del giudizio la terra di Sòdoma e Gomorra sarà trattata meno duramente di quella città». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Molto spesso anche nello spirito del cristiano prevalgono bramosie di potere e di grandezza, non sorprende questa debolezza soprattutto quando non si segue un buon cammino spirituale. Sono ovvie le legittime esigenze di vivere dignitosamente e di scegliere il meglio nella vita. Anche l’affermazione nel lavoro è legittimo quando lo spirito è mansueto.

L’uomo fin dalla nascita ha in sé un insidioso desiderio di ostentare qualcosa, è la pericolosa presunzione che non si quieta senza una adeguata vigilanza.

Tutte le persone lontane da Gesù Cristo o quelle che non Lo adorano più, sono dominate da pensieri carichi di potenti bramosie e non trovano pace. O meglio, la cercano nelle dissipazioni e nei vizi pericolosi, senza però mai trovare la vera pace.

L’ossessione di possedere quanti più beni possibili diventa un tormento in chi non vive con Dio e non ha capito il senso della sua vita.

Nessuno mette in dubbio che la ricchezza o l’agiatezza economica apre tutte le porte spesso in modo iniquo, anche quelle sigillate da Leggi Divine o da Leggi umane. Da Socrate a Shakespeare la convinzione è identica:«Se il denaro scorre veloce, tutte le porte si aprono».

Il guaio è che contemporaneamente si chiude la Porta più importante, quella del Paradiso.

La persona saggia riesce a controllarsi e a dare al denaro il giusto valore, tanto da non diventarne schiavo. Per il filosofo Omero «l’oro è servo oppure padrone», dipende da chi lo possiede, cosa pensa e come vive.

La televisione e quasi tutti i personaggi famosi dello spettacolo hanno devastato l’umanità insegnando a praticare una vita come le bestie, trasmettendo soprattutto quanto i poteri occulti consacrati a Satana determinano per oltraggiare Gesù Cristo.

Vasta parte dell’umanità vive fuori di sé, avvinghiata ai vizi e strappata alla gioia naturale della vita semplice e sincera. C’è disperazione nel mondo, i potenti che comandano quanti governano le Nazioni sono riusciti ad emarginare Dio e molti Ministri sacri si sono avviati da tempo su quella strada larga condannata da Gesù.

«LARGA È LA PORTA E SPAZIOSA LA VIA CHE CONDUCE ALLA PERDIZIONE, E MOLTI SONO QUELLI CHE VI ENTRANO» (Mt 7,13).

Camminare sulla strada larga comporta la perdita del controllo di sé, lo smarrimento spirituale e la lucidità per le scelte migliori. Senza Dio si rimane soli, una solitudine che diventa inappagamento, poi avvilimento e una certa forma di depressione, oppure si trovano alternative ovviamente opposte ai Comandamenti.

La decadenza morale dell’umanità non è solo responsabilità dei mezzi di comunicazione, sono diventati molto potenti i diavoli e influiscono grandemente sulle scelte e la vita di tantissimi. Si assiste con maggiore frequenza alle contraddizioni di personaggi famosi e di conseguenza di quanti li seguono considerandoli idoli.

La società è agonizzante e all’ultimo respiro, necessita di una purificazione che colpirà tutti i cattivi del mondo. Presto sarà inevitabile!

In Italia c’è una forte urgenza di verità e giustizia, per ribaltare questa condizione non più tollerabile occorre iniziare votando il Referendum per la riforma della Giustizia. Non si pretende di avere oggi eroi come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, quantomeno quella lealtà che dovrebbe essere innestata soavemente in coloro che decidono le sorti di tante persone.

In tutti questi anni ho scritto spesso che considero Falcone e Borsellino come mandati da Gesù per migliorare tutta l’Italia, e se non avessero impedito a Falcone di attuare tutte le sue straordinarie intuizioni, davvero oggi l’Italia sarebbe migliore, tutto sarebbe cambiato in meglio.

Ho letto molto su Falcone e alle volte quando rifletto su lui mi commuovo non solo per la sua morte, provo un richiamo altamente spirituale ed avverto che Dio lo aveva arricchito di talenti non comuni, come un laico benedetto.

Non provo la sofferenza umana come quando muore un parente, avverto un grande dispiacere spirituale perché non si è realizzato pienamente il progetto di Dio su Giovanni Falcone, e le sue foto mi fanno riflettere amaramente molto.

Vedo il suo volto come quello di un giusto e oggi sono molto rari i giusti, di un grande che avvertiva la percezione della verità e si fidava sapendo di far trionfare la giustizia, senza rendersi comunque conto che Dio lo illuminava e guidava.

GESÙ DI TANTO IN TANTO INVIA NEL MONDO PERSONE SPECIALI, SIA NELLA SUA CHIESA CHE NELLA SOCIETÀ CIVILE.

Seguendo il Codice Penale anche Giovanni Falcone predicava a modo suo la verità e la giustizia:«Strada facendo, predicate…». Nella mente di Falcone era presente un incommensurabile senso di rettitudine che forse tra i dubbiosi religiosi, nessuno ha mai avuto al mondo.

Quanti doni hanno ricevuto i Vescovi e i Sacerdoti per diffondere il Vangelo? Immensi beni e ne sono consapevoli, ma rifiutano la vita austera.

«Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date». Essi devono dare tutto il Bene ricevuto da Dio, con premura, costanza e docilità.

La gratuità delle opere è connaturale nei buoni Sacerdoti, essi comprendono che tutto è dono di Dio e senza Lui sono niente. Ad essi Gesù ripete ancora: «Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demoni».

