Dio ci conosce dall’eternità ed è portentoso – 16 Dicembre 2021

Giovedì 16 dicembre 2021

III Settimana di Avvento

+ VANGELO (Lc 7,24-30)

Giovanni è il messaggero che prepara la via al Signore.

+ Dal Vangelo secondo Luca

Quando gli inviati di Giovanni furono partiti, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che portano vesti sontuose e vivono nel lusso stanno nei palazzi dei re. Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, Io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. Io vi dico: fra i nati da donna non vi è alcuno più grande di Giovanni, ma il più piccolo nel Regno di Dio è più grande di lui. Tutto il popolo che Lo ascoltava, e anche i pubblicani, ricevendo il battesimo di Giovanni, hanno riconosciuto che Dio è giusto. Ma i farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro». Parola del Signore 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

Oggi inizia la Novena di Natale dedicata a Gesù Bambino, si celebra nei nove giorni precedenti la solennità del Natale. La Novena favorisce la crescita dell’amore verso Dio che prende un Corpo umano per annunciare all’umanità la Verità che nessuno conosceva né poteva mai raggiungere.

Gli effetti di questa NOVENA sono straordinari e le Grazie che si ottengono sono incalcolabili, dipende dall’amore che si nutre verso Gesù. In questa ricorrenza adoriamo la nascita con un Corpo del Figlio eterno di Dio e l’ingresso nella storia umana.

È il momento di iniziare con molto fervore questa Novena e prepararci all’incontro della Notte Santa, però voglio evidenziare che Dio Padre nella sua impenetrabile sapienza ha voluto che il Bambino crescesse seguendo le fasi naturali di tutti i bambini.

Anche se Gesù Bambino non parlava subito dopo la nascita e aveva le identiche necessità di tutti i neonati, il suo Spirito era quello di Dio, precisamente era la Parola eterna che taceva per lasciare sfogare la gioia, il pianto, la fame e la sete del suo essere Bambino e che la sua natura umana richiedeva.

Noi che abbiamo ancora una Fede integra dobbiamo gioire per la venuta nel mondo di Dio in un Bambino e consolarLo per tutte le persecuzioni che patì già subito dopo la sua nascita. Molte volte nella sua vita fu bersaglio dell’odio dei malvagi e progettavano come ucciderlo.

I giorni di questa Novena siano diversi, migliori di tutti i giorni dell’anno per dedicare maggiore tempo alla preghiera fervorosa.

Moltissime persone rendono vano il disegno di Dio su di loro, un disegno sempre meraviglioso e unico per ogni uomo e donna. Dio Padre ha pensato a ciascuno di noi fin dall’eternità, ci conosceva prima ancora della creazione di Adamo ed Eva e questo ci sbalordisce perché abbiamo un Dio portentoso.

Il disegno che Dio ha su ogni persona, non sempre viene compreso, anzi, sono poche le persone che capiscono la vocazione grazie all’aiuto del Padre spirituale. Ognuno ha una sua  vocazione che possiamo intendere come attitudine a fare una determinata cosa, e solitamente si pensa alla vita religiosa o al matrimonio. Molti per varie ragioni scelgono di non sposarsi e se hanno Fede in Gesù vivono una vita gioiosa.

Sono scelte personali nella stragrande maggioranza dei casi, oppure la risposta a ciò che viene avvertito interiormente come disegno di Dio. Ma arriva veramente da Dio l’ispirazione nel voler scegliere una determinata strada?

Non è sempre Gesù a ispirare, più spesso è Satana e bisogna vigilare, c’è anche l’intima esigenza di voler compiere quello che piace.

Diceva Gesù sulla disobbedienza: «I farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro».

Come questi, oggi sono miliardi quelli che non pensano neanche alla possibile esistenza di un Dio Creatore, tantomeno ad un disegno personale che equivale alla realizzazione umana in questa vita e poi la conquista della vita eterna.

Un grande trionfo è infatti il raggiungimento del Paradiso, e lo hanno detto Anime Sante apparse, per esempio, a Natuzza Evolo.

Ognuno di noi porta addosso un disegno deciso da Dio, le modalità o l’applicazione ad ogni persona la conosce solo Dio. In questo disegno c’è scritto ciò che è davvero importante nella nostra vita, è quello che Dio ha deciso come bene migliore per ognuno ed ha come fine la salvezza dell’anima e i modi per ottenere la salvezza eterna.

Siamo sicuri di avere compreso il senso della nostra vita e i modi migliori per raggiungere la salvezza eterna?

Non c’è solitamente sofferenza in chi è solo/a, se c’è una Fede matura non si abbatte né considera la sua vita inferiore a quella degli altri.

D’altronde, è preferibile accettare la condizione di single in un contesto spirituale, piuttosto che sposare la persona sbagliata.

Si valuta caso per caso, ma dove si prega è presente la pace e si vive nella gioia.

Ci sono persone sposate che spesso ripetono di avere sbagliato vocazione ma può essere solo una tentazione. Ci sono Religiosi che arrivano a perdere il fervore e pensano al matrimonio, ci sono quelli che trovano l’anima gemella e vivono in clandestinità, altri lasciano il sacerdozio e si sposano.

Qual era il vero disegno di Dio su queste persone?

Nessuno è in grado di giudicare, solo Dio conosce perfettamente i loro cuori. Certamente, tradire il sacerdozio perché si dà sfogo all’istinto carnale è gravissimo, però, nel caso della definitiva scelta dell’abbandono per convolare a nozze civili, la Chiesa lascia liberi. Molti ex sacerdoti portano profonde ferite per la scelta impulsiva della relazione con una donna.

Il disegno di Dio è presente anche negli atei, negli anticlericali e in tutti gli esseri umani.

In questi giorni di preparazione al Santo Natale, pensiamo di più a Gesù Bambino e Lui ci invierà piccoli e grandi segni del suo Amore.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.