Le persecuzioni contro i buoni – 22 Gennaio 2022

Sabato 22 gennaio 2022

II Settimana del Tempo Ordinario

+ VANGELO (Mc 3,20-21)

I suoi dicevano: «È fuori di sé».

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderLo; dicevano infatti: «È fuori di sé». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

I nemici di Gesù arrivarono anche alla diffamazione forse più pesante, dicevano che il Signore era matto da legare, un Uomo uscito di senno e sproloquiava di un’altra Legge fondata sull’amore, sul perdono e sulla compassione.

Era vero che Gesù presentava una Legge fondata sull’amore e sul perdono, ma non c’era alcuna forma di per gli ebrei e Lui non era affatto pazzo.

Era contemporaneamente una persona strana e compiva miracoli… risuscitava dalla morte i defunti… guariva i lebbrosi… dominava la natura e i diavoli…

L’odio acceca e impedisce di capire la realtà, i nemici vedevano che Gesù era mite e parlava tanto di misericordia, predicava una dottrina pacifica, benevola, amorevole e la sua parola suscitava molta ammirazione soprattutto nelle fasce deboli, come gli afflitti, i perseguitati, i poveri e gli ammalati.

I capi degli ebrei più che la dottrina di Dio, temevano di perdere l’autorità, il potere sulla gente e allora utilizzavano la strategia del «mascariare» Gesù, rovinandone l’immagine con malignità insensate e calunnie gravissime.

Prima della predicazione di Gesù i capi degli ebrei vivevano «tranquilli», seguivano la loro legge e intendevano la religione in modo molto umano, non si facevano scrupoli nell’aggiungere con facilità precetti e riti alla Legge di Mosè e così la modificavano. I loro capi avevano una somma presunzione e si consideravano al di sopra della Legge.

Erano in pratica senza Legge o con una legge creata da loro…

La venuta di Gesù ha scompigliato l’ipocrisia di molti in Israele, questa la vera ragione dell’accecato accanimento nei suoi confronti. La Verità portata da Lui ha scoperchiato i sepolcri imbiancati e tirato fuori i cadaveri putrefatti dei capi religiosi degli ebrei che non pregavano e non osservavano le parole di Dio.

Lo stesso succede oggi nel Cristianesimo e molti della gerarchia considerano ingombrante la Persona di Gesù, tanto da modificare i suoi insegnamenti rendendoli umani.

Ancora non sono stati scoperchiati tanti sepolcri imbiancati e sono mascherati i cadaveri putrefatti travestiti di abiti sacri, quelli che predicano Gesù e subito dopo nelle tenebre complottano contro lo stesso Gesù, colpendo la sua Chiesa e manipolando il suo Vangelo con nuovi insegnamenti eretici e subdoli…

Lasciare sospesi insegnamenti importanti della morale è la strategia degli impostori, così loro non dicono in modo chiaro le eresie, ma le facilitano.

I veri seguaci di Gesù subiscono inevitabilmente forti persecuzioni affinché facciano silenzio! La loro coerente Fede non viene tollerata e quasi sempre vengono accusati falsamente, anche di una spiritualità eccessiva. È invece la vera spiritualità mistica e ascetica del Cristianesimo ma questi persecutori non la conoscono… non la praticano e la vogliono impedire.

Grandi Santi/e che hanno vissuto la vera spiritualità di Gesù e hanno amato con una devozione profondissima la Madonna, sono stati sempre perseguitati dalla gerarchia e indicati con brutte parole, hanno patito profonde umiliazioni, hanno perduto dignità e buona reputazione per difendere e predicare Gesù Cristo.

A Loro e non ai Prelati persecutori dei buoni, Gesù dice: «Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia» (Mt 5,11).

Santa Veronica Giuliani, Santa Margherita Alacoque, Santa Faustina Kowalska, la Serva di Dio Luisa Piccarreta, la Beata Madre Speranza di Collevalenza, Natuzza Evolo, San Pio e tanti altri sono stati tutti lungamente diffamati e umiliati soprattutto da Cardinali e Vescovi che avrebbero dovuto amarLi e proteggerLi. Animati da umile devozione avrebbero dovuto imparare da Loro a vivere la vera spiritualità del Vangelo, invece sono stati spietati carnefici.

E GESÙ COSA FACEVA DURANTE LE PERSECUZIONI? GUARDAVA COMPIACIUTO I SUOI SANTI CHE SI PURIFICAVANO AD OLTRANZA E RASSOMIGLIAVANO SEMPRE PIÙ A LUI, MENTRE OSSERVAVA CON SDEGNO I PRELATI PERSECUTORI CHE SI TRASFORMAVANO IN DIAVOLI, E IL LORO STILE DI VITA ERA SIMILE ALLA VITA DI GIUDA ISCARIOTA.

Madre Speranza è stata perseguitata per decenni dalla Congregazione per gli Istituti di Vita Religiosa e le veniva impedita ogni iniziativa, come il Santuario da costruire vicino alla sorgente dell’acqua miracolosa per fare immergere gli ammalati nelle piscine, come a Lourdes.

Papa Giovanni Paolo II andò pellegrino il 22 novembre 1981 a Collevalenza ed era la prima uscita ufficiale dopo l’attentato per pregare dinanzi a Gesù misericordioso. Incontrò Madre Speranza e le portò la consolazione di Gesù, dopo decenni di diffamazioni e persecuzioni spietate patite dalla Beata.

Le diffamazioni sono nei cuori degli ingannatori e le formulano con una genialità che neanche i diavoli… È il modo più veloce per danneggiare i veri apostoli del Vangelo di Gesù, tutti quelli seguono il Signore nella verità e conducono una intensa vita spirituale.

Gesù volevano farLo credere pazzo, «fuori di sé» (Mc 3,21), così anche i suoi insegnamenti subivano la stessa condanna e venivano ridimensionati di fatto.

Questa è l’arte della diffamazione, gestita con abilità da diffamatori diventati guru diabolici per distruggere la dignità dei buoni e molti sono Cardinali, Vescovi, Preti e Religiosi. Ieri ho scritto che molti di loro sono atei, ne consegue proprio per il tradimento diventano come dei mostri di cattiveria, spietatezza e esasperato odio contro i buoni.

Gli ebrei ricorrevano al mezzo più abietto (dopo l’omicidio) per fermare il Signore. La diffamazione di pazzia era stata diffusa un po’ ovunque per distruggere la credibilità e la dignità di Gesù, in fondo per salvare se stessi. Era una battaglia in cui uno doveva emergere e l’altro scomparire, gli ebrei la giocarono in modo sporco.

Gesù predicava che i veri beati sono gli umili e i miti, i perseguitati, i poveri, gli ammalati, i semplici e i puri di cuore.

Anche noi che seguiamo Gesù in questi brutti tempi, subiamo accuse o grandi persecuzioni immotivate, inventate, anche per la coerenza della nostra vita, la pratica delle virtù che fa impazzire i cattivi e gli atei. Abbiamo una Fede vittoriosa sulla malafede, ossia la disonestà e l’ipocrisia del mondo.

Il premio che attendono i buoni è la gloria eterna in Paradiso. Ma già qui, noi veri seguaci di Gesù riceviamo cento volte tanto.

Non preoccupiamoci della reazione maligna e stravagante di chi conosce o non conosce Gesù e non ama nessuno, consideriamo invece le Grazie che il Signore ci dona molto spesso e gli aiuti potenti in tutte le circostanze della nostra vita.

1 Ave Maria per Padre Giulio

«O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen».

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro: www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.