Le benedizioni dei Sacerdoti fanno fuggire all’istante i diavoli e si guarisce dalle malattie.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo fare memoria ogni giorno delle grande cose che il Signore Gesù ha fatto nella mia vita.

Pensiero

Un’anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio. (Santo Curato d’Ars)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Ogni singola persona per Gesù è importante – 7 Luglio 2021 0

Ogni singola persona per Gesù è importante – 7 Luglio 2021

Mercoledì 7 luglio 2021

XIV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 10,1-7)

Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, chiamati a sé i suoi Dodici discepoli, Gesù diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. I nomi dei Dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello; Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano; Giacomo, figlio di Alfeo, e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, colui che poi Lo tradì. Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: «Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il Regno dei Cieli è vicino». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

In questo brano ci viene mostrato il grande amore di Gesù per l’umanità, la sua misericordia, l’infinito desiderio di aiutarci. Lo cogliamo quando agli Apostoli «diede il potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità».

Le parole malattia e infermità tutto sommato sono sinonimi, il Vangelo però li mette accanto per esprimere sia un male fisico sia un male che arriva dall’esterno. Il disturbo malefico causato dai diavoli, per esempio, viene dall’esterno e può essere mandato via da un intervento esterno, e solo la presenza della Grazia di Dio può imporre ai diavoli di andare via.

L’Amore che Gesù ci mostra nel Vangelo e nella storia è infinito ma molti cristiani non si sforzano di migliorare la comprensione del suo Amore. Per tanti cristiani è una Verità scontata, non riflettono che proprio per quell’Amore siamo di continuo oggetto di infinita misericordia.

MA FINO A QUANDO DIO SOPPORTERÀ IL RIFIUTO DELL’UMANITÀ, L’IMMORALITÀ IMPERANTE E LA CORRUZIONE «LEGALIZZATA» ED ELEVATA A VANTO…

Gesù vuole salvare tutti ma nella sua Chiesa trova oppositori insensati e falsi, sono numerosi quelli che intralciano la sua Volontà.

Gesù si preoccupa incessantemente dell’umanità, di ognuno di noi. Ogni persona è speciale per Lui, è morto per dare la vita a quanti Lo seguono. Quelli che pregano Gesù ricevono tanti aiuti e protezioni, questo non possono comprenderlo gli atei né quei cattolici tiepidi o senza più Fede per avere scelto il Male camuffato da opere filantropiche… Sono così anche Cardinali e Vescovi smarriti unicamente dietro interessi umani.

I cattolici di conseguenza si allontanano da Gesù e dalla preghiera, ma nel tempo della mietitura che avverrà molto presto, saranno guai per i traditori.

Duemila anni fa Gesù inviò i Dodici non solo a predicare, ad essi diede il potere della guarigione spirituale e fisica. Tutti i Sacerdoti ogni giorno devono rendersi disponibili a confessare, dare consigli nella guida spirituale, fare preghiere di liberazione e di guarigione.

Il nostro Dio non è una statua immobile come le divinità che creano tantissimi gruppi nel mondo in questi decenni o come hanno escogitato nei secoli passati. Noi riceviamo risposte da Dio che adoriamo perché è vivo e dimostra la sua Onnipotenza e il suo immenso Amore, intervenendo nelle nostre vicende, anche se in modo impercettibile ma efficacemente.

Dobbiamo concentrarci su questo aspetto della nostra spiritualità, il nostro Dio si rende sempre presente quando Lo cerchiamo con Fede e, soprattutto, mettiamo in pratica i suoi insegnamenti. Non siamo mai soli, restano soli quelli che scelgono di vivere da soli, facendo a meno di Dio, essendo troppi sicuri e con una grande ambizione, scelgono una brutta fine.

Oggi nella Chiesa serpeggia la teoria che tutto è lecito, tutto è permesso, tanto che la settimana scorsa in una parrocchia del Messico, un prete ha utilizzato una statua della famigerata dea pagana pachamama che diversi Vescovi a Roma conoscono bene, e l’ha resa come ostensorio dell’Eucaristia, con un cerchio nella pancia in gravidanza, dando inequivocabili avvisi eretici e maledetti.

Noi vogliamo percorrere la via preziosa ed impegnativa del Vangelo, non ci interessano le false parole di molti modernisti che falsano il Vangelo e lo modificano per i loro interessi o per giustificare le loro scelte di vita opposte alla Volontà di Dio.

Gesù per operare miracoli cerca la Fede in Lui, questa è la condizione indispensabile e poco conosciuta da molti cristiani.

Ogni virtù si acquisisce con la ripetizione di un determinato comportamento, è indispensabile conoscersi meglio e conoscere Gesù.

Ogni Sacerdote deve dimenticarsi per lasciare vivere Cristo.

Per me non esistono vacanze, svaghi festaioli, bar, pizzerie e ristoranti, né altri divertimenti del mondo, voglio aiutare senza sosta Gesù e la nostra Madre Beatissima. Incontro e parlo con molti, aiuto di continuo perché questa è la vita del Sacerdote, sono sempre disponibile per chi necessita di consigli. La mia gioia e la pace interiore vengono dall’amore verso Gesù Cristo.

È ancora possibile ricevere il Pacchetto Fedeltà con tanti libri, opuscoli, pieghevoli, riviste e immagini, inviando un’offerta libera. Dimostro sempre il mio distacco dal denaro e l’intenso desiderio di aiutare tutti per conoscere e seguire la Volontà di Gesù.

Molti cristiani non hanno mai pensato di impegnarsi di più nel cammino di Fede, non si rendono conto della grande perdita di Grazie, aiuti e benedizioni di Dio. Non osano fare più del dovuto e vivono male, pur avendo la grande possibilità di ottenere quelle Grazie necessarie per superare difficoltà e sofferenze.

