Zaccheo restituì tutto il denaro maltolto – 30 Ottobre 2022

Domenica 30 ottobre 2022

XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

+ VANGELO (Lc 19,1-10)

Il Figlio dell’Uomo era venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto.

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomoro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e Lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’Uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto». Parola del Signore

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

L’incontro che Gesù fece con il peccatore Zaccheo vuole farlo con ogni peccatore. La condizione indispensabile è il pentimento del peccatore, mentre in questi tempi molti confondono il vero significato della misericordia di Dio e non si curano del pentimento.

Il peccatore è davvero pentito solo quando riconosce lealmente i suoi peccati e li rifiuta con il proposito di osservare i Comandamenti.

L’incontro tra Gesù e Zaccheo fu importante per il suo meraviglioso significato ma scandaloso per i moralisti che erano credenti a fasi alterne.

Gesù si espose senza timore, non si preoccupò neanche per un istante delle diffamazioni che tutti gli avrebbero rivolto, a Lui interessava salvare l’anima di Zaccheo. La stessa ansia la mostra verso tutti i peccatori di oggi che riescono ad aprire anche un piccolo varco nell’anima per lasciare operare il suo Spirito Divino.

Anche questa azione di Gesù fu priva di calcoli umani, non temeva i giudizi altrui. Un uomo qualsiasi non avrebbe agito con una tale esposizione, l’incontro con Zaccheo faceva perdere la buona reputazione, e Gesù tra i giudizi cattivi degli uomini e il bene eterno del peccatore, scelse la salvezza dell’anima di Zaccheo.

L’unica e costante opera del Signore riguarda la nostra salvezza, ma quanti si preoccupano dell’anima e desiderano veramente convertirsi?

Gesù a queste persone non può dire le parole riferite a Zaccheo: «Scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua».

Zaccheo è stato colui che si è spogliato del denaro, della carriera e del potere per diventare umile servitore di Gesù Cristo. «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».

Le sue parole creano fastidio e avversione a quanti predicano Gesù ma non pregano più, non hanno Fede in Lui, ed è una grande finzione!

Zaccheo è un modello prezioso di cristiano meritevole di grande stima.

Zaccheo era un pubblicano, ricco e avido di denaro, implacabile sanzionatore di elevate tasse che imponeva per conto dell’Impero romano. Un appaltatore delle imposte, abile come i più scaltri commercianti, pagava allo Stato un canone come prodotto di una tassa che poi esigeva per proprio conto.

LA CONVERSIONE DI ZACCHEO CI DÀ NUMEROSI SPUNTI DI RIFLESSIONE E CHE NON RIESCO A COMPLETARE IN QUESTO COMMENTO. GIÀ IL SUO LAVORO DI ESATTORE ESOSO E CRUDELE LO PRESENTA COME UN NEMICO DEL BENE, SENZA CUORE, AMORE E BONTÀ VERSO IL PROSSIMO.

Ma proprio da queste caratteristiche esce fuori un uomo nuovo, rinato dopo avere incontrato il Signore. Entrato Gesù a Gerico, Zaccheo desiderava vederLo per aver sentito il racconto di tanti miracoli umanamente impossibili.

Dobbiamo partire da qui, dal suo intenso desiderio di vedere Gesù e di avvicinarLo anche se si vergognava, per comprendere la sua ricerca interiore di Dio.

Non erano più le retoriche spiegazioni degli scribi a dare a Zaccheo la vera gioia che forse non aveva mai conosciuto. Cercava la Verità.

Questo primo dato è sufficiente per capire che i beni materiali non possono soddisfare l’anima spirituale che anela esclusivamente a Dio.

Un altro dato che evidenzio per scartarlo è l’assenza di curiosità in Zaccheo. La maggioranza dei cittadini di Gerico spingevano e si accalcavano per riuscire a vedere GESÙ, AMATO DA POCHI E SCRUTATO DA MOLTI, SOPRATTUTTO DAI NUMEROSI NEMICI APPOLLAIATI AI LATI DELLE STRADE CON IL GHIGNO APPICCICATO SUL VOLTO E CON UN ANIMOSO ODIO INFLESSIBILE.