Impariamo ad accettare l’umiliazione e la sofferenza come fece il Signore. Se i più vicini non accettano la nostra spiritualità e non riconoscono la buonafede che ci spinge ad aiutare sempre tutti e con grande trasporto, allora pazienza. Sorridiamo e preghiamo per tutti loro.

Non abbattiamoci mai in nessuna circostanza. Gesù e la Madonna ci guardano sempre e vogliono darci le Grazie richieste con Fede.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo fare memoria ogni giorno delle grande cose che il Signore Gesù ha fatto nella mia vita.

Pensiero

Un’anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio. (Santo Curato d’Ars)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Tanti politici sono contro Gesù e la Chiesa – 6 Luglio 2021 0

Tanti politici sono contro Gesù e la Chiesa – 6 Luglio 2021

Martedì 6 luglio 2021

XIV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 9,3238)

La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai!

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, presentarono a Gesù un muto indemoniato. E dopo che il demonio fu scacciato, quel muto cominciò a parlare. E le folle, prese da stupore, dicevano: «Non si è mai vista una cosa simile in Israele!». Ma i farisei dicevano: «Egli scaccia i demoni per opera del principe dei demoni». Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe perché mandi operai nella sua messe!». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Spiego nuovamente il significato di messe nel discorso di Gesù. Ancora non aveva istituito la sua Messa, ovvero il Sacrificio Eucaristico, e messe indicava la mietitura. L’operazione di falciare e raccogliere i cereali, e in particolare il grano, quando le spighe erano giunte a maturazione.

La messe era la mietitura, quindi il raccolto che doveva servire per il sostentamento della popolazione. La messe era abbondante diceva Gesù, allo stesso modo invitava a pregare per l’arrivo di molti operai al suo seguito e raccogliere una grande quantità di conversioni.

«La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe perché mandi operai nella sua messe!».

Gesù voleva dire e dice ancora oggi che le anime da convertire sono molte nel mondo, ma ci sono pochi Sacerdoti e missionari disponibili a sacrificarsi, a mettere da parte i loro piaceri umani e mondani per dedicarsi totalmente alla causa del Vangelo.

Chi risponde alla chiamata di Gesù deve lasciare tutto, a cominciare da se stesso!

È diventata enorme la necessità di tanti Sacerdoti dediti alla predicazione del Vangelo, allo stesso modo è immensa l’azione dei diavoli per paralizzare la Santa Chiesa nella sua missione principale. I diavoli hanno fatto tutto il possibile con straordinari risultati per intontire i giovani e indirizzarli verso tutto ciò che si oppone al sacro.

Già i ragazzi sono soggiogati, dominati, da una cultura senza civiltà, hanno una formazione intellettuale senza Dio e il loro sapere è infarcito di nozioni sbagliate, fasulle. I libri si riscrivono e ripubblicano come pretendono le menti perverse e la cultura in Italia è in mano ai comunisti e per comunisti intendo anche tutti quei politici che si sono riciclati e si sono inseriti in Partiti solo apparentemente moderati, ma persecutori di Gesù Cristo e della Chiesa.

La settimana scorsa quelli che pretendono rispetto con la legge Zan, una legge comunista, hanno sfilato nuovamente a Roma e a Milano con la solita carnevalata, bestemmiando Gesù anche con la buffonata dell’uomo con la parrucca e i tacchi, la gonnellina e una finta corona di spine in testa, con una leggera croce sulla spalla.

Sono questi travestiti che chiedono rispetto e di non essere discriminati? Quale rispetto hanno per Gesù, la Chiesa e i cattolici?

Tanti politici sono contro Gesù e la Chiesa, lo manifestano con Leggi opposte alla morale cristiana e con l’invasione dei musulmani.

Nel Vangelo oggi Gesù ci svela la capacità dei diavoli di rendere muti anche i suoi seguaci perché distratti dalle cose del mondo. Molti muti sono presenti nella Chiesa e altri farebbero bene a diventare muti, invece di continuare a distruggere la sana dottrina cattolica e a inculcare a incalcolabili milioni di cattolici eresie esplicite e altre fondate sull’induzione.

Il mondo rifiuta Dio e la Verità del Vangelo anche per il mutismo di tanti Vescovi e Sacerdoti. Ai farisei che volevano zittire gli Apostoli, Gesù gridò: «Vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre» (Lc 19,40).

Se moltissimi cristiani non vivono e non parlano del Vangelo, cosa ne sarà di loro e dei non credenti?

Ogni giorno rifletto su questo e resto molto addolorato. Piango per loro. Che fine faranno? Dove finiranno eternamente? «Gesù, pensaci Tu».

Prego ogni giorno per tutti quelli che non conoscono Gesù e si incamminano verso l’inferno.

PREGO PER TUTTI VOI E PER CENTINAIA DI INTENZIONI… PREGHIERE CHE CHIEDONO LA CONVERSIONE DEI PIÙ GRANDI PECCATORI E DI QUANTI TRADISCONO INTENZIONALMENTE GESÙ, LA LIBERAZIONE DALLE NEGATIVITÀ OPPRIMENTI, LA GUARIGIONE DEGLI AMMALATI.

Rimango davanti all’Eucaristia per riparare miliardi di peccati contro il Cuore di Gesù, a Lui mi rivolgo con grande fiducia e amore e gli chiedo di aiutare tutti e di salvare presto la sua Chiesa.

Non mi dimentico mai di tutti voi che fate parte della nostra Parrocchia virtuale dedicata al Cuore Immacolato di Maria.

Amiamo Gesù, tutto il resto passa, la scena di questo mondo è solo illusione, si lascia tutto qui, e solo quanti incontrano Lui scoprono la vera felicità.

Si può essere felici in questa vita anche dinanzi alle sofferenze, e se l’anima è forte perché in comunione con il Signore, tutto si riesce a superare con facilità. Si diventa capaci di controllare i pensieri e di agire con saggezza, evitando le parole che contengono giudizi.

«Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore».

Sono molti i cattolici abbandonati al loro destino… ma Dio non giudica come l’uomo e raccoglie anche dove c’è deserto…

Preghiamo con maggiore impegno per i bisogni della nostra amata Chiesa, per i suoi Pastori dissipati. Recitiamo con amore il Rosario.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo fare memoria ogni giorno delle grande cose che il Signore Gesù ha fatto nella mia vita.

Pensiero

Un’anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio. (Santo Curato d’Ars)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Gesù è il Guaritore e il Liberatore da ogni Male – 5 Luglio 2021 0

Gesù è il Guaritore e il Liberatore da ogni Male – 5 Luglio 2021

Lunedì 5 luglio 2021

XIV Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 9,1826)

Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni ed ella vivrà.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, mentre Gesù parlava, giunse uno dei capi, gli si prostrò dinanzi e disse: «Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano su di lei ed ella vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli. Ed ecco, una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, gli si avvicinò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. Diceva infatti tra sé: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata». Gesù si voltò, la vide e disse: «Coraggio, figlia, la tua Fede ti ha salvata». E da quell’istante la donna fu salvata. Arrivato poi nella casa del capo e veduti i flautisti e la folla in agitazione, Gesù disse: «Andate via! La fanciulla infatti non è morta, ma dorme». E Lo deridevano. Ma dopo che la folla fu cacciata via, Egli entrò, le prese la mano e la fanciulla si alzò. E questa notizia si diffuse in tutta quella regione. Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

I due miracoli presentati oggi nel Vangelo ci commuovono parecchio, la loro meditazione ci infonde un grande amore verso Gesù e rafforza la fiducia in Lui.

La donna ottenne la guarigione toccando il mantello di Gesù, ma senza la sua convinta Fede non avrebbe ottenuto nessun miracolo. «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata».

Non cercava un contatto magico, aveva compreso che Gesù non era un profeta come tanti imbroglioni, ella voleva stabilire un contatto con quello che Gesù rappresentava per lei, l’Inviato da Dio ed era il Figlio eterno che la donna stava per scoprire.

Vedeva in Lui il suo Salvatore, l’autentico Profeta di Dio.

Se tutti gli ammalati e quanti soffrono per altre ragioni avessero la Fede di questa donna, otterrebbero facilmente molti miracoli. Gesù vuole donare grandi miracoli ma occorre una Fede matura e per possederla è necessario decidersi per la propria conversione.

Abbiamo letto che nel Nome di Gesù i diavoli si sottomettono, si terrorizzano e scappano via, comunque rimane sempre necessaria una Fede sincera. Incalcolabili persone hanno malattie e sofferenze strane, addirittura non diagnosticabili dai medici e neanche la TAC dà alcuna indicazione. Sono mali misteriosi arrecati dai diavoli e solo con l’invocazione di Gesù si superano.

Quando strane malattie, tentazioni non riconosciute e sofferenze vi visitano, rivolgetevi a un Sacerdote per chiedere benedizioni o preghiere di liberazione. Chi è disturbato dai diavoli o è colpito da una malattia necessita di aiuti soprannaturali. Utilizzate abbondantemente i Sacramentali e fateli benedire da Sacerdoti carichi di Fede.

Dalle conoscenze che si hanno, incalcolabili ammalati e i loro familiari, dopo avere girato molti ospedali e specialisti rinomati, dopo avere speso molti soldi, si sono avvicinati alla Fede in Gesù e hanno ottenuto grandi Grazie.

Nel Vangelo di oggi i due miracoli si intersecano e sono entrambi meravigliosi. Il primo suscita più gratitudine per la bambina già morta, i servi avvisarono mentre Gesù e Giairo, capo della sinagoga, erano arrivati nell’abitazione dell’ultimo.

La Fede di Giairo superava quella dell’emorroissa in quanto chiese a Colui che era disprezzato dai farisei e da quelli della sinagoga, qualcosa di inconcepibile come la risurrezione della figlia morta. Era grande la richiesta, soprattutto perché arrivava dal capo di uno schieramento che perseguitava il Signore Gesù.

Difficilmente si pone una domanda simile a una persona considerata falsa dal gruppo a cui si appartiene. Cosa era successo a Giairo?

Dalle parole che dice a Gesù, Giairo aveva scoperto nel suo cuore che quell’Uomo era un grande Profeta inviato da Dio.

Era un segreto che ha svelato pubblicamente dopo la morte della figlia, e a quel punto considerava più importante la vita della figlia che la sua reputazione da parte della fazione farisea a cui apparteneva. Questo agire indica la vittoria di Giairo sul rispetto umano.

Giairo scelse la vita di sua figlia piuttosto che il rispetto umano della sinagoga, non si preoccupava più del giudizio su di lui di tutti gli altri.

Egli sapeva di fare la cosa giusta e senza vergogna né paura si mise in cerca di Gesù per dire parole incredibili, per fare una richiesta apparentemente assurda: «Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano su di lei ed ella vivrà».

Questa è la vera Fede del cristiano: chiedere anche cose impossibili.

Ovviamente tutte sono subordinate alla Volontà, al disegno di Dio. Lo sa Dio se una determinata richiesta è appropriata, già la persona che chiede deve cercare di capire la convenienza spirituale di quanto chiede. La richiesta può riguardare anche l’aspetto materiale della vita ma prevale sempre la vita dell’anima.