La salita di Zaccheo sul sicomoro, un albero maestoso che cresce fino ad un’altezza di 20 metri, e raggiunge i 6 metri di larghezza, con una chioma ampia e tondeggiante, è la salita del suo Calvario. Portava sulle spalle la croce confezionata da se stesso, con i suoi innumerevoli peccati ed era felice di compiere questo sforzo e di mostrarsi ai cittadini senza vergogna.

Non avrebbe mai immaginato di incrociare lo sguardo di Gesù, ma Gesù era a Gerico in cerca dei peccatori come Zaccheo, se non peggiori.

L’aspetto commovente che evidenzia la bontà e l’indulgenza di Gesù, è la sua iniziativa. È Gesù a guardare Zaccheo salito sull’albero.

«Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Uno scandalo per i «puritani» ebrei, essi non avevano la minima cognizione dell’Amore di Dio e Gesù non usò rispetto umano davanti a loro, ignorando totalmente i loro vergognosi giudizi.

Fu Gesù a cercare lo sguardo di Zaccheo, mentre Zaccheo si accontentava di vedere il Signore. Una volontà nell’uomo determinata a rinascere una seconda volta nello Spirito Santo, anche se non conosceva ancora questo indispensabile passaggio.

Nella conversione di Zaccheo emerge la sua splendida onestà intellettuale, egli riconosce i suoi errori e non si giustifica come amano fare quanti hanno il vizio di imbrogliare nel commercio.

Anche imprenditori cattolici immersi negli affari economici scelgono solo il proprio profitto, ignorando i diritti dei dipendenti o degli operai o di altri: non li pagano e li impoveriscono. Questi imprenditori si arricchiscono e «dimenticano» di pagare gli altri come da contratto, e conosciamo solo alcuni casi riportati dai quotidiani. Come potranno ottenere perdono da Gesù Cristo, qualora avessero il tempo di pentirsi prima della morte, che prima o poi avverrà?

L’orgoglio fa dimenticare presto tutti gli errori per concentrarsi sugli altri, per trovare anche una piccola sottigliezza da evidenziare anche contro chi vive rettamente.

Zaccheo l’intelligenza buona l’ha applicata bene, come scriveva Cartesio e ha scoperto Dio in Gesù, mentre molti farisei indemoniati affermavano pubblicamente che si trattava solo di un Uomo e non di Dio, che era sbagliato quanto predicava.

Zaccheo non ha ascoltato le dicerie su Gesù, ha saputo fare discernimento e questo indica in lui l’ingresso nella dimensione dell’onestà.

Non parlava più tanto per aprire bocca e muovere la lingua, come i farisei ipocriti, le sue parole le pesava con le lacrime del suo pentimento. Per questo Gesù si fermò a casa sua, entrò nella sua vita, cambiò radicalmente la sua esistenza.

Gesù si lascia trovare da chi Lo cerca con sincerità, senza pentimento ci si ferma alla conoscenza esteriore, non vale nulla e blocca l’Amore di Dio.

La salita di Zaccheo sul sicomoro ci dice che ognuno di noi deve compiere sacrifici e rinunce se vuole incontrare quel Gesù che la Sacra Tradizione ci ha trasmesso in questi millenni. La salita è sempre faticosa, soprattutto se il fardello dei peccati è pesante ed è presente una Fede debole simile alla fiammella.

Il sicomoro è stato la salvezza eterna di Zaccheo, noi quale mezzo utilizziamo per elevarci dal mondo corrotto ed incontrare davvero Gesù?

1 Ave Maria per Padre Giulio

“O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e da ogni persecuzione Padre Giulio e li respingano nell’abisso. Amen”.

3 Ave Maria…

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro:  www.gesuemaria.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.