Dopo l’umile ed edificante richiesta di Giairo, sbalordisce la risposta di Gesù e non rispose, fece solo un gesto e si mosse per andare a trovare una bambina morta e questo suo muoversi equivale allo sconvolgimento universale: «Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli».

Per Gesù la bambina già morta era viva perché Lui «guardava» la sua anima, e con la sua Onnipotenza fece ritornare l’anima nel corpo.

«La fanciulla non è morta, ma dorme».

Molti genitori cattolici non si preoccupano dell’anima dei loro figli e devono riflettere che morire senza la Grazia di Dio comporta l’inferno!

Gesù risveglia anche i cristiani sfiduciati e abbattuti, quanti hanno perduto ogni speranza. «Egli entrò, le prese la mano e la fanciulla si alzò».

Questo miracolo ci dice che la Fede ottiene quello che umanamente è impossibile. Gesù Cristo è il Guaritore e il Liberatore.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo fare memoria ogni giorno delle grande cose che il Signore Gesù ha fatto nella mia vita.

Pensiero

Un’anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio. (Santo Curato d’Ars)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

L’invidia rovina l’anima e i paesani odiavano Gesù – 4 Luglio 2021 0

L’invidia rovina l’anima e i paesani odiavano Gesù – 4 Luglio 2021

Domenica 4 luglio 2021

 

XIV Domenica del Tempo Ordinario

 

+ VANGELO (Mc 6,1-6)

Un Profeta non è disprezzato se non nella sua patria.

 

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù venne nella sua patria e i suoi discepoli Lo seguirono. Giunto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga. E molti, ascoltando, rimanevano stupiti e dicevano: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data? E i prodigi come quelli compiuti dalle sue mani? Non è costui il falegname, il Figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?». Ed era per loro motivo di scandalo. Ma Gesù disse loro: «Un Profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità. Gesù percorreva i villaggi d’intorno, insegnando. Parola del Signore.

 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Gesù a Nazareth ha incontrato l’indifferenza di quanti Lo conoscevano e avevano saputo che in altre città aveva già compiuto grandi miracoli. Prima del suo arrivo a Nazareth i commenti sulle sue opere erano di meraviglia e di incredulità, erano curiosi degli avvenimenti ma non dimenticavano chi era Gesù prima di lasciare Nazareth: il Figlio del falegname.

I commenti su Gesù variavano e molti rimanevano dubbiosi, si consolavano con parole tipo: «Non è possibile»; «Ma và»; «Non ci credo proprio».

Questo può accadere anche a noi, quando qualcuno o più di uno ci considerano come loro e poi vengono a sapere che preghiamo, andiamo in pellegrinaggio nei Santuari, facciamo opere buone per i poveri e aiutiamo quelli che si trovano nella sofferenza e chiedono la nostra vicinanza.

Quando Gesù il sabato andò nella sinagoga, i presenti osservavano come agenti segreti, cercavano anche una mossa sbagliata di Gesù, ma le sue parole trasmettevano una grande pace anche se i dubbiosi orgogliosi non volendo tributargli gli onori che meritava, continuarono a disprezzarLo.

Il Vangelo ci presenta il grande pregiudizio che affiora in tutta la sua ribellione contro Gesù da parte di molti che Lo conoscevano come l’Uomo più buono. Se la meraviglia di Gesù nei loro confronti era oggettivamente valida, la loro meraviglia in realtà era solo invidia, l’incapacità di accettare quanto dicevano altrove di buono su Gesù. Egli quantomeno doveva essere un potente Profeta di Dio.

L’invidia acceca l’intelletto e fa scaturire pensieri di avversità, pensieri maliziosi e pessimisti, per rendere negativo ciò che è limpido, bello e puro. L’invidia inizialmente rovina la vita di chi la coltiva e non riesce a vincerla, rovina anche la vita di quanti vengono colpiti dalle cattiverie e dalle calunnie.

L’invidia non brama solo quello che posseggono gli altri, la sua pericolosità sta nell’associare al rancore anche il desiderio di distruzione.

I compaesani di Gesù provarono inizialmente invidia nei suoi confronti per la grande popolarità che si era estesa nella regione e che innalzava Gesù come un grande Profeta, purtroppo all’invidia seguì anche il rancore, fino a desiderare il male.

Oggi San Marco ci presenta l’indifferenza e la reazione sdegnata dei nazaretani contro Gesù, San Luca aggiunge un particolare interessante e sorprendente che ci presenta questa gente ancora più invidiosa, logorata e irragionevole.

Nel racconto della prima visita di Gesù a Nazaret, San Luca afferma che essi «si levarono, Lo cacciarono fuori della città e Lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro città era situata, per gettarlo giù dal precipizio» (Lc 4,29).

Arrivarono alla decisione estrema di far morire la Persona che arrecava loro una sofferenza incontrollabile e il motivo era la loro invidia.

La venuta del Figlio di Dio nel mondo ha trovato tutti impreparati, tutti gli ebrei aspettavano il Salvatore secondo le loro previsioni.

Quando divenne inutile la predicazione di tutti i Profeti inviati da Dio Padre in Israele per convertirli, inviò suo Figlio ed Egli aveva il compito di insegnare la vera spiritualità, di convertirli e di redimerli con la sua Morte in Croce.

Tutta la vita di Gesù fu caratterizzata dalle incomprensioni causate dagli invidiosi, di quanti avevano altri progetti religiosi e politici.

Ancora oggi le parole di Ezechiele valgono per l’umanità, per ognuno di noi, precisamente per quanti hanno incontrato Gesù e sono rimasti con il cuore indurito, indifferenti alla sua Volontà, presi da tanti interessi umani e oramai fossilizzati nel voler compiere solo quello che soddisfa i piaceri carnali.

Non curano l’anima né incontrano un Sacerdote per conoscersi, come un ammalato si reca dal medico per conoscere la causa della sua sofferenza.

Oggi noi non abbiamo solo la certezza che Gesù ci vede e ci aiuta nella misura della nostra richiesta, ancora di più Lo troviamo ad attenderci nel Tabernacolo per elargirci grandi Grazie, per sostenerci nella vita sofferente ed aiutarci a vincere le malattie e tutti i nemici.

La seconda lettura della Messa è tratta dalla seconda Lettera di San Paolo ai Corinzi. Le sue sofferenze erano indicibili a causa della predicazione del Vangelo e delle dispute con incalcolabili nemici che volevano eliminarlo. Pregava molto Gesù e la risposta fu questa: «Ti basta la mia Grazia; la forza infatti si manifesta pienamente nella debolezza».

A queste parole del Signore, San Paolo trovò finalmente la pace e sopportò la sofferenza con maggiore forza interiore. Scriveva alla comunità di Corinto: «MI VANTERÒ QUINDI BEN VOLENTIERI DELLE MIE DEBOLEZZE, PERCHÉ DIMORI IN ME LA POTENZA DI CRISTO. PERCIÒ MI COMPIACCIO NELLE MIE DEBOLEZZE, NEGLI OLTRAGGI, NELLE DIFFICOLTÀ, NELLE PERSECUZIONI, NELLE ANGOSCE SOFFERTE PER CRISTO: INFATTI QUANDO SONO DEBOLE, È ALLORA CHE SONO FORTE».

Comprese che nella debolezza l’uomo prega di più e sopporta con eroismo le avversità, avverte maggiormente la vicinanza di Gesù.

Quando l’uomo perde le sue certezze scopre la vera vita ed inizia a vivere nella Verità, senza più esaltazioni e manie di grandezza.

Quando noi scopriamo la grande forza che ci arriva dalle sofferenze, allo stesso tempo scopriamo davvero la presenza di Gesù nella nostra vita. Senza questa consapevolezza si continua a vivere «fuori di sé», senza un vero controllo delle scelte che si compiono, senza un sincero confronto con gli insegnamenti di Gesù e la propria coscienza.

Il Signore ci dà il suo aiuto quando lo chiediamo, è contento di aiutarci a superare gli ostacoli, le tentazioni e ogni genere di difficoltà.

 

1 Ave Maria per Padre Giulio

 

 “O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen”.

3 Ave Maria…

 

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro:  www.gesuemaria.it

 

 

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

 

 

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

 

 

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

 Salve Regina

 

 

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16). 

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

 

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

 

Proposito

Devo dire molto spesso a Gesù quello che provo e voglio fare.

 

Pensiero

Pregare non è un’imposizione, è un dono. Non è una costrizione, è una possibilità. Non è un peso, è una gioia. (San Giovanni Paolo II)

 

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

 

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

 

La coscienza, il vaccino e l’incredulità di Tommaso – 3 Luglio 2021 0

La coscienza, il vaccino e l’incredulità di Tommaso – 3 Luglio 2021

Sabato 3 luglio 2021

XIII Settimana del Tempo Ordinario

San Tommaso Apostolo

+ VANGELO (Gv 20,2429)

Mio Signore e mio Dio!

Dal Vangelo secondo Giovanni

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Sulla figura dell’Apostolo Tommaso si sono scritte e predicate tante teorie, fino a qualche decennio fa prevaleva quella dell’incredulità, ed è proprio Gesù a indicarlo come un uomo diffidente: «… e non essere incredulo, ma credente!».

Queste parole del Signore sono sufficienti per individuare la posizione sbagliata di Tommaso, anche se era un buon uomo come gli altri dieci Apostoli e non tramava nulla contro il Maestro, come invece faceva di continuo l’apostolo che tradì e consegnò Gesù agli assassini.

Non è possibile classificare Tommaso come uno che voleva credere più degli altri Apostoli e per questo si rifiutò di accettare il racconto dell’apparizione di Gesù mentre era assente. Egli girovagava pensieroso per Gerusalemme e metteva continuamente il sigillo alla sua mancanza di Fede.

C’era in Tommaso anche l’orgoglio che sosteneva la convinzione che si ritrovava nella mente e non riusciva ad allontanarla, non era in grado di accogliere una notizia sensazionale: Gesù era vivo perché risorto!

Tommaso non si accorse neanche dello stato d’animo cambiato degli altri Apostoli, della loro allegria, della felicità che aveva preso il posto dello scoraggiamento.

Non si trattava solo di sentimenti o reazioni affettive intense di coloro che amavano il Signore, essi credevano perché avevano visto Gesù vivo.

Il pensiero di Tommaso era fisso su un dubbio che stranamente non voleva lottare e non accettava neanche la testimonianza degli altri dieci Apostoli: «Abbiamo visto il Signore». Cosa può aver accecato uno dei più intimi seguaci di Gesù che aveva assistito a miracoli portentosi?

Tommaso sbagliava gravemente quando considerava infallibili i suoi pensieri e «dimenticava» presto tutti gli avvertimenti dati da Gesù, le profezie che anticipavano gli eventi della sua Morte e Risurrezione.

Questo avviene anche ai cristiani che si dimenticano di Gesù nella loro vita, Lo escludono dai pensieri e dalle scelte, quando intraprendono iniziative e si preoccupano forse troppo delle loro cose. Si fa presto a dimenticare Gesù e i suoi insegnamenti, ma le conseguenze sono dannose e dolorose.

GESÙ VIENE ESCLUSO DOVE C’È LA CONVINZIONE DI ESSERE AUTOSUFFICIENTI E DI PROGRAMMARE LA VITA SECONDO QUELLO CHE SI PENSA, SENZA DISCERNIMENTO SPIRITUALE E IL CONFRONTO CON LA PROPRIA COSCIENZA. D’ALTRONDE, LA COSCIENZA ASSOPITA NON VIGILA E «PERMETTE» TUTTO.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica sviluppa il tema secondo cui la coscienza è un giudizio della ragione che presiede alle scelte morali.

«La coscienza morale ingiunge alla persona, al momento opportuno, di compiere il Bene e di evitare il Male. Essa giudica anche le scelte concrete, approvando quelle che sono buone, denunciando quelle cattive»(n. 1777).

La coscienza morale è un giudizio della ragione mediante il quale la persona umana riconosce la qualità morale di un atto concreto che sta per porre, sta compiendo o ha compiuto.

Viene ribadito l’obbligo per la persona di seguire la voce della sua coscienza, per questo deve essere pura e onesta. Una condizione essenziale perché ciò avvenga è quella «di essere sufficientemente presente a sé stesso al fine di sentire e seguire la voce della propria coscienza» (n. 1779).

La coscienza è una facoltà della persona, e «la dignità della persona umana implica ed esige la rettitudine della coscienza morale» (n. 1780).

Se ne deduce che nel mondo la dignità di molte persone è scomparsa, un esempio è che incalcolabili migliaia di medici nel mondo arrivano anche ad usare i tessuti di feto abortito a pagamento per fare i vaccini. Tutti i vaccini contengono feti abortiti, motivo per cui i cattolici devono rifiutarlo senza pensarci su un attimo.

NEL CODICE DI DIRITTO CANONICO IL CANONE 1398 AFFERMA: «CHI PROCURA L’ABORTO OTTENENDO L’EFFETTO INCORRE NELLA SCOMUNICA LATAE SENTENTIAE».

Tutti i feti abortiti sono frutto di chissà quanti milioni di aborti volontari nel mondo, ogni donna percepisce almeno 550 euro, lo spiega in un video il professor Montanari, afferma che praticano questi omicidi dal 1950 in tantissime parti del mondo.

Chi favorisce l’utilizzo dei vaccini contenenti feti abortiti è complice sia delle donne che si prestano anche due volte l’anno ad abortire, dei medici e dei gruppi farmaceutici che finanziano queste iniziative, sono colpiti da quanto viene affermato sopra nel canone 1398. Si intende soprattutto i cattolici, quanti nella Chiesa hanno autorità e proprio perché privi di una coscienza morale parlano molto bene del vaccino.

Perché si sono alleati con il Male? Ritorniamo alla rettitudine della coscienza morale del n. 1780 del Catechismo: essi sono privi della coscienza morale e non hanno più la capacità di fermarsi dinanzi al Male, ne sono diventati servitori compiacenti.

UN CATTOLICO SINCERO, AUTENTICO, NON PARLA BENE E NON SOSTIENE UN VACCINO CHE CONTIENE FETI ABORTITI.

Oggi girano moltissime fake news sul tema, non chiamiamo però fake news quelle informazioni che dicono cose vere anche se non sono precise sulla data o su chi si unisce per iniettare o innestare il chip. È tutto vero e avverrà, di questo dobbiamo discutere e non sui cavilli della data e delle strane alleanze. Forse avverrà con altre modalità ma avverrà!

Non dobbiamo dubitare come Tommaso o cercare sottigliezze, non è il tempo, invece c’è da prendere sul serio le minacce della dittatura sanitaria.

Senza la vera preghiera giornaliera che inizia la mattina e che deve sostenere parte della giornata, non si ha la forza per resistere alle tentazioni, per controllare le tentazioni, per agire animati da una Fede profonda e portatrice di gioia, pace, felicità.

L’abbattimento è sempre dietro l’angolo… nessuno si consideri forte nella Fede o sicuro di amare molto Gesù. Tommaso mostra che si può cadere.

TOMMASO CI MANIFESTA CHE SI PUÒ RESTARE TRE ANNI CON UNA GRANDE FEDE IN GESÙ E POI SI CROLLA ALL’IMPROVVISO.

Vigilate e pregate con grande amore in molti momenti della giornata, la vita stessa deve diventare preghiera. Stabilite delle ore da dedicare a Gesù e a Maria e osservatele mettendo da parte ciò che effettivamente non è importante. La preghiera sostiene e non fa cadere nell’atroce dubbio quando arriva una sofferenza.

Gesù e Maria sono sempre in attesa delle nostre preghiere, non per la Loro gloria, le preghiere servono a salvare le nostre anime!

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo volgere il mio pensiero a Gesù e in Lui devo riposare. Mi impegno ad entrare nella cella della mia mente per escludere tutto ciò che non è Gesù. “Il tuo Volto, o Signore, io cerco, non nascondermi il tuo Volto”.

Pensiero

Le opere senza la preghiera non valgono nulla. La preghiera si avvalora con il sacrificio. (San Josemaría Escrivá)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

Modalità della vera conversione spirituale – 2 Luglio 2021 0

Modalità della vera conversione spirituale – 2 Luglio 2021

Venerdì 2 luglio 2021

XIII Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mt 9,913)

Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori.

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e Lo seguì. Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro Maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

La conversione del pubblicano Matteo colpisce e ci spiega che basta un piccolo spiraglio di Bene nella vita di un peccatore, per permettere alla Grazia di Dio di agire e salvare. Dopo la chiamata di Gesù, tutto in Matteo divenne nuovo e vedeva la realtà qual era veramente, con occhi luminosi, perché era cambiata la sua mentalità.

Non era più il pubblicano che si lasciava odiare perché esattore delle tasse per conto dei romani, Matteo era rinato effettivamente nello spirito e dopo la chiamata di Gesù, «seguimi», iniziò a rinnegarsi e cominciare a vivere la vera vita in Dio.

La sua conversione fu solo l’inizio della rinascita, in passato aveva compiuto opere buone, con la conversione tutta la sua vita doveva cominciare a cantare la gloria di Dio. «L’albero si riconosce dai frutti»(Mt 7,16). Gesù dice ancora che «un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni» (Mt 7,18).

Vuole dire che la persona buona si riconosce dalle sue opere buone, la persona cattiva si riconosce dalle opere cattive, ingannevoli.

Dai comportamenti di Matteo dopo la sua conversione si deduce una vita irreprensibile e votata pienamente alla causa del Vangelo. Era ricco e si fece povero materialmente, la sua nuova e gioiosa ricchezza era la Grazia di Dio.

«Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima?» (Mc 8,36).

Matteo lo comprese gradualmente ascoltando gli insegnamenti di Gesù, ed è stato grande il gesto iniziale di lasciare tutto e di non preoccuparsi più delle cose materiali. Un distacco non repentino, Matteo non venne attratto subito dalla predicazione di Gesù.

C’è la docilità di Matteo all’inizio del suo distacco dal banco che era una miniera d’oro per i guadagni giornalieri. Matteo era buono ma non riusciva a tirare fuori la sua vera natura, solo ascoltando le predicazioni di Gesù comprese il vero senso della vita e si accorse che non erano più i beni materiali ad appagarlo.

Ma non è questo distacco dalle cose materiali la vera conversione, c’è ancora da lavorare per arrivare ad una buona spiritualità e si manifesta quando si compiono esclusivamente buone opere, quando il cristiano si trasforma interiormente più che esteriormente.

Le opere esteriori come la partecipazione alla Messa e agli incontri di preghiera non indicano la vera conversione.

Matteo non lasciò il banco delle imposte per continuare a vivere da esattore, ma per rinascere nello spirito e diventare una persona nuova.

La vera conversione avviene quando la vita cambia, avviene un cambiamento di rotta non più verso se stesso ma verso Gesù Cristo.

Conversione indica una trasformazione soprattutto interiore, se è solamente esteriore non è cambiato nulla. Conversione è un cambiamento di scelte di vita, un mutamento dei pensieri che devono modificarsi da cattivi a buoni, da falsi a sinceri, da odiosi a miti.

La preghiera umile e costante, i Sacramenti e il sincero rinnegamento manifestano che quel cristiano ha scoperto veramente il Volto di Gesù.

Matteo quando lasciò tutto e seguì Gesù, cominciò a lasciare soprattutto quella parte negativa del suo essere. Più del denaro e delle ricchezze egli lasciò su quel banco l’orgoglio e l’ipocrisia della sua inutile vita, almeno fino a quel momento.

Per questo divenne credibile, Gesù lo scelse perché vedeva le sue grandi potenzialità e lo Spirito Santo lo guidò a scrivere anche il Vangelo.

Ed è proprio il suo Vangelo a dirci che egli era rinato dopo la sua conversione. Gli altri tre Evangelisti narrano la sua conversione e lo chiamano con il suo secondo nome, Levi, più che altro per rispetto e per non umiliare la sua persona. Essere esattore delle tasse era una gran brutta cosa.

Solo Matteo nel suo Vangelo scrive chi è Levi, il nome di pubblicano, ed è lui, indica che lui, Matteo, era un odioso pubblicano, un esattore delle tasse. Mostrò una edificante umiltà. Non nascose la sua vita disonesta per i millenni futuri a tutti i lettori del suo Vangelo, si scoprì così come era, senza ipocrisie e falsità.

Questa è stata la vera conversione di Matteo.

Non ha inventato altre storie per nascondere di essere stato un pubblicano che scandalizzava, anzi, lo scrisse per mostrare la gloria di Gesù, per esaltare la sua misericordia. Ecco cosa si intende per vera conversione: l’onestà intellettuale, la verità pronunciata in ogni circostanza.

Il cristiano deve sempre considerarsi un peccatore beneficiato dalla Grazia di Dio. La sua vita deve dare gloria a Dio che lo ha perdonato.

Il cristiano convertito è credibile quando pratica le virtù e lotta con impegno giornaliero contro i vizi, lotta davvero contro le sue debolezze.

Il cristiano convertito deve mostrare con la sua vita di essere umile, sincero, mansueto e paziente. Così esalta la misericordia di Gesù.

Il 2 luglio la Chiesa celebra la festa della Madonna delle Grazie, Ella è la Madre della Grazia che è suo Figlio Gesù. La Chiesa non ha inserito nel proprio anno liturgico una festa specifica per la Madonna delle Grazie, in alcuni luoghi di festeggia il 31 maggio, mentre il 2 luglio è il giorno proprio della festa, inoltre questo titolo viene associato anche a diverse feste mariane.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

Proposito

Devo volgere il mio pensiero a Gesù e in Lui devo riposare. Mi impegno ad entrare nella cella della mia mente per escludere tutto ciò che non è Gesù. “Il tuo Volto, o Signore, io cerco, non nascondermi il tuo Volto”.

Pensiero

Le opere senza la preghiera non valgono nulla. La preghiera si avvalora con il sacrificio. (San Josemaría Escrivá)

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.